Cerca

Casta senza vergogna

Il sindaco dei conti in rosso
nominato consulente antisprechi

Diego Cammarata, in otto anni aumentò i dipendenti del Comune di Palermo di 8mila unità. Il Senato lo nomina consulente sulla spending review

Il sindaco dei conti in rosso
nominato consulente antisprechi

Gli avversari lo paragonano a "Schettino, il comandante della Concordia", scappato dopo aver fatto il danno. E gli ex alleati lo bollano "peggior sindaco della storia della città", come se loro non fossero con lui al governo di Palermo. L'errore politico più grande, Diego Cammarata, l'ha forse commesso proprio lasciando l'incarico di primo cittadino nel capoluogo siciliano (dal 2001 al 2012) alcuni mesi prima della fine del mandato. Mossa che ha dato il "la" a speculazioni senza fine e ha permesso agli avversari di giocarsi la mossa in campagna elettorale.

Ma, se è vero che non fu certo solo lui a prendere certe decisioni, è altrettanto vero che i dieci anni di Diego cammarata a sindaco di Palermo non possono essere additati a esempio di buona ed efficiente amministrazione. Per questo, lascia stupefatti la sua nomina a consulente per la spending review da parte del Senato. Basta un solo dato a renderla grottesca: nel 2009, su 866 milioni l'anno di spese correnti, il Comune di Palermo ne spendeva 623 (cioè il 72%) per pagare l'esercito dei suoi 21.895 dipendenti. Ottomila più di dieci anni prima. In pratica, un palermitano ogni 30 era dipendente diretto, indiretto o precario in Comune o in una delle società municipalizzate. Poi ci sono i 24 viaggi negli Emirati Arabi compiuti dai vertici della società comunale addetta al pattume per stringere accordi mai firmati. Tanto che l'allora premier Berlusconi, terrorizzato dalla possibilità che la Palermo amministrata dal centrodestra replicasse l'immondezzaio napoletano simbolo del fallimento della sinistra, cacciò nel decreto Milleproroghe 80 milioni di euro per tappare una parte dei buchi della municipalizzata. E che dire dell'assunzione di 110 autisti all'Amat (la municipalizzata dei trasporti) tutti e 110 senza la patente per gli autobus?

La lista potrebbe continuare, ma basta a rendere incomprensibile la nomina di Palazzo Madama. A meno che Cammarata sia stato chiamato come consulente sulla spending review per spiegare agli altri: fate il contrario di ciò che ho fatto io.

palermo

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • eziac

    27 Giugno 2012 - 15:03

    Diego Cammarata è stato SINDACO del PDL. Anche DEPUTATO NAZIONALE del PDL. Nonchè COORDINATORE CITTADINO del PDL. Per 10 lunghi anni Libero ha fatto finta di non vedere e di non sentire, parlando di Bassolino, di De Magistris, di Veltroni, di Pisapia, di Fassino e mai una parola su Diego Cammarata SINDACO del PDL!!! Mentre Palermo affondava nei DEBITI, Cammarata assumeva precari e autisti d'autobus senza patente. Mentre Palermo affondava nei RIFIUTI, Cammarata mandava, a spese nostre, i vertici dell'Amia a insegnare agli arabi come si fa la differenziata. Il PDL, grazie a Cammarata, è passato a Palermo dal 30% all'8%. E sapete di chi è la colpa? Di Libero che ha taciuto, del Giornale che lo ha coperto, di Berlusconi che ha fatto finta di niente, di Alfano che, da buon siciliano, lo ha protetto. E sapete perchè oggi Cammarata è consulente del Senato? Perchè è uomo molto vicino a Renato Schifani, il Presidente!!!

    Report

    Rispondi

  • eziac

    27 Giugno 2012 - 15:03

    Diego Cammarata è stato SINDACO del PDL. Anche DEPUTATO NAZIONALE del PDL. Nonchè COORDINATORE CITTADINO del PDL. Per 10 lunghi anni Libero ha fatto finta di non vedere e di non sentire, parlando di Bassolino, di De Magistris, di Veltroni, di Pisapia, di Fassino e mai una parola su Diego Cammarata SINDACO del PDL!!! Mentre Palermo affondava nei DEBITI, Cammarata assumeva precari e autisti d'autobus senza patente. Mentre Palermo affondava nei RIFIUTI, Cammarata mandava, a spese nostre, i vertici dell'Amia a insegnare agli arabi come si fa la differenziata. Il PDL, grazie a Cammarata, è passato a Palermo dal 30% all'8%. E sapete di chi è la colpa? Di Libero che ha taciuto, del Giornale che lo ha coperto, di Berlusconi che ha fatto finta di niente, di Alfano che, da buon siciliano, lo ha protetto. E sapete perchè oggi Cammarata è consulente del Senato? Perchè è uomo molto vicino a Renato Schifani, il Presidente!!!

    Report

    Rispondi

  • eziac

    27 Giugno 2012 - 15:03

    Diego Cammarata è stato SINDACO del PDL. Anche DEPUTATO NAZIONALE del PDL. Nonchè COORDINATORE CITTADINO del PDL. Per 10 lunghi anni Libero ha fatto finta di non vedere e di non sentire, parlando di Bassolino, di De Magistris, di Veltroni, di Pisapia, di Fassino e mai una parola su Diego Cammarata SINDACO del PDL!!! Mentre Palermo affondava nei DEBITI, Cammarata assumeva precari e autisti d'autobus senza patente. Mentre Palermo affondava nei RIFIUTI, Cammarata mandava, a spese nostre, i vertici dell'Amia a insegnare agli arabi come si fa la differenziata. Il PDL, grazie a Cammarata, è passato a Palermo dal 30% all'8%. E sapete di chi è la colpa? Di Libero che ha taciuto, del Giornale che lo ha coperto, di Berlusconi che ha fatto finta di niente, di Alfano che, da buon siciliano, lo ha protetto. E sapete perchè oggi Cammarata è consulente del Senato? Perchè è uomo molto vicino a Renato Schifani, il Presidente!!!

    Report

    Rispondi

  • roberto19

    roberto19

    27 Giugno 2012 - 13:01

    in perfetta sintonia con la politica dell'arraffo ... finché è possibile.Nel frattempo Grillo avanza come un bulldozer senza freni ..... schiacciando e seppellendo la loro arrogante ignoranza ormai in agonia.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog