Cerca

Dopo lo scandalo pdl

Regione Lazio: perquisiti uffici capogruppo Idv

Vincenzo Maruccio è accusato di aver distratto dalle casse 500mila euro sui conti personali. Perquisizioni della Gdf

Regione Lazio: perquisiti uffici capogruppo Idv

La Guardia di Finanza sta perquisendo gli uffici del capogruppo Idv al consiglio regionale del Lazio, Vincenzo Maruccio. Secondo quanto si è appreso gli investigatori del Nucleo Valutario starebbero acquisendo documentazione relativa ai fondi a disposizione dei partiti anche nella sua abitazione. Maruccio, è indagato dalla procura di Roma per il reato di peculato. Maruccio, che in passato è stato anche assessore ai lavori pubblici, secondo l’accusa avrebbe distratto fondi destinati al gruppo consiliare per 500mila euro. A questi vanno aggiunti altri 200 mila in contanti prelevata da due conti correnti dell’Idv della Regione Lazio dell’ultimo anno. L’inchiesta su Maruccio, L’inchiesta è coordinata dal procuratore aggiunto Alberto Caperna e dal sostituto Stefano Pesci, quindi riguarda in totale 700mila euro sottratti alle casse del partito negli ultimi due anni. Sono stati proprio i prelievi compiuti in contanti a far partire le segnalazioni da parte della Banca d’Italia.


 


L'ira di Tonino - Da parte sua il leader dell'Idv, Antonio Di Pietro, dopo aver annunciato le dimissioni di Maruccio, in un messaggio in Rete promette che l’Idv farà "immediatamente pulizia al nostro interno, con una revisione completa e concreta, determinata e urgente, di ruoli e incarichi".  In altre parole, chiarisce Di Pietro con un sofferto videomessaggio, "chi, a qualsiasi titolo e livello, ha concorso, non vedendo o non volendo vedere, sarà allontanato e non sarà ricandidato". Questo, sottolinea l’ex pm "è l’unico modo per liberaci di ogni sospetto". Non solo, "per questo - anticipa - le candidature che andremo a svolgere, a cominciare da quelle per la Regione Lazio, per la città di Roma e per le politiche, le sottoporremo al vaglio della Rete, di voi che ci seguite. Perchè - spiega - quattro occhi vedono meglio di due. A tutti può capitare di trovarsi qualche persona che non merita di stare nel partito". 

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gicchio38

    12 Ottobre 2012 - 08:08

    FINALMENTE, CARO TRATTORISTA CAMPAGNOLO E SEMI DEFICIENTE CHE ABBAI COME UN CANE ROGNOSO SENZA NEANCHE RENDERTI CONTO DI QUELLO CHE SPUTA QUELLA BOCCACCIA DA IENA. LA FACCIA DEL TUO "CAPOGRUPPO" E' LA VERA TUA IMMAGINE RIFLESSA NELLO SPECCHIO CHE IL CITTADINO "VERAMENTE SERIO, ONESTO E CIVILE" VEDE. VAI A PIANTARE CETRIOLI CHE CI GUADAGNI. ALMENO. IN "DIGNITA'".

    Report

    Rispondi

  • iltrota

    11 Ottobre 2012 - 20:08

    Nella stessa cella con Fiorito va infilato questo "mariuolo" !!

    Report

    Rispondi

  • manuelebonbon

    11 Ottobre 2012 - 17:05

    Signora, lei è a me cara ma anche questa volta non posso concordare con lei: la signora Passeri non è stupida, direi che è piuttosto esagitata e complice del nano frottolone. Usare la sua veemenza contro l'ex giudice comunista Di Pietro denota la volontà di celare con urla e strepiti che se Di Pietro è responsabile (e certamente lo è), il berluska che invece è l'autore, il mandante e il beneficiario della farabuttagine della casta, colui che materialmente ha promosso servi, mignotte e delinquenti in ogni dove, cosa è ? La signora volutamente inveisce contro le pagliuzze per celare le travi e quindi non è stupida ma è una bananota senza vergogna, pudore e speranza. Peccato.

    Report

    Rispondi

  • sardapiemontese

    11 Ottobre 2012 - 16:04

    pienamente d'accordo con lei..... attenta però...bonbon dopo averla letta le darà sicuramente della stupida perchè non capisce che berlusconi è infinitamente peggio di di pietro.....

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog