Cerca

Scandalo a 5 stelle

Consiglieri grillini usano soldi pubblici
per pagare le interviste e comparsate tv

Ferragosto di fuoco al consiglio regionale di Bologna: coinvolti anche esponenti Pdl, Sel, Lega e Udc. Leggi il tariffario
Consiglieri grillini usano soldi pubblici
per pagare le interviste e comparsate tv

 

Scandalo sul Movimento a Cinque Stelle. Un Ferragosto di fuoco a Bologna dove alcuni consiglieri regionali pagano, con soldi pubblici interiste e ospitate nelle tv e nelle radio locali. Tra loro c'è anche il grillino Giovanni Favia che è stato eletto proprio per protesta contro la Casta e che ogni giorno è in prima linea nel denunciare gli sprechi pubblici. E pensare che Beppe Grillo aveva vietato, durante la campagna elettorale per le elezioni amministrative, la sovraesposizione mediatica agli aderenti al suo movimento. La notizia è riportata dal quotidiano Repubblica, che riferisce di Favia il quale ha amesso di aver firmato un contratto con un'emittente locale "per garantirsi visibilità" nonostante gli anatemi del suo leader Grillo. Lo scandalo non coinvolge solo il grillino: la sua collega dell'Udc Silvia Noé ha spiegato serenamente che così "così fan tutti", devolvono una piccola quota per avere un ritorno sicuro d'immagine leggendo la rassegna stampa.

Tariffe e controlli rEsiste, svela Repubblica, un vero e proprio tariffario: si va dai 200 fino ai 500 euro a presenza. Addirittura un consigliera regionale della Federazione della sinistra, appena eletta, Monica Donini si è vista recapitare una mail con le proposte di una tv. Il consighliere del Pdl Galeazzo Bignami ha mostrato una fattura di 1500 euro per cinque ospitate. Coinvolti anche  l'esponente di Sel Gian Guido Naldi e il leghista Manes Bernardini. Il Pd si tira fuori e invoca l'intervento dell''Ordine dei giornalisti che, intanti,  ha annunciato verifiche. In realtà sono già arrivate prime ammissioni da parte di qualche  giornalista. Dario Pattacini di "/ Gold": "Certo che mi facevo pagare, noi non abbiamo finanziamenti dallo Stato, chi vuole venire da noi lo sa, sono 200 euro a tramissione, nessuno si è mai lamentato". 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • INCAZZATONERO69

    15 Agosto 2012 - 19:07

    Se la combriccola le sembra sgangherata,mi spiega come mai ci si affana per demolire il Movimento?Visto che sono ne più ne meno l'espressione di tutti gli attuali partiti politici,non basterebbe scendere a compromessi?Spartizioni di poltrone e ruberie di ogni specie li lasciamo agli altri.Riguardo alla inconsistenza di un programma,motivo in più per dormire sonni tranquilli,non le pare?

    Report

    Rispondi

  • darkstar

    15 Agosto 2012 - 15:03

    Semplicemente Grillo non crede ai suoi occhi nel vedere il successo del suo "movimento" e non vuole rischiare che, in un dibattito televisivo qualcuno dei suoi parli troppo, metta allo scoperto tutte le contraddizioni e le inconsistenze nella sua sgangherata combriccola e faccia cadere il castello di carte.

    Report

    Rispondi

  • honhil

    15 Agosto 2012 - 09:09

    Dietro a quello che può sembrare a prima vista un gesto di stupida contemplazione di se tessi, c’è un gran bel numero di reati, compreso l’ingannevole pubblicità del prodotto. Si spera che, con solerzia, la magistratura si metta in moto.

    Report

    Rispondi

  • clintock

    14 Agosto 2012 - 21:09

    ... che poi riportiate gli articoli di Repubblica é veramente triste

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog