Cerca

Il mistero della chat del migliore amico siriano di Greta e Vanessa

Il mistero della chat del migliore amico siriano di Greta e Vanessa

Il nome con cui si è registrato sui social network è di pura fantasia:Maxemiliano Maximo. Di lui si sa che viene dalla città siriana di Homs e che sulla rete di conversazioni chat di Paltalk, la più utilizzata dal mondo arabo, si fa chiamare “Abu Victor Shamia”. Da tempo è probabilmente il migliore amico siriano di Greta Ramelli e Vanessa Marzullo, le due volontarie il cui rapimento si è felicemente concluso grazie al probabile pagamento di un riscatto versato dal governo italiano a un gruppo aderente ad Al Qaeda. Nella rete è restata traccia delle sue conversazioni con le ragazze, di cui c’è evidenza fotografica insieme a molti post-preghiera in ricordo dei “martiri” di Homs. Lo stesso profilo FB di Abu Victor Shamia riporta come immagine identificativa un biglietto commovente scrittogli in inglese a caratteri stampatello un momento difficile da Greta. Come ha spiegato a un amico arabo che gliene chiedeva l’origine, lei lo consolava: “Soffrendo molto, Dio ci ama più di quel che ci immaginiamo. Diffondi amore, dai pace. Il meglio deve ancora venire, riceverai grandi cose. Non sentirti solo, perchè Dio è qui. E anche io sono qui”.

A consolare il ragazzo siriano aveva pensato anche Vanessa. Lui ha postato una conversazione chat avuta con lei su FB. Anche in questo caso per l’amico siriano ci sono parole tenere. Vanessa gli dice di non potere “paragonare le mie sofferenze alle tue. Ma voglio solo farti sapere che c’è gente come me che vorrebbe realmente prendere metà del tuo dolore e condividerlo, soffrire insieme ed essere forti insieme, perchè la gente siriana è come la mia famiglia e ora ho gli occhi pieni di lacrime mentre scrivo…”. Nella foto postata è indicato solo l’ora di trasmissione del messaggio di Vanessa: le 23 e 43, e l’indicazione della provenienza della chat: era un messaggio personale su facebook. L’amico siriano però l’ha postato il 9 novembre scorso, quando da più di tre mesi Vanessa era nelle mani dei rapitori. Il post ha subito attirato l’attenzione di altri amici siriani delle due ragazze, desiderosi di sapere la data di quel messaggio: proveniva dalla prigionia? Era a quelle sofferenze che si riferiva Vanessa? E se no, perchè renderlo pubblico in quel momento, a tante settimane dal rapimento? Abu Victor Shamia agli amici non ha risposto. Ma dopo che mercoledì 21 gennaio sul quotidiano Libero sono stati citati sia il biglietto di Greta che la chat di Vanessa, ha ripulito il suo profilo FB. La foto del biglietto di Greta è stata sostituita da una con un tulipano arancione. La chat con Vanessa e le reazioni degli amici sono state in fretta furia cancellate dal profilo alle 10 del mattino. Quando probabilmente qualcuno dall’Italia lo ha avvisato. Il mistero così è ancora più grande.

 

Continua a leggere su L'imbeccata di Franco Bechis

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • micael44

    22 Gennaio 2015 - 16:04

    Certamente idiote queste due ragazzette.....ma di quanti idioti è popolata l'Italia?!

    Report

    Rispondi

  • giacomolovecch1

    22 Gennaio 2015 - 16:04

    Equitalia o chi per te..........inonda di cartelle esattotiali queste due famiglie orbe della deficienza dello loro figlie.

    Report

    Rispondi

  • cartonito

    22 Gennaio 2015 - 15:03

    ma vi siete accorti che quando la ragione è da una parte sola i compagnetti che blaterano in questo giornale sono sempre assenti ?

    Report

    Rispondi

  • marcolelli3000

    22 Gennaio 2015 - 15:03

    aspe' che mi ci viene da ridere: portavano le bende? ma veramente? le bende?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog