Cerca

Pagano sempre gli stessi

Affossano gli stati
per salvare le banche

Tutto ciò che sta accadendo in Europa dimostra che la legge di mercato non esiste: infatti, si premia chi fa errori o il furbo

Affossano gli stati
per salvare le banche

Adesso è sotto gli occhi di tutti: se c’è una legge che non esiste, è proprio  quella più sventolata in questi anni per giustificare ogni tipo di operazione, la legge di mercato. Quel che è accaduto nell’ultimo anno prima alla Grecia, poi all’Italia e ora alla Spagna, dimostra senza ombra di dubbio che la legge di mercato è solo un fantasma. Appare quando si decide che questo o quel governo non fa più al caso della ristretta oligarchia internazionale che ormai muove le redini di finanza, economia e politica in quasi tutti gli Stati. Così è stato in Grecia quando il mercato ha fatto fuori governi democraticamente eletti per sostituirli con tecnici più graditi. È  accaduto in Italia, con la caduta del governo di Silvio Berlusconi e l’applaudito (solo all’inizio) ingresso a Palazzo Chigi di Mario Monti e della sua squadra di tecnici.

Il fantasma svanisce però improvvisamente quando davvero dovrebbe decidere il mercato: lampante il caso delle banche sia in questi mesi che nel clamoroso salvataggio spagnolo di queste ore.  La Bce di Mario Draghi con due operazioni di finanziamento a basso costo ha messo a disposizione del sistema bancario europeo un trilione di liquidità. Se la sono bevuta tutta, senza concederne nemmeno un sorso ai popoli d’Europa che boccheggiavano. Ora arrivano i 100 miliardi di euro per Bankia e gli altri mostri della finanza iberica. Un caso lampante di applicazione a rovescio della legge di mercato: si premia chi ha compiuto errori gravi e soprattutto chi ha fatto il furbo.

Leggi l'articolo integrale Franco Bechis su Libero in edicola oggi 12 giugno

roma

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Renatino-DePedis

    12 Giugno 2012 - 15:03

    sei il solito mistificatore, nel 99 l'editore televisivo Francesco Di Stefano vinse un bando per avere le frequenze di rete 4. nel 2000 è il governo Amato a disinteressarsi del problema, dando di fatto un vantaggio a mediaset (che strani inciuci fra sinistra e destra). il tutto si concluse con la legge Gasparri nel 2003. la cigliegina sulla torta. quindi la sinistra non fece nulla, invece la destra fece l'ennesima leggina per il suo padrone. di fatto un vantaggio al più grande liberale della storia del nostro paese, un personaggio che senza politica era gia in galera. ma cosa ci si può aspettare da uno che te che è convinto che esista l'assoluzione per prescrizione.

    Report

    Rispondi

  • UNGHIANERA

    12 Giugno 2012 - 13:01

    la storia di Europa 7 te la avevo già spiegata,le frequenze negate a quella emittente per favorire rete4 risalgono al 1999,governo D'Alema,e a causa di quel governo che si rivolse Europa7 quando intentò causa al governo italiano,la sentenza è avvenuta 5 0 6 anni dopo,contro il governo capeggiato da D'Alema,o pensi di fare il furbo?Non ti riesce,lascia stare,Silvio ora se la ride,lasciamolo in pace!

    Report

    Rispondi

  • UNGHIANERA

    12 Giugno 2012 - 13:01

    Il loro problema non è mica la crisi,il loro problema è legato alla assenza di Berlusconi,come dei bravi internati mentali continuano a comportarsi come se al governo ci fosse ancora lui,in pratica per loro la crisi è stata causata da Berlusconi quando saggiamente e per non calare i consumi diceva che i ristoranti erano pieni,o da bravo e lungimirante economista diceva che in Italia abbiamo mezzi per affrontare una eventuale crisi che in altri stati non ci sono!Niente,loro non vedono che Silvio,le banche anglosassoni ed i loro fidi elargiti senza criterio,i miliardi in bond greci acquistati dal governo francese,le paure tedesche di non riuscire a coprire i prospetti per finanziare i loro interventi sociali,queste le vere cause del disastro che ci opprime!La delocalizzazione,il calo dei consumi,tutta colpa di Berlusconi! Costoro sono i classici individui che si taglierebbero l'uccello per indispettire la moglie.Per fortuna che Silvio se la ride,mamma mia come se la ride!

    Report

    Rispondi

  • Renatino-DePedis

    12 Giugno 2012 - 13:01

    sei il solito coglione. ti ricordo gli ultimi tre anni di governo del nulla. forse che siamo in questa situazione per tutti quelli che ci hanno governato fino a ieri, compreso il miglior pdc degli ultimi 150 anni? l'ossessivo sei tu e gli altri bananas. o secondo te bastano cenette eleganti con le nipotine di mubarak per governare? e intanto l'italia dovrà pagare anche i 10 milioni di multa per una legge illiberale, la gasparri, varata per favorire mediaset dallo stesso proprietario. saranno pochi per uno stato ma intanto non la paga lui la multa. accidenti che genio di ex premier che avevamo, e come le cose andavano a goinfie vele con lui, le tasse non esistevano, i ristoranti erano pieni, le troie avevano un sacco di clienti. epoi basta con sto cazzo di golpe, ma leggiti la costituzione, buffone! ps con silvietto come staremo oggi?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog