Cerca

la decisione

L'ammiraglio Arturo Faraone: "Perché spostano De Falco"

L'ammiraglio Arturo Faraone: "Perché spostano De Falco"

«Non esiste nessuna dietrologia, si tratta di un normale avvicendamento, uguale a quello a cui sono sottoposti ufficiali e sottufficiali di tutte le Forze Armate»: l’ammiraglio Arturo Faraone, direttore marittimo della Guardia costiera toscana e comandante di Gregorio De Falco, non ha peli sulla lingua. Il militare salito alla ribalta delle cronache per i fatti accaduti la notte della Costa Concordia, additato da tutti come “eroe” per aver severamente ripreso via radio Francesco Schettino, intimandogli di tornare a bordo della nave che aveva appena abbandonato, in un’intervista pubblicata ieri su Repubblica aveva sputato veleno addosso alla sua arma di appartenenza. «Sono amareggiato e sto riflettendo su molte cose, comprese le stellette che porto addosso», ha detto il comandante riferendosi alla notizia di un suo imminente trasferimento non richiesto. Ma il suo capo non ci sta e a Libero  confessa: «Non è così. Una punizione non avrebbe alcun senso. De Falco è da sette anni nel settore operativo. Finora il suo ruolo era a metà tra capo reparto operativo e capo sezione operativa. Dal 28 settembre, invece - prosegue - assumerà l’incarico di capo ufficio studi della direzione marittima, sempre qui a Livorno. Si occuperà anche dei movimenti ispettivi negli uffici dipendenti. Si tratta di un incarico di crescita perché permette una visione del servizio a 360 gradi». La decisione di spostarlo è arrivata direttamente dal reparto personale del Comando generale di Roma. «Non perché qualcuno abbia pensato a una punizione - prosegue l’ammiraglio -, ma perché qualsiasi militare di qualsiasi forza armata dopo alcuni anni deve essere spostato. È fisiologico.

Posso capire che De Falco ami il suo lavoro operativo, ma sono certo che saprà far bene anche in un ruolo diverso che, ripeto, semmai andrà a premiarlo». Faraone dice di non sapere il perché il comandante si sia rivolto alla stampa. «Chiedetelo a lui - specifica -, ma posso dire che ognuno è libero di interpretare le cose come vuole e di avere la chiave di lettura che più gli si confà. Io, ripeto, ritengo che non esistano retroscena o problemi di altro tipo e che tutto stia avvenendo come deve. Si tratta solo di una questione di accettazione». L’ammiraglio, peraltro, ammette l’ottimo lavoro di De Falco durante la notte delle operazioni. «Il suo intervento e in egual modo quello di tutti gli uomini che operarono in quell’occasione - chiarisce - hanno consentito di far ottenere la medaglia d’oro al merito di Marina alla direzione marittima. Quindi, ripeto, non vedo motivo per cui il collega avrebbe dovuto essere punito. Semmai il suo impegno premiato, come di fatto è stato. Ha avuto un rilievo mediatico eccessivo...». Intanto su Facebook il mondo militare critica il comandante. «Se mi trasferiscono - scrive qualcuno - io non parlo con i giornali, ma faccio gli scatoloni e dico signorsì. Secondo me De Falco ci marcia». «Si montano la testa - dice qualcun altro - e pretendono diritti maggiori. La notorietà, d’altronde, fa pensare di poter avere di più. Se non gli vanno bene le stellette se le può pure togliere».

CHIARA GIANNINI

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • azzurro88

    08 Ottobre 2014 - 19:07

    Io invece mi chiedo sempre una cosa, possibile che con tutta la tecnologia disponibile "Radar GPS marinetraffic ecc. ecc." hanno dovuto insistere i carabinieri di grosseto per avere notizie ? Poi dal filmato dell'elicottero si capiva chiaramente dall'audio che cercavano una nave alla cieca. Quindi come mai la capitaneria non riusciva ad individuare la concordia ?

    Report

    Rispondi

  • mrpanamabeach

    28 Settembre 2014 - 14:02

    SIcuramente nn si sarà piegato al volere di qualcuno che ,magari, voleva indirizzarlo chissà dove....... in fondo è implicato in una faccenda nella quale vede un uomo responsabile di vite umane se ne va liberamente in giro ,apparendo in tv come se fosse un divo . che strano che è l' ITALIA

    Report

    Rispondi

  • annyser1983

    28 Settembre 2014 - 10:10

    Cose dell'altro mondo! Quando un militare cova il terribile dubbio se prosciogliersi o meno, di certo non ne parla con i media ma, semmai, si rivolge al proprio superiore e alla propria famiglia. Ci sono migliaia di ufficiali trasferiti ogni anno con breve preavviso, dalla Sicilia alla Lombardia e dal Friuli a Roma, da Taranto a Spezia.... Tutti obbediscono anche se qualcuno a malincuore!

    Report

    Rispondi

  • alfa553

    28 Settembre 2014 - 10:10

    Una volta si chiamavano stabilizzazioni, infatti ogni 2 anni gli equipaggi vengono cambiati o venivano avvicendati,come ovvio.Rivolgersi alla stampa e grave per un militare,e saltare le vie gerarchiche,e si dovrebbe avere il permesso dei propri superiori, diretti e indiretti.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog