Cerca

L'inchiesta

Mafia Capitale, i vip e i contatti con Giovanni De Carlo

Mafia Capitale, i vip e i contatti con Giovanni De Carlo

Giovanni De Carlo, 39 anni, conosciuto in tutta Roma Nord col soprannome di "Giovannone", che si è costituito ieri a Fiumicino aveva rapporti con vip della tv ma anche cantanti di successo e giocatori di serie A. La procura avrebbe ricostruito i suoi contatti con il centrocampista della Roma Daniele De Rossi e il suo ex compagno di squadra Medhi Benatia, nonché con Gigi D'Alessio, Teo Mammucari, Belen Rodriguez e alcune showgirl mogli di calciatori, come le compagne di Mattia Destro della Roma e Blerim Dzemaili del Napoli. Per quanto riguarda Mammucari, in un'informativa del Ros dello scorso luglio si fa riferimento a "numerose telefonate registrate tra lo showman e De Carlo, con l'artista che chiedeva sostanze dopanti per la palestra, in particolare Gh, un ormone per la crescita".

Le telefonate - Alle 3 del mattino del 30 settembre 2013, Daniele De Rossi, chiama al telefonino Giovanni De Carlo. La circostanza, priva di rilievo penale, è riportata nell'informativa dello scorso luglio del Ros in cui si dice che De Carlo "rispondendo a due tentativi di chiamata fatti poco prima" dal centrocampista giallorosso cercava De Rossi "chiedendogli di cosa avesse bisogno". Il giocatore - annotano i carabinieri - gli riferiva di averlo contattato in quanto, assieme al compagno di squadra Mehdi Benatia, aveva avuto poco prima una discussione con un ragazzo all'interno di un locale notturno e temendo ulteriori conseguenze aveva pensato a De Carlo. "No, avevo pensato che aveva chiamato qualche malandrino... qualche coattone... ho detto famme sentì Giovanni", avrebbe detto De Rossi a De Carlo. Il centrocampista giallorosso, intervistato da Roma Radio, si difende: "Chiamai De Carlo solo perché era in quel locale e conosceva il tipo con cui avevo litigato".

Gli 007 per D'Alessio - Per quanto riguarda Gigi D'Alessio, De Carlo - secondo l'informativa del Ros - andò a casa del cantante. Lo fece il giorno dopo il furto di una collezione di Rolex dal valore di quattro milioni ai danni dell'artista. Anche D'Alessio interviene per replicare: "Non ho mai conosciuto questa persona, parlerò attraverso il mio avvocato". Riguardo al furto subito, va detto, come ricorda il Messaggero, buona parte della refurtiva è stata recuperata, perché per scovare i ladri è stato messo in campo un dispiegamento di forze senza precedenti. Tra i quali sembra anche agenti dell'Aisi, gli 007 del servizio segreto interno.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Peo

    07 Dicembre 2014 - 08:08

    Mi colpice l'accenno al furto subito da D'Alessio per il quale si mobilitarono a quanto leggo addirittura i Servizi e gran parte della refurtiva venne recuperata. Sono contento per Gigi. Ma quando chiamai io i Carabinieri per un'effrazione con i ladri forse ancora barricati in casa (la porta forzata ma non si apriva) neppure vennero. Mi mandarono i pompieri. Ma io non so cantare....

    Report

    Rispondi

  • Royfree

    06 Dicembre 2014 - 19:07

    Per quelli che credono che basti il talento, che spesso manco esiste, serve per avere successo. Belen ne è il simbolo. E continua ad avere ingaggi. Vergogna.

    Report

    Rispondi

  • blues188

    06 Dicembre 2014 - 18:06

    Nooo. Teo Mammucari no, vi prego! Era l'unico che mi dava la forza di spegnere la Tv e di andare a letto.

    Report

    Rispondi

  • eaman

    06 Dicembre 2014 - 18:06

    Ma chissene frega delle strappone e dei calciatori: questi sono stati anni a mandare in rovina Roma e qua ve la menate con Belen e Mammucari?

    Report

    Rispondi

blog