Cerca

Big Bang a Firenze

Renzi contro il Pd: che male c'è se piaccio al centrodestra?

Il sindaco rottamatore attacca i vertici del partito: avete dato, ora basta

Matteo Renzi

Matteo Renzi rottama il Pd. Davanti a oltre 700 amministratori locali provenienti da tutta Italia per il "Big Bang Italia obiettivo comune" il sindaco di Firenze lo dice a chiare lettere: "Cari D’Alema, Veltroni, Bindi, Franco Marini, in tutti questi anni avete fatto molto per il paese, avete fatto molto per l’Italia ma adesso anche basta, si può servire l’Italia senza stare necessariamente attaccati ad una poltrona".

L'attacco a Bersani - Ma Renzi ce l'ha prima di tutto con il segretario del suo partito Pierluigi Bersani. Prima ironizza sulla sua assenza alla convention: "Mi dispiace che quando facciamo qualcosa, casualmente le agende si complicano. Noi faremo la Leopolda 15 giorni prima delle primarie, spero non mettano niente in contemporanea". Poi, premesso che a lui "mi lega un sentimento di affetto”, lo attacca: "Credo che avere idee diverse non possa provocare un atteggiamento di insulti in una logica cannibale. Questa è una  visione assurda: noi ci chiamiamo partito e anche democratico, la democrazia vera è rispetto dell’altro”. Ma non finisce qui perché il rottamatore corregge il motto del suo segretario: "l'espressione fedeltà alla ditta come dice Bersani mi lascia perplesso. Io direi leali  a una comunità, e la nostra lealtà non è in discussione”.

Vincere le elezioni - Il sindaco di Firenze si toglie anche qualche altro sassolino dalle scarpe. Innanzitutto risponde per le rime ai "colleghi" che ce l'hanno con lui perché è ammirato dal centrodestra. “Piacere all’altra parte politica, a chi votava dall’altra parte, non è un delitto". Anzi, dice Renzi. "E’ l'unico modo per provare a vincere le elezioni. L'idea è di pescare in un elettorato deluso. Ma come fa l'elettorato di Berlusconi, che era quello della rivoluzione liberale, a non essere deluso dopo questi anni e tutto quello che ha dovuto vedere? Ma purtroppo per alcuni chi cerca di fare questo, di guardare a questo elettorato, diventa automaticamente identico a essere amici di Dell’Utri, Moggi, Capitan Uncino e tutti gli altri". 

Tecnici addio - E in quest'ottica vanno anche "cambiate idee, forme e facce e regole del gioco, anche perché non c'è solo uno che è il depositario della verità". A partire dai professori: "Un governo tecnico possiamo chiedere di fare i conti per bene? Ci sono dei principi naturali di corrispondenza reale che dobbiamo seguire. Noi siamo i veri tecnici. L’Italia è meglio di come noi ce la raccontiamo". 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • jobbe50

    24 Giugno 2012 - 15:03

    Renzi in Italia rappresenta colui che vuole rinnovare una politica che da quando è stata fatta l'Italia è sempre la stessa , col tempo la vecchia politica ha aumentato il suo potere sino a gestire la cosa pubblica per fini personali, e voi sapete di cosa parlo.... adesso abbiamo la possibilità di voltare pagina grazie ad un giovane capace e che ha voglia di cambiare tutto per rinnovare l'Italia , non perdiamoci questa occasione, non lamentiamoci passivamente dei politici arraffoni che abbiamo da oltre mezzo secolo, Renzi avrà i voti di dx sx e centro perchè l'Italia non ha bisogno di dividersi per cambiare ma di unirsi attorno a chi ha le idee molto chiare sul da farsi nell'interesse di noi italiani. La vecchia nomenclatura discredita Renzi perchè questi va contro i loro personali interessi che hanno portato l'italia sull'orlo del baratro. Forza Renzi....

    Report

    Rispondi

  • Libero Di Rino (LDR)

    23 Giugno 2012 - 20:08

    Questi giovani onesti che amano la politica potranno sicuramente fare il bene del nostro Paese.Quando una nazione attraversa dei brutti momenti economici, destra e sinistra dovrebbero unirsi e governare per il bene della nostra nazione. Durante gli ultimi anni, tutta la sinistra e una piccola parte del centrodestra hanno cercato in tutti i modi di alimentare l'odio verso Berlusconi che non ha avuto possibilità di governare.La stampa simpatizzante della sinistra italiana ha avuto alleati da parte dei loro colleghi della stampa estera con lo scopo di infangare Berlusconi e L'Italia.

    Report

    Rispondi

  • toscano05

    23 Giugno 2012 - 20:08

    Bravo Sindaco di Firenze basta con i soliti che dicono sempre avanti i giovani poi cercano di tutto per restare a galla basta cin quastovecchiume basta conni soliti ladri basta gradare e altre nazione e vedere che bella gioventu le goerna qui fare il politico diventa n lavoro a tempo inteterminato e un accomolo di sodi basta basta danta adx che a sx

    Report

    Rispondi

  • blu521

    23 Giugno 2012 - 19:07

    Tanto le cavie siamo noi

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog