Cerca

Disoccupazione: quasi 2,9 milioni è il record storico

manifestazione di disoccupati
Mai così tanti disoccupati. Un altro record negativo dell'Italia di Mario Monti. E' emergenza disoccupazione. Secondo le stime provvisorie dell'Istat a ottobre il tasso generale si è attestato all'11,1% in aumento di 0,3 punti perce3ntuali rispetto a settembre e di 2,3 punti nei docisi mesi.  Tra i 15-24enni le persone in cerca di lavoro sono 639 mila e rappresentano il 10,6% della popolazione in questa fascia d’età. A ottobre scorso, rileva l’Istat nelle stime provvisorie, il tasso di disoccupazione dei 15-24enni, cioè l’incidenza dei disoccupati sul totale di quelli occupati o in cerca, è pari al 36,5%, in aumento di 0,6 punti percentuali rispetto al mese precedente e di 5,8 punti nel confronto tendenziale. Si tratta di un livello record. E' il tasso più alto da gennaio 2004 (inizio delle serie mensili), guardando invece alle serie trimestrali è il maggiore dal primo trimestre del 1999. 
Considerando il terzo trimestre 2012, il tasso di disoccupazione dei giovani tra 15 e 24 anni - rileva ancora l’Istat - è in crescita, una crescita  diffusa in tutte le ripartizioni territoriali ma  è particolarmente accentuata per la componente femminile nel Nord e per quella maschile nel Mezzogiorno. Nelle regioni meridionali l’indicatore raggiunge valori molto elevati, pari al 41,7% per gli uomini tra i 15 e i 24 anni e al 43,2% per le giovani donne. 
Allarme Camusso "Il 2013 sul lato dell’occupazione sarà ancora più pesante del 2012, che già è stato l’anno più pesante di questi anni di crisi". E’ quanto ha affermato il segretario generale della Cgil, Susanna Camusso, a margine di un convegno alla Provincia di Roma sulla maternità negata. Sui numeri tragici che emergono in questo periodo di crisi ha aggiunto: "Non essendo intervenuti - ha spiegato - con risposte ai fattori che determinano le difficoltà l’effetto è moltiplicatore i dati confermano che l’effetto recessivo delle politiche economiche è stato molto profondo e che le scelta di non occuparsi di politiche di sostegno ai redditi più deboli e di politica industriale determinano una crescente crisi occupazionale e del sistema produttivo e il prezzo più alto di tutto questo lo si paga nel Mezzogiorno". E sul futuro è critica:" Per un rilancio del sistema produttivo del Paese, servono gli investimenti, se questi non ci sono andiamo incontro a una deriva di riduzione dell’economia e dell’occupazione sempre peggiore". 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • encol

    02 Dicembre 2012 - 08:08

    Altri 6 mesi con questo governo di farlocchi e ne avremo 5Milioni-

    Report

    Rispondi

  • marcopensa

    01 Dicembre 2012 - 17:05

    BEL presente e bel futuro ..... grazie

    Report

    Rispondi

  • julio44

    01 Dicembre 2012 - 13:01

    Come siamo stati fortunati ad avere Re Giorgio.E' grazie a lui e alle sue manovre che abbiamo un governo tecnico guidato dal prof.Un governo che ha permesso alle famiglie di aumentare a dismisura le spese alimentari,che le aziende non falliscono e tanto meno deallocano,che la disoccupazione è solo un ricordo e che le tasse sono ad un minimo storico e che percependo uno stipendio irrisorio ai politici non viene toccato,tanto è vero che ne vendono assunti altri novanta,anche per dare lavoro agli ultimi disoccupati.

    Report

    Rispondi

  • GIORGIOPEIRE@GMAIL.COM

    GIORGIOPEIRE

    01 Dicembre 2012 - 07:07

    Continuate con questa politica e sarà sempre peggio. La teoria come vedete vi dà torto, ma non la volote capire,o meglio lo capite benissimo,ma l'orgoglio del vostro io,vi fà dire NO !!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog