Cerca

il piano

Canone Rai, la tassa finanziata con la lotteria Italia

Canone Rai, la tassa finanziata con la lotteria Italia

Rivoluzione per il canone Rai. La tassa tv potrebbe cambiare e in modo sostanziale. In questi mesi da palazzo Chigi sono arrivate diverse bozze per una riforma strutturale del servizio pubblico e dell'imposta più odiata dagli italiani, si è parlato di legarla al reddito, ma anche di tararla sul consumo elettrico. Ora, secondo quanto racconta Repubblica, ci sarebbe la bozza finale che dovrebbe essere presentata ufficialmente a novembre. Secondo le indiscrezioni una parte del canone Rai per il 2015 dovrebbe essere pagato dai biglietti della lotteria nazionale. Insomma il costo del canone dovrebbe essere ripartito da un lato con gli acquisti della lotteria, dall'altro lato su un'imposta tarata sulla capacità di spesa delle famiglie.

Lotteria Italia - Nel dettaglio non è ancora specificato come si procederà nel reperire le risorse. Secondo i rumors gli italiani finanzieranno la televisione pubblica acquistando i biglietti della storica Lotteria nata con la Canzonissima del lontano 1958. Una mossa nuova che dovrebbe dirottare alcune coperture per la tassa tv proprio sui fondi reperiti con l'acquisto dei biglietti. Per quanto riguarda invece l'imposta diretta da versare alla Rai, è probabile, sempre secondo quanto racconta Repubblica, che pagheremo un’imposta di consumo — più alta per alcune tipologie di acquisti più costosi — che verrà poi girata alla Rai. Ma su questo secondo meccanismo il governo ancora lavora.

Tassa sui consumi - L'ipotesi di una tassa legata al consumo, ovvero probabilmente legata alla bolletta della luce. Un intervento che potrebbe agitare il mercato dei gestori dell'energia. Di fatto ogni aumento sarebbe legato alla bolletta. Scaricando dunque sulle società private l'onere di mettere le mani nelle tasche degli italiani. Insomma le ipotesi sul campo sono tante, bisognerà attendere novembre per capire quale sarà l'entità della riforma. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • rovera

    02 Ottobre 2014 - 13:01

    Far diventare la Rai una pay tv, chi paga guarda....

    Report

    Rispondi

  • rovera

    02 Ottobre 2014 - 13:01

    Far diventare la Rai una pay tv, chi paga guarda....

    Report

    Rispondi

  • fausta73

    02 Ottobre 2014 - 12:12

    canone legato ai consumi? Io posso usare molto il forno o la lavatrice e vedere pochissimo la tv ( la vedo solo di sera, mentre dormo). Sarebbe più equo farlo pagare ad abbonamento: a uno, due, tre reti a scelta e non farla vedere a chi non paga. Oppure ridurlo alla metà a farlo pagare ( prezzo uguale per tutti) abbinato alla bolletta della luce.

    Report

    Rispondi

  • lepanto1571

    02 Ottobre 2014 - 10:10

    A molti non interessa guardare i programmi RAI. Sarebbe un sopruso far pagare il canone. Basterebbe criptare i programmi e chi vuole vedere può pagare l'abbonamento. Questa è democrazia il resto è truffa!

    Report

    Rispondi

    • massimo1954

      02 Ottobre 2014 - 11:11

      A oggi,è una tassa sul mero possesso dell'apparecchio televisivo anche se non funzionante e pertanto anche chi non riceve il segnale RAI,è tenuto a pagarlo e di conseguenza non "vale" criptare il segnale RAI per vedere altre emittenti.Il fatto che sia una tassa e non un abbonamento,lo dimostra che il bollettino di pagamento,arriva dalla Agenzia delle Entrate!Se si paga con la bolletta,evasione 0.

      Report

      Rispondi

Mostra più commenti

blog