Cerca

Il giallo di Brembate

Bossetti, a Parma gli ultimi esami

Bossetti, a Parma gli ultimi esami

Continuano le indagini sul caso Yara. Questa  mattina 19 agosto al Ris di Parma  - come scrive l'Eco di Bergamo - è in programma l’esame dell’ultima tranche di materiale repertato dalle tute bianche dei carabinieri durante i sopralluoghi nell’abitazione di Massimo Bossetti e sull’auto e sul furgone di proprietà del carpentiere di Mapello in carcere dal 16 giugno con l’accusa di aver ucciso Yara Gambirasio.  Si tratta di accertamenti tecnici irripetibili che verranno compiuti nei laboratori del Reparto investigazioni scientifiche dell’Arma, al cospetto dei consulenti della difesa e della parte offesa.Saranno analizzati, paio di scarponi da lavoro, un giubbotto scuro e un aspirapolvere.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • bettely1313

    19 Agosto 2014 - 18:06

    indagini scandalose, che non vanno da nessuna parte. Gli inquirenti invece di accanirsi solo contro Bossetti trovassero a chi appartengono gli altri due DNA che dicono di avere. Perché pagare uno solo quando ne se sono all'orizzonte altri e due'? Passate la mano e andate a casa.

    Report

    Rispondi

  • Peo

    19 Agosto 2014 - 15:03

    Tra poco inizieranno gli interrrogatori dei suoi ex compagni d'asilo per perfezionarne il quadro psicologico. Si scoprirà che una volta - svariati decenni fa - non aveva voluto regalare il proprio ovetto Kinder ad un amichetto. Questo dimostrerà in modo inequivocabile la sua natura perversa e finalmente gli si potrà dare l'ergastolo che merita.

    Report

    Rispondi

    • blues188

      19 Agosto 2014 - 18:06

      I poliziotti che funzionano meglio sono unicamente quelli televisivi. I vari commissari (di noiosa memoria) trovano sempre il vero colpevole. Forse perché lì le graduatorie per l'assunzione fanno finta che non esistano le raccomandazioni statali? Che Italia di m.. ci hanno rotto i torroni per secoli con la storia dei Misseri, ma ora sono impietosi con un povero muratore.

      Report

      Rispondi

  • agostino.vaccara

    19 Agosto 2014 - 14:02

    Si stanno esaminando gli scarponi, un giubbotto ed un aspirapolvere. Ottimo: gli scarponi sono quelli di tre anni fa? Il giubbotto è quello di tre anni fa? E l'aspirapolvere è con la polvere di tre anni fa????? Secondo me, questi sono proprio fuori di testa!!!!!

    Report

    Rispondi

  • blues188

    19 Agosto 2014 - 10:10

    Questo è accanimento cautelare! Non c'è uno straccio di prova e anche il DNA è quantomai dubbio, visto che è stato trovato solo dopo tre mesi passati all'aperto nel prato. Ma se il corpo è stato portato lì solo successivamente, dov'è stato nascosto nel frattempo? Mi sembra che il povero Bossetti sia solo la vittima già predestinata dagli inquirenti. Non si può mantenere in carcere una persona così

    Report

    Rispondi

    • carrisisonia

      19 Agosto 2014 - 12:12

      ma tu sei amico del giaguaro?

      Report

      Rispondi

      • ilbiondino

        19 Agosto 2014 - 15:03

        Ma cha Amico del giaguaro....Le prove non reggono...Con sta giustizia chiunque potrebbe trovarsi al posto del Bossetti...e non tutti hanno soldi da buttare come il Nano...Meditate Meditate

        Report

        Rispondi

      • agostino.vaccara

        19 Agosto 2014 - 14:02

        Egregio, non credo che blues sia "amico del giaguaro" come non lo sono io. Credo invece che i magistrati inquirenti non siano amici della verità ma cerchino solo conferme su una verità molto difficile da dimostrare, in quanto, probabilmente, inesistente. In questa inchiesta si sono trascurate molte ipotesi, troppe. Visto che lei non è amico del giaguaro, ci pensi un po' lei a cosa si è trascurato!

        Report

        Rispondi

blog