Cerca

La scheda

Attacco hacker alle auto: i modelli a rischio

Attacco hacker alle auto: i modelli a rischio

Secondo quanto racconta il Times è concreto il rischio di un attacco hacker sui dispositivi delle nostre automobili. Milioni di automobilisti hanno le loro auto connesse con il web grazie ai sistemi di navigazione ma anche grazie agli account google che servono per gestire la musica e le applicazioni dei sistemi di bordo. Infatti secondo quanto afferma sul Times Edmund King, presidente della AA, la più grande organizzazione automobilistica d'Inghilterra, "quando siamo in auto siamo connessi ad internet 24 ore su 24 e questo permette ai cybercriminali di mettere nel loro mirino i sistemi di controllo della sicurezza delle auto. Come ad esempio il sistema elettronico che su molte auto gestisce la frenata o l'accelerazione". 

I modelli a rischio - Oltre ai sistemi di guida, gli hacker possono manomettere i dispositivi bluetooth, ma anche gli indicatori e le spie della plancia. I modelli più a rischio, secondo quanto racconta il dailymail sono: Jeep Cherokee, Ford Fusion, BMW X3, Chrysler 300, Range Rover Evoque, Toyota Prius, Audi A8 BMW 3 Series, Dodge Viper, 2014 Honda Accord LX, 2010 Range Rover Sport. Ora prima di guidare ricordatevi di disconnettere i vostri dispositivi. La sicurezza su strada ora passa anche dal web.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • massimo1954

    24 Febbraio 2015 - 15:03

    Oggi,la pubblicità che va per la maggiore nel settore auto,non sono le prestazioni,i consumi,i tempi i frenata ma "sei sempre connesso.."Già era pericoloso parlare al cellulare perchè,se ti concentri su cosa dovrai dire,perdi di vista il traffico.Ora tra messaggi,vedere le mail,vai a sbattere e così,compri una nuova auto anche senza gli incetivi.Astuti...!

    Report

    Rispondi

  • sgnacalapata

    27 Dicembre 2014 - 09:09

    Come rimpiango la vecchia bicilindrica 500L blu, non aveva nessun tipo di accessorio, era pure raffreddata ad aria e non richiedeva la sostituzione del filtro quando si cambiava l'olio!

    Report

    Rispondi

blog