Cerca

L'intervista-polverone

Monti senza freni: col Cav
lo spread sarebbe a 1200

Monti senza freni: col Cav
lo spread sarebbe a 1200

"Penso che se il governo precedente fosse ancora al potere lo spread sarebbe a 1.200, o qualcosa del genere". Sono le parole di Mario Monti al Wall Street Journal, in una lunga intervista che, dopo quella concessa allo Spiegel tedesco è distinata a sollevare un altro polverone perché nel mirino pare esserci, non nominato, Silvio Berlusconi. E non a caso, nel pomeriggio, dopo le reazioni stizzite del Pdl, ecco la parziale smentita con tanto di telefonata privata tra premier e Cavaliere: "Una banale estrapolazione, non voleva essere un attacco politico", avrebbe spiegato Monti al suo predecessore. Evidentemente, il professore non è un grande comunicatore visto che anche dopo l'intervista allo Spiegel è stato costretto a fare pubblica marcia indietro.

Incubo spread - Nell'intervista al WSJ, Monti parla di economia e di Europa. Dice che gli spread sono ancora alti perché il nostro debito "è oggettivamente molto alto e i mercati hanno iniziato a realizzare in modo drammatico che la governance dlla zona euro è debole". La Francia ha fatto molte meno riforme di noi, eppure i suoi spread sono più bassi. Perché è opinione prevalente che la Germania non lascerà andare. Il Wall Strret Journal scrice che il "carattere disciplinato di Mario Monti è più tedesco che italiano.  Cattolico, istruito dai Gesuiti, è apprezzato dal Vaticano anche se ha reintrodotto le tasse sulle proprietà della Chiesa» e ha «portato con sé uno stile più sobrio» rispetto a quello di Silvio Berlusconi. «Da questa estate» scrive ancora il Wsj, Monti «si trova in un circolo vizioso, più propone misure impopolari, più i partiti che lo sostengono minacciano di uscire dal governo». 

Comportamento italiani - E’ necessario che le riforme  approvate "si radichino nel comportamento degli italiani al punto che  possano sopravvivere anche a governi vecchio stile". Lo sostiene il premier Mario Monti. "Spero che il  mio governo possa contribuire a cambiare mentalità italiana",   aggiunge, puntualizzando che "questo non vuol dire che voglio   sostituire mentalità italiana con quella tedesca".   "Ma ci sono alcuni aspetti del comportamento italiano, come la   solidarietà spinta al livello della collusione, che sono alla radice  di cose come l’evasione fiscale, che il mio governo sta combattendo   con strumenti e l’impegno senza precedenti", aggiunge. Poi parla di "concertazione" che definisce come una una pratica utilizzata in modo troppo esteso in passato e la paragona al il dentifricio: se non lo chiudi, finisce tutto fuori", ha aggiunto.

Credibilità - "La mia aspirazione non è di essere amato. E  che il mio governo sia rispettato e credibile. Il mio compito era quello di trasformare la mia popolarità, che ha iniziato a circa il 72% ed è ora di circa il 40%, in impopolarità a titolo di misure necessarie. Alcuni dicono che abbiamo fatto di meno sulle liberalizzazioni, perché non volevo essere odiato da farmacisti, ma questo non è vero. Ho dovuto calcolare il consenso minimo di cui avevo bisogno tra i partiti politici italiani perché venissero approvate le leggi. 

La precisazione di Palazzo Chigi - Le parole di Monti hanno sollevato numerose polemiche nel Pdl, tanto che alla fine fonti di Palazzo Chigi hanno dovuto fare una precisazione: non c'è alcun intento polemico nei confronti del precedente esecutivo. La stima fornita da Monti di uno spread a 1200 punti deriverebbe da una proiezione dei possibili effetti della speculazione nei confronti del nostro Paese in assenza di un segnale di discontinuità. Da aprile a novembre  2011, lo spread passò da 150 punti a 550. Per questo motivo, ricordano le stesse fonti, si ricorse al Governo tecnico. Precisazioni un po' freddine, che infatti avrebbero indotto il premier, in privato, a telefonare al Cav per assicurargli che quelle frasi erano una "banale e astratta estrapolazione" dell'ampia intervista al WSJ. "Il presidente del Consiglio, Mario Monti, come ha chiarito in un colloquio telefonico con il presidente Silvio Berlusconi, è dispiaciuto - si legge nella nota poi diramata da palazzo Chigi - che una banale e astratta estrapolazione di tendenza di valori dello spread sia stata colta come una considerazione di carattere politico, il che non rientrava per nulla nelle sue intenzioni".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • 654321

    10 Agosto 2012 - 18:06

    Che piacere,Maremma ingorda! Gmt, un si po mica tutti i giorni ingoia' rospacci amari! Gia' ci tocca sorbacci sti baccelloni di compagni gosti del blog! Autorizzo il buon Guido a trasmetterti la mia mail, poi un ti lamenta' se sbavi! Se voi la guerra hai trovato quello bono! Ciao carissimo,se un piove siamo del gatto! A risentirci in modo diverso e mangia Maremma rinsecchita! Ciao

    Report

    Rispondi

  • 654321

    10 Agosto 2012 - 17:05

    ...non ho tutta quella terra..ma, mettiamo che io entrassi nel tuo bosco,perche' non debbo pagare te ma la Regione? Non rompiamoci troppo le palle cosi e',ed e' la legge del menga! Per quanto riguarda i burocrati, siamo del gatto..peccato che su circa 200.000 fucili Toscani ,un buon 70% sono compagnoni che rivotano sempre i soliti e quindi...mal voluto non e' mai troppo! Per non parlare poi dello scempio dei consorzi di bonifica, non c' e' piu nemmeno una ranocchia! Anche li fatta la legge dagli scienziat,che poi non vedono,non sentono e non parlano...e il gregge zitto! Le previsioni del tempo ci segano le gambe sino a fine mese, poi speriamo nel cambiamento senza danni! Allora tutta macchia e che vengano pure ...ma sai quante braghe si stracceranno, qui sono macchiacce! Ho preso un gps favoloso con la trak map, spero non mi simscarichino le pile! Preparati al bollorore,si more! Poi ti spediro' foto miste quando ritornerai alla base. Ciao

    Report

    Rispondi

  • GMTubini

    10 Agosto 2012 - 16:04

    La fate finita di ragionà di roba da mangià che 'n casa siamo a dieta, io cignale! Guido, se c'hai sempre il mio indirizzo mandale anche a me le foto dei funghi, che voglio patì!

    Report

    Rispondi

  • guidoboc

    10 Agosto 2012 - 12:12

    Ma scherzi davvero, del Trentino? Per carita.solo per frescura, da domani torno a boccheggiare. Purtroppo non e' la regione a decidere , ma l'ispra un organo non consuntivo ma decisionale, dove tutti si devono attenere, ed e' un male.Perche' fra questi professoroni non c'e' conoscenza ,della caccia e dell'ambiente , perche' non vivono a contatto col territorio come il cacciatore. I verdi,li conosco anche troppo essendo un membro della consulta della mia Provincia,e con questi elementi e' uno scontro continuo. La Regione Toscana ha dato il contentino ai verdi. Per i funghi , non credo che nella tua proprieta' privata devresti pagare il bollettino 'informati meglio. Un salutone Guido

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog