Cerca

Holding criminale

Mafia Capitale, le intercettazioni: "Alemanno ha portato i soldi in Argentina". Lui nega

Mafia Capitale, le intercettazioni: "Alemanno ha portato i soldi in Argentina". Lui nega

"Si tratta di una millenteria totalmente infondata. Non ho portato mai soldi all'estero, tantomeno in Argentina". Gianni Alemanno nega. Nega di aver messo contanti nelle valigie e di averli portati in Sudamerica evitando i controlli all'aeroporto. Eppure le conversazioni intercettate di tre indagati dell'inchiesta Mafia Capitale lo danno per certo. Il 13 gennaio scorso Luca Odevaine, componente del tavolo per i rifugiati, parla con il suo collaboratore Mario Schina e Sandro Coltellacci, responsabile di una coop di una lite che l'ex sindaco avrebbe avuto con un uomo che però non viene citato. Odevaine spiega ai due: "Abita in questo palazzo, che figlio di m... ha litigato con Alemanno". Poi spiega il motivo del litigio: "Per soldi se sò scannati, ma sai che Alemanno si è portato via...ha fatto quattro viaggi...lui e il figlio con le valigie piene di soldi in Argentina... se sò portati con le valigie piene de contanti, ma te sembra normale che un sindaco...". Coltellacci risponde: "L'ho saputo". Odevaine spiega: "Me l'hanno detto questi della Polaria". Schina incredulo chiede: "Nessuno l' ha controllato?" E Odevaine: "No, è passato al varco riservato... ah un attore per me". Schina aggiunge: "Pensavo che i soldi se li prendesse tutti lui, sembrava che il sindaco non toccasse, invece l'ha toccati però che il sindaco... due... tre Panzironi 10 penso che gli equilibri erano quelli".

Il viaggio del sindaco - In effetti un viaggio in Argentina l'ha fatto. Per ora il Ros ha verificato quello organizzato da Alemanno per il Capodanno di qualche anno fa, ma l'indagine continua per trovare ulteriori riscontri alle accuse di Odevaine. Da parte sua Alemanno replica piccato: "Una totale menzogna è anche la storia dei viaggi in Argentina. Ci sono stato con la mia famiglia e un folto gruppo di amici per festeggiare il capodanno 2012 per andare a vedere i ghiacciai della Patagonia. Mai portati soldi all'estero". Anche perché, spiega Alemanno, "io sono l'unico sindaco di Roma che al termine del suo mandato è più povero di quando ha cominciato perché ho dovuto vendere una casa e aprire un mutuo per pagare i debiti della campagna elettorale". La conversazione del 13 gennaio rivela agli inquirenti anche altri elementi: «A un certo punto deve essere successo qualche casino - dice Odevaine - perché ad Alemanno gli hanno fatto uno strano furto in casa, cercavano qualche pezzo di carta... credo che hanno litigato perché Alemanno ha pensato che ce li ha mandati questo". Circostanza, anche questa, che l'ex sindaco di Roma chiarisce: "Ho presentato regolare denuncia, peraltro del furto parlarono tutti i giornali: furono rubati alcuni gioielli di mia moglie e degli orologi".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • yaaa

    08 Dicembre 2014 - 19:07

    anche Galan di dichiarava innocente ... per poi patteggiare ... Galantuomini

    Report

    Rispondi

  • andresboli

    08 Dicembre 2014 - 18:06

    alemanno un dilettante avrebbe dovuto chiedere consiglio a silvio. lui si se ne intende di esportazione!! che poi a destra ci fossere cosi tanti deliquenti non pio una grande sosperesa.. o poi c'è chi sta ancora li con la destra e li sinistra..presi per il culo a vita

    Report

    Rispondi

  • SSaverio

    08 Dicembre 2014 - 14:02

    Poraccio Alemanno...e l'unico uomo onesto che stando al tavolo dove c'era la torta non ha provato nulla! Addirittura e più povero ora che prima di diventare sindaco...

    Report

    Rispondi

  • oviivo

    08 Dicembre 2014 - 13:01

    Alemanno oltre ad essere amico e protettore di malavitosi risulta implicato in incredibili vicende criminali; se è vero quanto racconta: "io sono l'unico sindaco di Roma che al termine del suo mandato è più povero di quando ha cominciato perché ho dovuto vendere una casa e aprire un mutuo per pagare i debiti della campagna elettorale", deve essere considerato anche un cretino patentato!!!

    Report

    Rispondi

    • bettely1313

      08 Dicembre 2014 - 14:02

      tanto perché il messaggio arrivato dai giornali rossi all'opinione pubblica Carminai o chi sia, perché in queste intercettazioni non si capisce chi manovra certe persone. gli avrebbe pagato la campagna elettorale addirittura 300.000

      Report

      Rispondi

Mostra più commenti

blog