Cerca

Agguato Adinolfi, rivendicazione della Federazione anarchica informale

La firma dell'attentato sarebbe arrivata alla sede del Corriere a Milano

Agguato Adinolfi, rivendicazione della Federazione anarchica informale

 

Il timore di un rischio di escalation della violenza dopo l’attentato di Genova è reale. A domanda diretta, il ministro dell’Interno, Anna Maria Cancellieri, risponde che il pericolo è concreto e che "la situazione richiede molto rigore e molta attenzione". Del resto, sono stati gli stessi terroristi ad annunciare sette nuove azioni. A questo si aggiunge il pericolo di un consenso a queste azioni. Dice il ministro, "Se c'è un'area di consenso è molto circoscritta". Ma il riferimento ai no tav è inevitabile: "Sono tutti settori sensibili ed essendo sensibili i collegamenti possono esserci o crearsi facilmente". Al momento però "non abbiamo nessun motivo per ritenere ci siano".

La rivendicazione - "Abbiamo azzoppato Adinolfi". La rivendicazione dell'agguato a Roberto Adinolfi, amministrato delegato dell'Ansaldo Nucleare gambizzato a Genova, è arrivata alla sede milanese del Corriere della Sera. La firma sul comunicato è quella della Fai, Federazione anarchica informale. In particolare la rivendicazione è quella del Nucleo Olga. Il volantino di quattro pagine, recapitato al Corriere per posta ordinaria, ha il timbro postale di Genova.

Stregone dell'atomo - Nel lungo testo viene citata una frase di Adinolfi, gambizzato a Genova lunedì e dimesso oggi, in cui il dirigente sminuisce l'impatto ambientale del nucleare e la portata del disastro nucleare in Giappone di Fukushima. Il titolo della rivendicazione è "Il marchio della vita". Nel testo si legge: "Abbiamo azzoppato Roberto Adinolfi, uno dei tanti stregoni dell'atomo dall'anima candida e dalla coscienza pulita". Il dirigente viene ritenuto tra i maggiori responsabili, insieme a Scajola, del ritorno del nucleare in Italia. In un altro passaggio si legge: "Con piacere abbiamo riempito il caricatore. Impugnare una pistola, scegliere e seguire l'obiettivo, coordinare mente e mano sono stati un passaggio obbligato. Siamo dei folli amanti della libertà e mai rinunceremo alla rivoluzione, alla distruzione completa dello stato e delle sue violenze". Accuse anche contro il gruppo che controlla Ansaldo: "Proponiamo una lotta contro Finmeccanica piovra assassina".

Chi sono gli autori - Il nome del nucleo Olga si riferisce a "Olga Ikonomidou, nostra sorella delle CCF (cospirazione cellule di fuoco/FAI), nuova corrente anarchica greca, ed è detenuta in un carcere ellenico. Oggi l'Ansaldo Nucleare, domani un altro dei suoi tentacoli". Ma la Fai annuncia nuove azioni: potrebbero essere almeno otto, tante quanti sono i "membri prigionieri della Ccf/Fai detenuti in Grecia. Nelle nostre prossime azioni il nome degli altri fratelli greci, una azione per ognuno di loro".

Ritorno delle Br - In parallelo le Brigate Rosse cavalcano la rabbia che sta montando nel Paese contro la politica economica del governo. Questa mattina, venerdì undici maggio, a Legnano sono stati trovati quattro volantini firmati Brigate Rosse. Erano affissi in quattro diversi punti della città. Si tratta dei fotocopie del volantino col quale le Brigate Rosse rivendicarono nel 1977 l'attentato all'allora direttore del Tg1 Emilio Rossi. Il primo era appeso su una targa esterna dell'agenzia delle entrate di via Pisa, il secondo all'Inps di via Podgora, mentre gli ultimi due erano affissi sulle pareti esterne dell'azienda Franco Tosi. Uno su una bacheca all'angolo di piazza Munumento e l'altro sul cancello del dopo-lavoro di via Cairoli.

 

 

genova

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • VincenzoAliasIlContadino

    13 Maggio 2012 - 14:02

    Con molto rispetto e non per fare polemica esaminiamo i Dirigenti del Psi e Sindaci di Milano,Aldo Aniasi detto Iso mio amico personale,Carlo Tognoli il più amato a Paolo Pillitteri il più dinamico e creativo ed ancora mio amico Politico che se ne dice,provate voi a fare il bilancio di casa hanno costruito e lasciato in eredità ai Cittadini con una”Milano da bere”Ora appuntate le caz**te di questo ultimo ex equivoco e mai penalizzato?Io personalmente ricordo il mio“attentato”con 42 gg. di fermo e 7 punti sul cranio ricamato da uno dei suoi kompagnuzzi,poiché attivamente politicamente avversario.Così nel periodo di Tangentopoli,anche se conosciuto la formula magica:“Apriti,Sesamo!”e per richiuderla “Chiuditi, Sesamo!”voi nei casi valigia con miliardi e altri a Botteghe Oscure perché mai per i Dirigenti del Pci”non potevano non sapere, mentre si accanivano anche su presunti colpevoli percettori di proventi di “Finanziamenti Illeciti”dei Craxiani convinti d’essere colpevoli?Eppure,oggi f

    Report

    Rispondi

  • lombardo 63

    13 Maggio 2012 - 12:12

    Grandi questa gente che rischia la sua esistenza per la lotta per la gente che non riesce a vivere con dignita' si vergognino monti e tutti i loro galoppini che affamano gli italiani con la scusa del debito pubblico devono rendere conto a DIO quello che stanno facendo questi governanti senza scrupoli.

    Report

    Rispondi

  • duxducis

    13 Maggio 2012 - 11:11

    La prima frase del volantino e' di Pisacane, un Nobile patriotta Napoletano.

    Report

    Rispondi

  • futuro libero

    13 Maggio 2012 - 10:10

    ma lei dove vive? dove è vissuta fino ad ora? siamo sicuri che lei paga tutte le tasse? dovremmo crederle solo perchè lo dice lei? Chi ha seminato il terrore fra i cittadini e la disperazione cosa poteva aspettarsi, che diventassero tutti agnellini ascoltandola? Il terrorismo l'avete voluto voi e voi dovreste pagare non cittadini di serie b

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog