Cerca

Lutto

Chi era Giovanni Lo Porto, il cooperante italiano ucciso dal raid americano in Afghanistan

Chi era Giovanni Lo Porto, il cooperante italiano ucciso dal raid americano in Afghanistan

Giovanni Lo Porto era stato rapito da Al Qaeda il 19 gennaio 2012 a Multan, in Pakistan. Insieme a lui era stato sequestrato anche il tedesco Bernd Muehlenbeck che è stato poi liberato. Nato a Palermo era project manager per Welthungerhilfe, una ong tesesca che si occupa di cooperazione internazionale. Secondo alcuni testimoni, era stato rapito mentre si trovava nel suo ufficio, in una zona della città dichiarata sicura. Era poi emerso che i sequestratori avevano costretto i due cooperanti a indossare il Salwar Kamiz, l'abito tipico pakistano e per poi portarli via.

Al tempo del rapimento aveva 36 anni, e aveva alle spalle una lunga carriera nella cooperazione internazionale. Il suo curriculum su Linkedin rivela che si è laureato nel 2007 in Psicologia alla Thames Valley University e nel 2010 alla London Metropolitan University, specializzandosi nella gestione dei conflitti. Prima di arrivare in Pakistan aveva collaborato con l'Unicef in Africa per un programma di prevenzione della malaria; ad Haiti dove ha portato aiuto alle popolazioni colpite dal terremoto. La sua esperienza alla Welthungerhilfe è iniziata nel 2011 e si era subito trasferito in Pakistan, dove lavorava per un progetto per la ricostruzione e il miglioramento dell'accesso all'acqua potabile.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • danianto1951

    24 Aprile 2015 - 06:06

    perchè continuano a chiamarli cooperanti?

    Report

    Rispondi

blog