Cerca

Le scadenze del fisco

Dopo le vacanze pioggia di tasse e a settembre la nuova rata Imu

Un quarto degli italiani chiamato a pagare tra professionisti, partite Iva, società. Si comincia con i saldi Irpef e Iva, poi... 
Dopo le vacanze pioggia di tasse e a settembre la nuova rata Imu

di Antonio Castro

Tenetevi forte, godetevi (se potete e se le avete fatte) questo scampolo di estate e vacanze e preparatevi a mettere mano al portafogli. Da domani, 20 agosto, parte una grandinata di scadenze fiscali che costringeranno all’esborso almeno un quarto degli italiani: 15 milioni tra professionisti, partite Iva, società e via elencando dovranno saldare Irpef, Iva e contributi Inps e Inail. Il gran finale - di questo spettacolo pirotecnico/fiscale - è atteso per il 17 settembre quando scade il termine per versare la seconda rata dell’Imu sulla prima casa.

La bufala di Ferragosto (“la balla” della riduzione delle tasse) è durata meno della pioggia di stelle di San Lorenzo. Di certo c’è la smentita ufficiale del presidente del Consiglio Mario Monti, che ha colto l’occasione di una breve vacanza in Svizzera per incontrare il presidente della Confederazione elvetica (e pure ministro delle Finanze), Eveline Widmer-Schlumpf. A inizio giugno si erano già incontrati per discutere di come tassare i presunti 150 miliardi di capitali espatriati custoditi (forse) nei caveau d’Oltralpe. Monti entro ottobre dovrà trovare la funambolica soluzione tra una ragionevole imposta (che non assomigli ad un condono per chi ha esportato illegalmente capitali), ed evitare al contempo che i dobloni degli evasori italiani vadano a trovare rifugio in altre piazze lasciando il Professore e l’Erario con poche briciole. Si chiacchiera di una tassazione una tantum del 25%, ma si teme che alzando troppo l’asticella i quattrini possano involarsi.  Insomma, la pratica è delicata e chi prospetta un incasso di circa 30/35 miliardi fa solo il gioco dei consulenti finanziari che ipotizzano ben più vantaggiose alternative truffaldine. 

Tassa oggi, tassa domani non che il fisco italiano faccia proprio una bella figura. E neppure incassa il previsto. A cominciare dalla tanto sventolata tassa sul lusso. Ricordate la mega imposta per i ricconi? Botte (fiscali) da orbi per i proprietari di macchinoni, per gli amanti del jet personale e per gli appassionati di velieri e barconi. Sette mesi fa il governo - al grido di “equità” - pensò bene di prevedere una bella tassa di stazionamento per i natanti. Da un minimo di 800 euro (per le barche sopra i 10 metri) ad un massimo di 65mila euro l’anno (ma per gli yacht oltre i 64 metri). La Ragioneria generale dello Stato aveva stimato di poter incassare 155 milioni. A luglio il fisco ha ricevuto pagamenti per meno di 24 milioni. E la tassa sugli aeroplani privati? Doveva portare un gettito di 85 milioni. È già tanto se si sfiorano i 2 milioni. È andata un po’ meglio con il superbollo per i bolidi oltre i 185 cavalli di potenza. Dei 147 milioni preventivati ne sono arrivati in cassa solo 67, ma si spera di avvicinarsi al gettito previsto con le scadenze di fine anno. In totale Monti e Attilio Befera (direttore dell’Agenzia delle Entrate) avrebbero dovuto incassare la ragguardevole cifra di 387 milioni. Ma in cassa ne sono arrivati soltanto 92,3. Per gli amanti delle percentuali appena il 23%. Non un grande successo, tralasciando il fatto che la prua del 30% dei natanti a rischio tassa oggi veleggia in acque fiscali meno agitate (Croazia, Grecia, Spagna) sempre che il mezzo non sia stato ceduto a qualche società di leasing estera per evitare sgraditi controlli incrociati. Identico discorso per i gipponi e i macchinoni. Avete notato quante targhe straniere sugli ultimi modelli? La norma sui cavalli fiscali - e il pericolo di incappare in un controllo incrociato tra reddito e capacità di spesa - ha convinto più di qualche scaltro imprenditore a vendere (magari sottocosto) la fiammante auto e a sostituirla con una targata Francoforte o Madrid. 

Problemi che non riduardano certo i comuni mortali stretti tra una busta paga sempre più depredata e tariffe che aumentano. La ventilata patrimoniale, che ogni tanto occhieggia nella palude della politica estiva, fa capolino ma rimette subito la testa sotto la sabbia. Già è difficile trattenere chi ha coraggiosamente investito in Italia, figurarsi attrarre investimenti con lo spauracchio di una nuova tassa sui patrimoni. L’autunno sarà incandescente e non sarà colpa di qualche perturbazione atlantica.

.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Satanasso

    20 Agosto 2012 - 12:12

    Le tasse sono alte? Basta non pagarle lavorando in nero come fanno gli stranieri che mandano poi i soldi a casa con western union ! Se il Paese non cade col culo per terra,la Casta continuera' a pasteggiare alla facciazza Nostra !

    Report

    Rispondi

  • arwen

    20 Agosto 2012 - 06:06

    Non vi preoccupate, i nostri ineffabili professori salveranno l'Italia...Peccato che non ci saranno più gli italiani!

    Report

    Rispondi

  • MATRIX2011

    19 Agosto 2012 - 19:07

    vanno in vacanza in auto, mangiano in alberghi ed agriturismo, comprano teleni ed tablet da 600 euro, giocano alle slot e comprato gratta e perdi da 10 e 20 euro; fa bene Monti a tartassaVi perchè siete pieni di soldi Babbei e binbominkia

    Report

    Rispondi

  • sgangemi

    19 Agosto 2012 - 14:02

    Sembrava volessero portare il paese e la sua sporca politica alla ragione. Sembrava volessero rivoluzionare il mondo delle caste, delle lobby, del malaffare e liberarci dalla zavorra del debito pubblico e dall'evasione.E invece? Con vigliaccheria e manifesta arroganza hanno salvato solamente chi divora l'economia del paese. La mafia,la camorra operano sottobanco cercando di passare inosservate; il governo tecnico opera con sfacciata incompetenza e strafottenza facendoci credere che sono necessari ulteriori sacrifici. Dov'è la differenza? E i politici? Cincischiano, balbettano, fanno finta di impegnarsi! Si che si impegnano fino al midollo! Si impegnano a mantenere i loro privilegi: E' proprio il massimo dello schifo e dello sconforto. Essere governati da questa gentaglia è non solo deleterio ma anche degradante come degradata è la politica.

    Report

    Rispondi

blog