Cerca

Protesta disperata

I minatori barricati avvertono: "Abbiamo 690 kg d'esplosivo, non possiamo garantire la sicurezza"

Quarto giorno di occupazione a -373 metri. Il rappresentante sindacale Mereu a Tgcom24: "Avete visto cosa ha fatto il nostro collega? Noi stiamo tenendo tutti tranquilli, ma non possiamo controllare le loro teste"
Stefano Meletti

Stefano Meletti

"Avete visto cosa ha fatto il nostro collega che si è tagliato il braccio? Siamo disperati, stiamo cercando di tenere tutti tranquilli ma non possiamo garantire che non ci saranno gesti folli. Noi qui abbiamo 690 chili di esplosivo e li terremo con noi". Assume risvolti inquietanti il drammatico appello che Sandro Mereu, rappresentante sindacale della Carbosulcis, ha rivolto alle autorità attraverso i microfoni di Tgcom24. La situazione nella miniera di Nuraxi Figus è esplosiva: da domenica i minatori, a turni di 30, occupano le gallerie a 373 metri di profondità per protestare contro il licenziamento di 463 colleghi e il mancato piano di conversione della cava della Carbosulcis che mette a rischio il futuro dell'intera area. "Siamo soli, il governo, Bersani Fini, Casini non si sono fatti mai vedere, abbiamo avuto solidarietà da tutto il mondo ma i politici che devono sostenere il lavoro non ci sono vicini. Siamo alla fame, questo territorio è morto. Io non potrò più mandare all'università mia figlia. Stiamo morendo tutti", sono le parole di Mereu, che ha poi commentato il tragico gesto di Stefano Meletti, l'operaio di 48 anni che mercoledì mattina davanti ai giornalisti si è ferito all'avambraccio con un coltello per dimostrare la disperazione dei minatori. Ora Meletti sta bene ed è a casa con la famiglia. "Sappiamo che si sta riposando e lo salutiamo - riferisce Mereu -. Aspettiamo che ritorni con noi, abbiamo bisogno di lui". 


Nuova protesta - E in mattinata i minatori hanno continuato la protesta: due di loro sono scesi a 400 metri di profondità, nell'ultimo livello della miniera. Il punto raggiunto dai due lavoratori era un’area di raccolta di acque e fanghi considerata pericolosa dai colleghi, un gruppo dei quali ha raggiunto i due operai convincendoli a risalire. 

Vie d'uscita - Il nucleo industriale di Portovesme in questi anni ha già perso 7.000 posti di lavoro. La miniera di Nuraxi Figus rappresenta quasi un ultimo simbolo, un baluardo di resistenza nonostante la riconversione dell'area rischi di costare qualcosa come 250 milioni di euro l'anno. Troppo. Tuttavia dal governo, aspramente criticato dai minatori, sembra arrivare un improvviso segnale d'apertura. "Non sta scritto da nessuna parte che la miniera debba chiudere il 31 dicembre", ha spiegato il sottosegretario allo Sviluppo economico Claudio De Vincenti, Intervistato da Radio Anch'io, ha poi aggiunto che la miniera della Carbosulcis è al 100% della regione Sardegna e che quindi è la regione che deve deciderne la chiusura, ma che per il governo sono possibili soluzioni alternative. I progetti di riconversione della miniera del Sulcis devono essere ''economicamente sostenibili'', ha ancora affermato De Vincenti. E il presidente Giorgio Napolitano, in una nota ufficiale, si è detto "profondamente partecipe delle ansie" dei minatori sardi. "Io sto con voi", ha detto il presidente della Repubblica. Basterà?

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • fonty

    fonty

    01 Settembre 2012 - 14:02

    Tutta la mia solidarietà a questi lavoratori che, caso ormai raro in Italia, vogliono lavorare non vivere a carico della collettività con casse integrazione e simili. Mi consola il fatto che ci sia ancora gente così, che ama il proprio lavoro, anche se faticoso e denso di pericoli, onore a loro.

    Report

    Rispondi

  • allianz

    31 Agosto 2012 - 19:07

    La Oto Melara e la Berretta non andranno MAI in crisi.Fino a che ci saranno popoli che si scannano TRA LORO nessuna fabbrica di armi chiuderà i battenti.

    Report

    Rispondi

  • allianz

    31 Agosto 2012 - 19:07

    Gli hanno chiuso il petrolchimico,gli hanno chiuso Ottana, porto a Scuso l'Alcoa..ed adesso stanno chiudendo il Sulcis e l'attività mineraria.L'unica realtà produttiva rimane La Saras e Fiume Santo.Per il resto il nulla.Di questo passo temo che le velleità indipendentiste Sarde abbiano il sopravvento sulle "istituzioni della repubblica delle banane".Sarebbe già un buon segno.

    Report

    Rispondi

  • encol

    31 Agosto 2012 - 09:09

    La miniera chiuderà e i lauti compensi, sprechi e privilegi dei "politici" rimaranno intatti anzi aumenteranno pure. Però avete la solidarietà, si vi basta.... come si dice: CHI S'ACCONTENTA GODE.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog