Cerca

Coma crionico

Fa ibernare tutta la famiglia: "Così rivivremo tra duecento anni"

"Rivivremo tra 200 anni, magari su Marte". E' su queste basi che il 40enne sardo Daniele Chirico ha firmato un contratto con una società Usa per ibernare la sua intera famiglia (lui, moglie e figlia) quando morte sopraggiungerà. A darne notizia, il quotidiano di Sassari La nuova Sardegna.

Chirico è uno degli animatori del blog "ibernazione" specializzato in "transumanesimo, life extension e mind uploading". E' convinto, e come lui la moglie Rita (la figlia, chissà?), che la morte non sia un processo definitivo. Che il corpo si spenga in un attimo come una lampadina. "Ogni funzione del nostro corpo muore con una sua specifica velocità. Lo scopo della crionica è quello di vivere un altro pezzo della nostra vita. Ho aspettato tutta la vita per morire, non vedo perché non dovrei aspettare tutta la morte per rivivere. Un altro problema che mi sono posto è: quanto dovrò aspettare per poter "rinascere", o meglio affinché la mia vita venga ripristinata? La risposta è: quando la tecnologià sarà in grado di farlo, spero il prima possibile. Ma la mia non è una speranza. È una certezza". Per concedersi una "seconda vita", i Chirico hanno sborsato 60mila euro.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Allinone

    Allinone

    18 Novembre 2016 - 12:12

    potrebbe farsi ibernare da vivo, così sarà meno lavoro resciuscitarlo dopo

    Report

    Rispondi

  • sebin6

    29 Agosto 2015 - 10:10

    x blues188 l’avvocato Vitto Claut è nato a Montereale Valcellina, vive a Pordenone ha firmato un contratto con l’Alcor Life Extension Foundation di Scottsdale, Arizona il più importante centro di criogenesi del mondo per essere ibernato dopo la morte, è il primo italiano che sarà ibernato. Come vedi vi sono persone intelligenti anche nel nord. Tu sicuramente non sarai ibernato.

    Report

    Rispondi

  • fausta73

    29 Agosto 2015 - 09:09

    e così non vive nè adesso nè dopo.

    Report

    Rispondi

  • routier

    29 Agosto 2015 - 09:09

    E' scientificamente provato. Dopo pochissimo tempo dal decesso i danni cerebrali sono imponenti e irreversibili. La crioconservazione può salvare il corpo, difficilmente il cervello.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog