Cerca

India

Affonda il peschereccio Saint Antony,
la prova che scagionava i marò

Sospetti sulla sparizione dell'imbarcazione che poteva salvare Latorre e Girone

Non sembra casuale che a pochi giorni dall'inizio del processo dei due fucilieri siano sparite le tracce che potevano porre fine alla vicenda
Affonda il peschereccio Saint Antony,
la prova che scagionava i marò

 

È affondato il peschereccio Saint Antony che avrebbe potuto scagionare i due marò Massimiliano Latorre e Salvatore Girone accusati della morte di due pescatori indiani. 

Come anticipato dal Quotidiano Nazionale ora sono compromessi ai fini del processo che inizierà il 17 luglio molti elementi che potevano salvare i due fucilieri di marina. Infatti i residui di polvere da sparo nei fori dei proiettili sono stati lavati e i fori stessi rischiano di essere erosi dalla salsedine. A questo punto gli unici elementi a disposizione dei giudici sono i discussi e contradditori rilievi effettuati dalla polizia del Kerala.

Altra storia ancora sono i rilievi sulle traiettorie dei proiettili che colpirono il Saint Antony. Le raffiche vennero sparate orizzontalmente, quindi da un'imbarcazione alta quanto il Saint Antony, probabilmente una motovedetta dello Sri Lanka, e non dall'alto verso il basso come avrebbero dovuto essere se sparate dalla petroliera. Il sospetto ora è che l'affondamento del Saint Antony non sia stato casuale. 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Liberamentelibero

    17 Luglio 2012 - 15:03

    I Marò sono stati arrestati con violazione di una norma di diritto internazionale, le prove sono a favore dei Marò stessi infatti gli indiani le hanno distrutte, per cui le opinioni alla "secondo me" restano un misero discorso da bar. Saluti.

    Report

    Rispondi

  • supergiaf

    17 Luglio 2012 - 14:02

    nessuno scrive che potrebbero essere colpevoli.Dunque meritano una punizione esemplare .E secondo me sono colpevoli.

    Report

    Rispondi

  • ariete84

    17 Luglio 2012 - 13:01

    e allora buoni buoni abbassiamo la testa, sperando nella pietà degli altri. Ma così li aiutiamo ancora di piu' a metterci i piedi in testa. Un pò di energia perdio! La parola rappresaglia, la conosciamo? la vogliamo mettere in pratica quando è il momento? Qualsiasi altro paese lo farebbe.

    Report

    Rispondi

  • agostino.vaccara

    17 Luglio 2012 - 12:12

    Hanno fatto sparire il peschereccio oggetto del contendere! Già di per sè questo sarebbe indice della mancanza di ragioni serie per incriminare i nostri marò. Però io ricordo che all'inizio giravano foto di questo peschereccio crivellato di colpi sparati però non dall'alto verso il basso bensì orizzontalmente. Queste foto sicuramente ci sono ancora e si possono portare di fronte alla corte barzelletta del kerala. Ma un Governo serio con una diplomazia seria, queste foto le dovrebbe portare di fronte all'alta corte di giustizia dell'Aia, non alla piccola corte d'ingiustizia del kerala!!!!!!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog