Cerca

Al Qaeda: grazie Allah

per i morti in Abruzzo

Al Qaeda: grazie Allah
Fanno il tifo per il terremoto e sono contenti per le disgrazie capitate agli italiani: "Finalmente hanno avuto anche loro giorni neri. Oh Allah, uccidili e falli vagabondare". Così scrivono sui forum jihadisti i seguaci di Al Qaeda. E' questo uno dei tanti commenti apparsi negli ultimi due giorni in internet. Alcuni fanatici seguono, attraverso la tv e i numerosi siti di informazione arabi, il dramma della popolazione abruzzese colpita dal sisma e sembrano impegnati in una vera e propria gara a chi aggiorna più velocemente il bilancio delle vittime.

Uno dei forum in cui è possibile trovare messaggi sul tema è quello di al-Falluja. "Oh Allah, rendi stabili presso di loro il terremoto e le disgrazie - scrive Ashiq al-Irhab, nickname che in arabo vuol dire 'Desideroso del terrorismo' - maledici l'Europa, Israele e gli Stati Uniti". Un'invocazione simile è stata postata poco dopo da un altro utente, che si fa chiamare Figlio della Palestina. Anche su un altro forum, al-Shura, si susseguono le notizie riprese dai siti arabi con il bilancio delle vittime del sisma in Abruzzo e i vari utenti, sotto ogni articolo, aggiungono una macabra preghiera: "Oh Allah, fai salire queste cifre, distruggi i nostri nemici e aiuta i musulmani".

Scrive sullo stesso forum un utente che si firma Nureddin al-Zanki: "La nostra arma è più forte del fucile, è l'arma delle invocazioni e più ne facciamo più aumenta il bilancio delle vittime. Èun arma più forte di quelle possedute da al-Qaeda". Simili commenti appaiono anche in altri forum jihadisti, come quello degli Ansar e quello denominato dei Mujahidin. I loro utenti, tutti sostenitori del terrorismo islamico nel mondo arabo, esultano, come è capitato anche in passato con altre catastrofi naturali che hanno colpito l'Occidente. A loro giudizio si tratta di punizioni divine inflitte a quelli che definiscono "i nemici dell'Islam".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • stefo62

    09 Aprile 2009 - 16:04

    Ho appena fatto un giretto sul sito di Al Jazeera. Quello che si legge è che la stampa araba tratta l'argomento con grande rispetto per le vittime e senso di solidarietà. E' bene specificare questo, altrimenti si dà l'idea, ai lettori, che il mondo arabo la pensi in generale come quei 4 cretini di Al Qaeda, cosa che per fortuna è ben lontana dalla verità. Ma che, purtroppo, non farebbe che alimentare sentimenti di odio e diffidenza nei confronti degli arabi che vivono nel nostro paese, gente in generale del tutto amichevole e pacifica. Ditelo, voi giornalisti, che nel mondo arabo gli italiani sono amati, ed evitate di focalizzare l'opinione pubblica sulle affermazioni di una minoranza esigua. Io sono un italiano che ha viaggiato spesso, per lavoro, in medio oriente, e che è sempre stato trattato dai locali con grande amicizia e rispetto.

    Report

    Rispondi

  • ilcantodelgrillo

    09 Aprile 2009 - 15:03

    L'imbecille ( che ha bisogno del "baculum" mentale) è una realtà contro la quale l'intelligenza umana ha poco da fare se non isolarli. L'imbecillità non ha colore, nazione o religione : si è imbecilli per "grazia ricevuta" ... non si sa, pero', da ch, non si sa chi possa essere il fautore. Sono solo uno strumento per il transito di cibo che entra da un foro ed esce da un altro quindi consumano e poi inquinano. Null'altro. Quando l'Etna si scateno' era facile leggere delle scritte contro i Siciliani : "Forza Etna"; Oggi si inneggia al terremoto cioè all'apologia della catastrofe. Alexis Carrel diede una spiegazione ed una soluzione al fenomeno dell'imbecillità : per come un uomo nasce forte e bello un altro nasce debole e brutto, per come uno nasce intelligente un altro nasce cretino : bisognerebbe lasciare fare alla selezione naturale ma i soliti barellieri e pulizieri di culi sono sempre prondi ad invocare la solidarietà anche per chi non lo merita. Per questo Alexis Carrel - premo Nobel- per la chirurgia - fu emarginato e definito fascista. Risultato : una Terra abitata da nocivi cretini che meriterebbero esser trasformati in concime hic et nunc! Fratelli Abruzzesi Forza io son con Voi , prego Dio ( che non ha nulla a che vedere con i terremoti devastanti ma semmai questi risultati sempre dallimbecillità umana di chi avendone i poteri e avendone i mezzi non fa nulla per proteggere preventivamente la Popolazione che non solo a terremoti è esposta ma anche ad altre calamità non ultima l'invasione immigratoria selvaggia e non controllata). Fratelli di Abruzzo perdonate loro perchè non sanno quel che fanno e quel che dicono. E poi ricordate che questi farabutti che oggi osannano alle vostre disgrazie saranno ripagati adeguatamente dal Buon Do che come sapete non paga il sabato. Pace e bene ai confratelli Abruzzesi.

    Report

    Rispondi

  • Prosecco44

    09 Aprile 2009 - 15:03

    Leggendo l'articolo così com'è la prima cosa che provi è tanta rabbia,incredulità e una profonda offesa per l'incivile comportamento.E' impensabile che dei ragazzi, di qualsiasi etnia appartengano,possano manifestare così spavaldamente un " piacere" per le vittime di un terremoto.C'è un'altra chiave di lettura,però,che non dobbiamo trascurare.certi atteggiamenti così esasperanti e sprezzanti sono la continuità di una certa cultura del terrore ed odio nei confronti dei paesi occidentali ed hanno origini lontane:ideologica e militare.La pressante campagna dei media europei per avvicinare un popolo ai ns. usi e costumi,ai ns.valori ne è una prova ideologica;le guerre in Iraq,Afghanistan,Cecenia,tanto per capirci,sono poi il corollario di uno scenario che tutti conosciamo.E' necessario quindi evitare il diffondersi di certi atteggiamenti adottando tutti i tentativi di apertura al dialogo affinchè l'opinione pubblica Europea sia sempre più rispettosa della loro storia,delle loro tradizioni,dei loro costumi.Soltanto così potremo dare un senso ai 20 milioni di musulmani che vivono in Europa,molti dei quali pacificamente integrati nel sistema liberale,e attraverso lo sforzo di tutti noi potremo uscire fuori dalla spirale del'odio.Paolo 44

    Report

    Rispondi

  • pidmont

    09 Aprile 2009 - 15:03

    SCUSANDOMI DELLA LICENZIOSITA',MA DI FRONTE AD UNA TALE AFFERMAZIONE,NON POSSO CHE INVIARE AL MITTENTE L'UNICA RISPOSTA PIU' EDUCATA POSSIBILE : IL PIU' SONORO, VIGOROSO E TELEGRAFICO: VAFFAN....

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog