Cerca

Professori allo sbaraglio

Monti si sveglia troppo tardi
per salvare i nostri marò

Il sussulto tricolore: dopo le accuse, Roma richiama l'ambasciatore

Dopo che l'India, in extremis, comunica le accuse di omicidio e associazione a delinquere, la decisione di Roma. Troppo poco. Il commento di Maria Giovanna Maglie
Massimiliano Latorre e Salvatore Girone

Monti si è svegliato troppo tardi per salvare i marò

 

Adesso richiamiamo l’ambasciatore. Adesso. Complimenti, tempismo perfetto, ad accuse infami formalizzate, dopo tre mesi di carcerazione illegale, una cattura ottenuta con l’inganno in acque internazionali, violando le convenzioni dell’Onu e sfidando non solo l’Italia ma l’intera Unione Europea, adesso il governo italiano richiama  l’ambasciatore per consultazioni. Sai che paura si metteranno gli indiani adesso, dopo che per tre mesi sono stati liberi di compiere qualunque arbitrio su due militari italiani che difendevano una petroliera dagli assalti dei pirati. Dice un parente di Massimiliano Latorre e Salvatore Girone che si aspettano che il governo cominci a battere i pugni sul tavolo. La verità è che il governo se n’è altamente infischiato dell’intera vicenda, l’ha lasciata nelle mani solerti ma non adeguate di un sottosegretario agli Esteri. senza esperienze di governo e di politica. La verità è che il ministro degli Esteri, a marò illegalmente catturati, se n’è andato in viaggio d’affari con gli imprenditori in India e si è fatto fotografare sorridente con esponenti di quel governo. La verità è che Mario Monti dal vertice di Seul ha graziosamente comunicato che il primo ministro indiano gli aveva lasciato intendere che la vicenda si sarebbe risolta in modo amichevole e noi ancora aspettiamo di vedere una qualche traccia di amicalità, ma lui dovrebbe sentirsi preso in giro, visto che le accuse sono state depositate proprio un minuto prima che scadessero i termini per la carcerazione preventiva e i due militari potessero dunque tornare a casa. La verità è che, come vi abbiamo già anticipato sul giornale di ieri, la mole delle accuse è delle peggiori, che i nostri militari vengono trattati da assassini e da delinquenti, che si preparano a giudicarli, condannarli e tenerseli, a meno di un gesto veramente clamoroso, di un sussulto di dignità italiano. Monti che si sente con le carte in regola mentre va al vertice del G8, risponda a questa domanda: intende o no mettere con forza sul tavolo dei lavori la questione comune della violazione dei diritti sovrani del nostro Paese? Glielo chiede all’amico Obama?

Abuso di potere Vi ricordo le tappe più importanti della vicenda, che per modi e forme costituisce un precedente veramente pericoloso. La petroliera “Enrica Lexie”  è stata intercettata da un elicottero indiano in alto mare a ben 29 miglia dalla costa. Al di fuori delle acque territoriali e di quelle contigue, 24 miglia in tutto, non si possono fermare navi battenti bandiera straniera. Gli indiani hanno imposto alla nave di tornare indietro prima con l’inganno, fingendo la necessità di una testimonianza su un atto di pirateria, poi con la forza. Lo scrive nel rapporto inviato  alla Fratelli D’Amato di Napoli, la società armatrice della “Lexie”, il comandante Vitelli. «Durante l’evolversi dei fatti la nave si trovava a circa 29 miglia dalla costa indiana. Veniva notato da più persone dell’equipaggio e dai militari del nucleo di protezione un elicottero che ci sorvolava. Alle 19.15, venivo contattato dalla guardia costiera che si informava sul cambio di rotta e del tempo stimato di arrivo a Kochi. Si notavano sullo schermo radar più bersagli  senza identificazioni (navi militari). Alle 22, dopo aver dato fondo, si palesavano simultaneamente tre motovedette della guardia costiera, che giravano attorno alla nave ininterrottamente per tutta la notte».

Vince l’illegalità Poche ore prima, le 13 ora italiana, la Marina militare aveva informato il ministero degli Affari esteri che i marò della “Lexie” avevano respinto un sospetto attacco dei pirati. Il Centro di coordinamento per il salvataggio in mare di Mumbai della guardia costiera indiana invia subito dopo una mail al comandante Vitelli in cui parla di «un atto di pirateria con uno scontro a fuoco fra la sua nave e uno scafo sospetto» e chiede alla nave di dirigersi sul porto di Kochi. Il capitano comunica con l’armatore che lo autorizza a cambiare rotta, cosa che in seguito l’armatore negherà. La guardia costiera assicura che gli italiani devono solo riconoscere i pirati e poi potranno ripartire. Poi gli indiani gettano la maschera e con la petroliera ancora fuori dalle acque territoriali e contigue, lanciano l’elicottero che sorvola la “Lexie”. Alle  23.29 locali, nella rada di Kochi, il capitano invia la richiesta agli indiani di chiarire subito la faccenda per poter ripartire il giorno seguente alle sei del mattino. Invece arriva la polizia con lo stato di fermo. I marò verranno arrestati il 19 febbraio. Il ministro della Difesa, Giampaolo Di Paola, sostiene che sono stati costretti a sbarcare con la minaccia della armi. Il 19 febbraio a bordo ci sono il console a Mumbai, Giampaolo Cutillo, l’addetto militare dell’ambasciata italiana, contrammiraglio Franco Favre.  Massimiliano Latorre e Salvatore Girone, sembrano gli unici ad aver compreso la gravità della situazione e  prima di farsi arrestare dichiarano: «Consideriamo illegale il tentativo di sottrarci con la forza alla giurisdizione italiana, in virtù del principio di immunità delle forze militari in transito ed in servizio antipirateria». Tre mesi dopo l’illegalità ha vinto.

di Maria Giovanna Maglie

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • liberaluce

    24 Maggio 2012 - 16:04

    Condivido e apprezzo l'efficace articolo della brava Maria Giovanna Maglie a cui rivolgo la mia accorata preghiera perchè continui a trattare questa tragica kafkiana vicenda. Sono una quasi sessantenne (assai maldestra nell'uso di questo strumento) che dal 19 febbraio è angosciata per la sorte di due PERSONE stritolate in un ingranaggio allucinante e per una Italia presa continuamente a calci. Dopo aver inutilmente sperato che, dietro lassismo vergognoso, ci fosse sotto un'abile strategia diplomatica mi trovo ORRIPILATA a leggere che De Mistura ha espresso "disappunto" e ... irritazione!!!... che si è convocato l'Ambasciatore indiano ( forse per offrirgli un caffè?) ricavandone l'ennesima sberla...che il nostro è stato richiamato per ..consultazioni !..sai che ..sornioneindianerisate...!!! Poveri ragazzi...poveri cristi.. che patria hanno alle spalle per proteggerli??? Con un insensibile presidente Napolitano intervenuto SOLO per disapprovare le iniziative di solidarietà... (lui non c'

    Report

    Rispondi

  • aldo delli carri

    21 Maggio 2012 - 08:08

    il pensiero unico è un pensiero debole e monti e soci pensano solamente a banche, assicurazioni, a incoraggiare equitalia...non ha rispetto per le forze armate...se mandiamo i nostri soldati a rappresentarci nel mondo, nel bene e nel male, abbiamo il dovere di difenderli dovunque e a tutti i costi, anche andandoli a prelevarli con un bliz, esattamente come fanno gli stati uniti d'america...MANDATELI A CASA PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI...

    Report

    Rispondi

  • graziella

    20 Maggio 2012 - 22:10

    Mi sento impotente come italiana di fronte a questa vicenda, manca il governo, mancano le palle dell'orgoglio italiano, manca la volontá di prendere decisioni, rivoglio il ministro Frattini ,voglio vedere competenza e fatti, questa flemma burocratica uccide i nostri diritti, questo governo che partorisce solo tasse e balzelli non sa decidere, temporeggia, ha i sentimenti patriottici assopiti! Ci vuole coraggio e cuore: ci sono due soldati italiani ostaggi in India, due maró che rischiano la vita per difendere le nostre navi e noi stiamo qua a parlare di diplomazia, di ambasciatori , ecc. Svegliati Monti e guadagnati lo stipendio ,sali su aereo e vai prenderli, tanto il volo ,il carburante e il tuo gettone presenza lo paghiamo noi, un pó di grinta per Dio! Potrebbero essere tuoi figli ,ci spremi come limoni,dacci almeno la parvenza di essere un'italiano come noi ci saresti almeno un pó più simpatico.Una cosa mi dà fastidio: dove sono tutti i pacifisti,le bandiere,la Sgrena e company?

    Report

    Rispondi

  • 44carlomaria

    19 Maggio 2012 - 20:08

    Fuori dalle balle chi non sa difendere i nostri soldati. Napolitano pensaci tu, e noi dobbiamo pagare le tasse sulle tasse!!!! . Asvedomia

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog