Cerca

La mossa

Pascale e Feltri si iscrivono a Arcigay

Pascale e Feltri si iscrivono a Arcigay

"Francesca Pascale e Vittorio Feltri annunciano la loro iscrizione all'arcigay poiché ne condividono le battaglie in favore dell'estensione massima dei diritti civili e della libertà". E' quanto si legge in una nota della segreteria di redazione de "Il Giornale". L'editorialista e la fidanzata del Cav hanno scelto di aderire all'associazione che difende i diritti degli omosessuali per mostrare la loro vicinanza al mondo omo. Francesca Pascale già qualche giorno fa aveva rilasciato un'intervista al Corriere del mezzogiorno in cui ha lanciato un vero e proprio appello al mondo del centrodestra perchè difenda i diritti del mondo omosessuale soprattutto sul fronte delle unioni civili.

La campagna di Francesca - "Lo dico da cristiana, da cattolica, da donna che vive nella condizione di coppia di fatto: sì alle unioni civili, sì al rispetto per la libertà individuale. Cristo ha detto: ama il prossimo tuo come te stesso. Non ha insegnato a fare differenza tra gay ed etero. Ecco, mi piacerebbe se il centrodestra aprisse i suoi orizzonti e affermasse: siamo liberali fino in fondo e non soltanto quando ci interessa o quando ci fa comodo. Va bene rispettare ciò che dice la Chiesa, ma la Chiesa deve rispettare anche la libertà di uno stato laico e non confessionale, altrimenti si sconfina nella discriminazione di chi non è cattolico", aveva detto la fidanzata di Silvio Berlusconi.

La scelta di Feltri - Anche Vittorio Feltri ha detto sì all'arcigay e spiega la sua scelta così: “Noi – rileva l’editorialista del Il Giornale – siamo per la libertà, senza discriminazioni, convinti che sia necessario superare i pregiudizi che generano equivoci, banalità, insulti noiosi e stupidi. Quando si tratta di trasformare i diritti in fatti concreti si trovano tutti in difficoltà. Renzi ha fatto tanti annunci e poi è finito in un sistema istituzionale che rende difficile qualsiasi iniziativa. Ogni volta che ci ha provato Berlusconi si è trovato il mondo addosso. Finché si tratta di chiacchiere – dice – sono tutti d’accordo, quando è l’ora di trasformarle in fatti concreti si incontrano gli ostacoli”. Per Feltri non è un problema l’iscrizione a un’organizzazione da sempre schierata a sinistra: “quando si tratta di diritti civili non esistono destra o sinistra. Il nostro – conclude – è un gesto simbolico, speriamo che contribuisca ad ottenere qualche risultato”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • robin-ud

    30 Giugno 2014 - 18:06

    VISTO , LETTO E SOTTOSCRITTO ! CONDIVIDO IN PIENO LA CAMPAGNA DI grisostomo. NON NE POSSO PIU' DI VOLTAGABBANA , E BERLUSCONI CHE VIRA DI BORDO IN MODO TRAGICO PER CHI HA BUON SENSO E LINEARITA' NELLE PROPRIE IDEE. MI SENTO TRADITO E NON PERDONO I TRADITORI : NON CAPISCO COSA GLI SALTI IN TESTA. LA VEDO DAVVERO BRUTTA SPECIE PER CHI L'HA VOTATO CON CONVINZIONE.

    Report

    Rispondi

  • grisostomo

    grisostomo

    30 Giugno 2014 - 15:03

    NON VOTERO' MAI FORZA ITALIA PRO-GAY. SONO 20 ANNI CHE HO SEMPRE VOTATO BERLUSCONI. QUI LO LASCIO E FARO' CAMPAGNA CONTRO DI LUI E CONTRO FORZA ITALIA

    Report

    Rispondi

  • ciccetto

    30 Giugno 2014 - 14:02

    oh, finalmente. sono contento per il Feltri che finalmente ha fatto outing. Tanti anni a simulare (quando si vedeva benissimo) e a soffrire per niente. Bravo . Ora vedrai che starai meglio.

    Report

    Rispondi

  • claudionebridio

    30 Giugno 2014 - 11:11

    L'EU preme anche per i diritti civili dei pedofili, i Radicali avevano fatto richiesta in tal senso già negli anni '90 e il PD si è ora attivato cercando di renderne meno severe le pene . Per adesso si sta sbolognando l'efebofilia (per ragazzi da 14 anni non occorre più il permesso dei genitori per frequentare adulti di qualsiasi età). Feltri appoggerà pure questi "diritti" civili?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog