Cerca

Rivoluzione d'autunno

Multe, le telecamere segnaleranno ogni infrazione: dai fari rotti alla revisione

Multe, le telecamere segnaleranno ogni infrazione: dai fari rotti alla revisione

Nell'Italia-"spiona" il Grande Fratello non è soltanto quello fiscale. Già, perché per far cassa, ora, è in arrivo anche il Grande Fratello delle multe. Una vera a propria rivoluzione che dovrebbe scattare il prossimo autunno. In sintesi, tutte le telecamere d'Italia - tutor autostradali, varchi Ztl, telepass - saranno buoni per fare le multe. In che modo? Semplice, scopriranno ogni minima infrazione: incastreranno chi guida senza casco o senza assicurazione, chi va contromano o chi guida a fari spenti o ha un faro rotto. Vi fotograferanno e il giorno successivo scatterà la multa.

La norma - Non è fantascienza, ma quanto accade già in altri Paesi europei, quale la Germania. In Italia se ne parlava da tempo, il sistema sarebbe dovuto entrare a regime già lo scorso 15 febbraio ma poi l'iniziativa venne rimandata: "Serve una legge", si disse. E ora la legge sta per arrivare: manca solo l'ok del Parlamento, che dovrebbe arrivare contestualmente alla legge di Stabilità, oppure in sede di conversione del decreto "Sblocca Italia" (e i partiti politici sono tutti sostanzialmente concordi). Il Grande Fratello automobilistico è stato messo a punto dal ministero dell'Interno e dei Trasporti, che ha varato il Cnai, Centro nazionale accertamento delle infrazioni, dove già arrivano tutte le multe degli autovelox e dove presto arriveranno anche tutte le altre.

Il funzionamento - Gli automobilisti, dunque, dovranno stare molto attenti: ogni loro infrazione potrà essere accertata da uno dei 6000 telepass, dai 320 impianti per 3mila chilometri del sistema tutor o dalle decine e decine (per città) telecamere dei varchi Ztl, zone a traffico limitato. Ai varchi verrete fotografati, lo scatto passerà al Cnai che incrocerà le banche dati per verificare se l'assicurazione è in regola e se la revisione è stata effettua, oppure se esistono sequestri o fermi giudiziari, oltre a tutte le altre sanzioni "minori" che abbiamo già elencato, che verranno documentate con una prova fotografica.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gioman-salento

    25 Novembre 2014 - 14:02

    Nulla da dire! Il governo Renzi si inventa ogni giorno dei nuovi metodi per estorcere denaro alle famiglie italiane. Piuttosto che accanirsi sui cittadini, questo governo succhiasangue dovrebbe invece intervenire sulle assicurazioni per costringerle a praticare prezzi onesti per l'RcAuto. Ovviamente Renzi non farà mai arrabbiare banche ed assicurazioni, visto che fanno parte dei poteri forti...

    Report

    Rispondi

  • gioman-salento

    25 Novembre 2014 - 14:02

    Nulla da dire! Il governo Renzi si inventa ogni giorno dei nuovi metodi per estorcere denaro alle famiglie italiane. Piuttosto che accanirsi sui cittadini, questo governo succhiasangue dovrebbe invece intervenire sulle assicurazioni per costringerle a praticare prezzi onesti per l'RcAuto. Ovviamente Renzi non farà mai arrabbiare banche ed assicurazioni, visto che fanno parte dei poteri forti...

    Report

    Rispondi

  • Burocracy

    27 Ottobre 2014 - 23:11

    OK, però dato che sono in causa con il comune perchè ha dichiarto il falso, cosa succede quando la foto dimostra che un pubblico ufficiale ha mentito? è penale, con interdizione dai pubblici uffici. facciamo anche quello?

    Report

    Rispondi

  • crazybull78

    13 Settembre 2014 - 16:04

    quando le tasse non bastano alla nostra casta aristocratica non può che passare in mente di estorcere soldi ai cittadini in 1000 altri modi. una multa non conta come tassa ma si paga con gli stessi soldi. il cittadino resta muto perché in coscienza e colpevole di qualcosa. I turisti sono le vittime più ambite di tutti comuni italiani hanno soldi non tornano a lamentarsi e beccano autovelox e sost

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog