Cerca

Seguita da milioni di fedeli

L'incontro con Amma, la santona indiana che regala abbracci

L'incontro con Amma, la santona indiana che regala abbracci

Quando ti ritrovi lì sul palco - scalzo e in ginocchio, attorniato da gente in estasi sotto una cascata perpetua di petali di rosa - e tocca a te, proprio a te dopo ore di attesa, non sai bene che succederà, ma capisci che ti trovi di fronte a qualcosa di mistico. Magico. Surreale. C’è chi piange, chi ride, chi medita, chi ciondola a ritmo seguendo le soavi musiche tradizionali indiane e chi canta - stile karaoke - con le parole (in sanscrito con traduzione inglese a fianco!) che si illuminano su un maxi schermo. L’aria è leggera, il profumo dolce, i colori tenui: benvenuti al primo giorno italiano della tappa europea di Mata Amritanandamayi, meglio nota come Amma. La guida spirituale indiana dispensatrice di gioia e felicità. Ma soprattutto, di abbracci.

Milioni di abbracci - Ne ha regalati più di 32 milioni dal 1987 e qui, nella tre giorni (da ieri a domani, poi appuntamento a Berlino e Manneheim per concludere il tour che ha già toccato Barcellona, Monaco, Winterthur, Parigi, Utrecht, Londra, Dublino e Tolone) organizzata a Malpensa Fiere, ne donerà altri 30 mila. Già, un via vai inimmaginabile di bambini, adulti, anziani che arrivano da ogni parte d’Italia per godersi la famosa stretta e un’esperienza lontana dallo stress e dalle angosce di tutti i giorni. Sì, perché appena entri nella mega struttura trasformata in una piccola India, ciò che colpisce è la serenità. Il sorriso. E poi l’organizzazione, curata da trecento volontari italiani e altri duecento della staff personale di Amma: spazio giochi per bambini, ristoranti, bancarelle e persino un centro di massaggi Shiatzu. E così, tra un simil santone con barba lunga e vestito arancione, una coppia di anziani elegantissimi e una gnocca con le gambe all’insù che medita, le ore passano veloci e anche l’attesa è meno dura (i cancelli sono stati aperti alle 7, c’è chi ha aspettato per sette ore), mentre lei, minuta, arrampicata su una poltrona lassù sul palco, continua ad abbracciare senza sosta: raccontano che è capace di farlo per quindici ore di fila, senza bere, senza mangiare e senza mai alzarsi. Quindi - sì, fate pure la domanda logica che ci siamo fatti tutti - senza andare mai in bagno. Mistero. 

Ma Amma è anche questo. Venerata quasi come una rock star, regala amore e serenità, ha girato il mondo e ricevuto premi, ma soprattutto costruisce qualcosa di concreto, spiegano i volontari: «La sua organizzazione umanitaria di beneficenza, la Embracing the World, ha lo scopo di servire tutti, indipendentemente da casta, condizione sociale o religione, e ha fornito assistenza medica gratuita a più di 2.6 milioni di persone, costruito più di 45mila case per i senzatetto dell’India. Più aiuti finanziari e alfabetizzazioni».

Come dal salumiere - Il tempo intanto passa, i numerini che indicano a chi tocca (funziona più o meno come dal salumiere) scorrono e chi aspetta scala, a turno, sulla sedia davanti avvicinandosi al palco. Con frenesia. Ansia. «Devo chiedere ad Amma un aiuto particolare - sussurra Antonio, 77 anni e look alla Giuseppe Verdi - È la terza volta che l’abbraccio e ho bisogno di lei perché ho qualche problemuccio: ho contro sei magistrati e sette avvocati per un testamento falso». Buona fortuna. Altro numero, altra sedia. Sempre più in là, più vicini alla misteriosa stretta. Finalmente, ecco il palco. Ti chiedono di togliere le scarpe. Ci si siede sulle ultime sedie di attesa. Altro numero. Ti fanno inginocchiare. Avanti ancora ed eccola, Amma. Davanti a te. Seduta. Meccanicamente, in sincrono, due assistenti ti prendono e uno ti pulisce la fronte con un fazzolettino profumato, mentre l’altro ti piega il capo sulla spalla destra di Amma. La quale - mani affusolate e ben curate, leggero profumo di ciclamino - appoggia la guancia (è molto più liscia dell’altra, a forza di abbracci sempre da quel lato) al tuo orecchio e sussurra per trenta secondi, a raffica, parole incomprensibili («Micuorefollio, micuorefollio, micuorefollio...»), che qualcuno interpreta come «Mio caro figlio». Poi, un bacio sulla fronte e un regalino: una mela, un petalo di rosa, una caramella e un bracciale. E via, sotto un altro mentre, ancora confuso, non capisci bene cosa sia successo. E cerchi di dare un significato particolare a quell’abbraccio che ha conquistato mezzo mondo, ma non te («È normale - spiegano gli esperti - la prima volta è difficile aprirsi»). Sì, è una piacevolissima stretta materna, ma niente di più. Nessun fenomeno paranormale, nessuna energia strana, nessuna vibrazione. Anzi, a pensarci bene una vibrazione sì, ritmica, poco prima di alzarsi: eccolo, forse, il segnale!

Errore. La delusione è tanta quando, poco dopo, ti accorgi di avere una chiamata non risposta sul cellulare, dimenticato acceso in tasca... Pazienza, non resta che riprovare fiduciosi questa emozionante esperienza tra un anno. Nel frattempo, avanti il prossimo.

di Alessandro Dell'Orto

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • giulia212

    24 Giugno 2015 - 00:12

    Mi sento in dovere di rispondere dalla parte delle 30.000 persone che ogni anno vanno a trovare e ad abbracciare Amma a Milano. Perche' se "qualcuno" e' stato ad incontrarla ed e' rimansto deluso invece di scrivere la propria testimonianza poteva trascrivere quella dei 30.000 visitatori che vengono ogni anno ad incontrare Amma, sicuramente avrebbe capito subito l'importanza di "Mio caro Figlio".

    Report

    Rispondi

  • dorianofc

    12 Novembre 2014 - 22:10

    l ignoranza spirituale é peggio dell ignoranza intellettuale,xche e piu possibile x un ignorante intell comprendere amma che un super culturato che pensa di sapere tutto,ma sa solo nozioni che ha sentito da altri,amma nn é religione nn impone nessuna regola kme la chiesa ecc ecc e poi prima andategli davanti e abbracciatela, poi vedete se fa cambiamenti in voi ,ma e un sentire col cuore xchi ce la

    Report

    Rispondi

  • donatella.cortellucci

    10 Novembre 2014 - 22:10

    A Medjugorje c'è uno che aspetta che gli ricresca la gamba perciò Alessandro Dell'Orto cosa vuole che sia un abbraccio al profumo di cilamino!!!!!!

    Report

    Rispondi

  • kiyat

    10 Novembre 2014 - 13:01

    La spiritualità orientale molto più profonda e universale, dove ogni individuo è un piccolo universo immerso in un grande universo... e quando le due cose si fondono assieme..prendi coscienza del vero significato della nostra esistenza... Amma conosce l'anima di ognuno delle persone che abbraccia, perche abbraccia se stessa

    Report

    Rispondi

    • __Dream

      10 Novembre 2014 - 20:08

      con scappellamento a destra

      Report

      Rispondi

Mostra più commenti

blog