Cerca

Libertà negata

Il Tribunale della libertà: Massimo Bossetti deve restare in carcere

Il Tribunale della libertà: Massimo Bossetti deve restare in carcere

Un paio di settimane fa, la richiesta di scarcerazione presentata dai suoi legali era finita in nulla, perchè gli avvocati si erano scordati di presentarla anche ai colleghi della parte avversa. Tutto da rifare. La nuova procedura è arrivata in fondo oggi. E il risultato è che Massimo Bossetti, l'uomo accusato di aver ucciso la tredicenne Yara Gambirasio, dovrà restare ancora in carcere. Nella cella in cui è dallo scorso giugno, quando i carabinieri andarono a prelevarlo della sua casa di Mapello. I giudici del Tribunale della libertà di Brescia, infatti, hanno ritenuto che non vi siano nella vicenda novità tali da portare alla fine della carcerazione preventiva del carpentiere 44enne.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • bettely1313

    21 Ottobre 2014 - 16:04

    quella a fare la calzetta, gli altri all'Asinara per incapacità di indagare. Bossetti fuori dal carcere alle prese per un congruo risarcimento dovutogli per l'enorme danno morale per se e suoi familiari. Solo questa sarebbe giustizia.

    Report

    Rispondi

  • gigi0000

    20 Ottobre 2014 - 16:04

    I delinquenti veri sono quelli fuori, coloro che hanno demolito la famiglia di Guerinoni, e parentado tutto, la famiglia dei genitori di Bossetti - dando quasi della meretrice alla madre e del pluricornuto al padre - della sorella, del fratello e, dulcis in fundo, di Giuseppe Massimo Bossetti stesso, compresi i suoi figlioli, oltre ad aver definito la moglie come una mucca con diversi amanti tori.

    Report

    Rispondi

  • arwen

    20 Ottobre 2014 - 16:04

    "...non vi siano nella vicenda novità tali da portare alla fine della carcerazione preventiva...". Peccato che non vi sianno fatti altrettanto rilevanti per tenercelo. Io nn so se Bossetti sia colpevole o innocente, io seguo solo i fatti e i fatti ci dicono che la Procura non sa e non ha prove concrete da presentare, altrimenti sarebbe già stato rinviato a giudizio. Questo è quanto!

    Report

    Rispondi

  • alvit

    20 Ottobre 2014 - 15:03

    Questa volta è meglio non rischiare, avranno detto. Abbiamo mandato ai ris, ros, cos, mos decine e decine di filmati di CSI, sperano che abbiano capito come fare le indagini. Vuoi che una tantum non abbiano indovinato il colpevole? dai, sarebbe veramente una iella pazzesca, vedrete che questa volta lo hanno beccato.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti