Cerca

Caos a Bergamo

Processo Yara, seduta sospesa: rissa tra il perito di Bossetti, la pm Ruggeri e gli avvocati

Processo Yara, seduta sospesa: rissa tra il perito di Bossetti, la pm Ruggeri e gli avvocati

Rissa verbale in aula e seduta sospesa: accade a Bergamo, all'inizio del contro-interrogatorio al teste più importante del processo contro Massimo Bossetti per l'omicidio di Yara Gambirasio, il perito di parte della difesa Ezio Denti, che analizza il video del presunto furgone dell'operaio di Mapello. Come accaduto per il medico legale Dalila Ranalletta, la pm Letizia Ruggeri ha iniziato il contro-interrogatorio al consulente  contestandone competenza, merito e integrità morale. 

I due video contestati - Pochi minuti prima, Denti aveva piazzato due colpi, trasmettendo in aula foto e filmati. In particolare, aveva contestato l'identificazione del furgone di Bossetti attraverso le riprese delle ultime due videocamere "sopravvissute" al processo, la cosiddetta Polynt 2 e quella piazzata all'Istituto di Credito Bancario. Trasmettendo il filmato, Denti ha sostenuto: "Questo furgone, che secondo l'accusa è quello di Bossetti, ha una campata sopra i fari della cabina molto più alta di quella del furgone di Bossetti, vedete?". La stessa pm aveva domandato: "Mi fa rivedere quell'immagine?". Silenzio. Le riprese della seconda videocamera venivano contestate con il programma AutoCAD, in grado di misurare le proporzioni di oggetti in movimento. "Vedete? - sostiene Denti -. Il furgone di Bossetti ha un cassone lungo 3,450 metri, questo è lungo solo 3 metri".

Le accuse incrociate - Tutti si aspettavano un contro-interrogatorio su questi punti, invece la pm è partita all'attacco. "Lei ha detto che si è laureato? Che si è laureato a Friburgo?". "Ma voi state contestando le analisi del perito o la sua vita?", ha protestato Claudio Salvagni, uno dei difensori di Bossetti. Sono volate parole grosse, a un certo punto l'avvocato di parte civile Enrico Pelillo esclama: "Ma adesso basta!". Salvagni: "Basta cosa? Sei tu che mi devi dire basta?". La presidente Antonella Bertoja si è lamentata: "Se continuate così sospendo la seduta". Invece sono continuati brusio e scambio di accuse, e a quel punto la Bertoja ha sbottato: "Vi avevo avvertito, la seduta è sospesa".

di Luca Telese

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • attualità

    09 Gennaio 2016 - 09:09

    Massimo Bossetti Innocente !

    Report

    Rispondi

  • Franco Pezzali

    08 Gennaio 2016 - 22:10

    Solo chi ha la sventura di aver a che fare con giudici e pm può capire a che razza di gentaglia siamo in mano. Il cittadino è sempre colpevole a prescindere. E se qualcuno pensa di poter aiutare la Giustizia in qualche modo meglio sarebbe che si sparasse in testa, eviterebbe umiliazione e disperazione. Questa è la magistratura.

    Report

    Rispondi

  • rossini1904

    08 Gennaio 2016 - 19:07

    La Presidentessa ha sospeso la seduta. Qual è la norma che glielo consentiva? E non si rende conto che, così facendo, si dimostra inadeguata ed incapace di condurre il dibattimento? Il CSM prenda nota per quando la Bertoja chiederà una promozione.

    Report

    Rispondi

  • antonio75

    08 Gennaio 2016 - 19:07

    Il processo si doveva chiudere subito ,se il DNA è stato fatto con cose scaduti IL DNA è nullo. Se questa è la prova regina ,il processo è finito con assoluzione. Negli Stati Uniti con condanne a morte e con ergastoli (VERI ) con questa prova Bossetti non sarebbe andato nemmeno al processo. Se le radici sono marce l'albero delle accuse cade.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog