Cerca

L'i nchiesta

Baby-squillo dei Parioli: "I clienti? Erano tutti deficienti..."

Emergono sempre nuovi particolari nell’inchiesta sulle baby-squillo dei Pariolo. Angela e Aurora, le due minorenni protagoniste di questa squallida vicenda che vede coinvolti molti personaggi famosi (tra cui il marito di Alessandra Mussolini) hanno raccontato agli inquirenti che cosa provavano durante gli incontri con gli uomini. Il Corriere della Sera riporta alcuni stralci dell'interrogatorio probatorio. Prima di tutto, una di loro, precisa che preferivano clienti adulti, perché temevano che se si fosse presentato un adolescente potesse riconoscerle. “Svuotavo la testa e dicevo che poi sarebbe passato tutto. In quei momenti provavo a non pensarci, cercavo di mettermi nei panni di una persona che stava facendo un lavoro normale, un qualcosa che non fosse quello”. E ancora. La minorenne confessa che in attesa che arrivasse un nuovo sconosciuto si chiedeva chi fosse. “E se mi violentano? Poi piano piano ho capito che erano tutti deficienti”.

L'inchiesta I filoni di inchiesta si stanno chiudendo. Mauro Floriani, marito della Mussolini, ha ammesso di essere stato con una delle ragazze anche se ha detto di non essere a conoscenza della minore età, rischia il giudizio immediato. Lo stesso rischiano altri 40 clienti tra cui il figlio di un parlamentare del centrodestra. E’ certo invece il processo per Mirko Ieni considerato il promotore del giro di prostituzione, per Nunzio Pizzacalla e Mario De Quattro (che ha cercato di ottenere 1500 euro dopo aver filmato un incontro), la mamma di una delle ragazze, il commercialista Riccardo Sbarra e Marco Galluzzo che avrebbe ceduto cocaina in cambio di sesso.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • routier

    20 Marzo 2014 - 20:08

    E' probabile che il giudizio impietoso delle baby squillo sia corretto ma loro erano migliori ?

    Report

    Rispondi

  • minimo

    20 Marzo 2014 - 20:08

    Ragazzi, se una minorenni afferma che gli adulti che ha incontrato erano tutti "deficienti", allora questi dovrebbero essere assolti per incapacità mentale, poiché l'incapacità dei maturi è stata evidenziata da una incapacità "infantile". Gravissima.

    Report

    Rispondi

  • Chry

    18 Marzo 2014 - 12:12

    Si vede che l'ha chiamata Silvio, raccontandole che sembrava avere più della sua età, e che erano cene eleganti quelle del marito con la nipotina di un'importante politico estero...

    Report

    Rispondi

blog