Cerca

Nuovi metodi

L'ultima tecnica per rubarti l'auto. Occhio alla corda e al bigliettino

Attenti alla corda. Dopo la truffa dello specchietto, della pietra, della ruota bucata adesso i malviventi hanno inventato un nuovo metodo per derubare l’automobilista del suo veicolo. E’ già successo a Napoli, dove un uomo ha segnalato alle forze dell’ordine la trappola che gli è stata tesa dai balordi proprio davanti alla sua auto. Ma ha capito il “giochetto” ed è riuscito a scappare via. Intorno alla mezzanotte, mentre si trovata in zona Flegrea, l’automobilista si è ritrovato dinanzi una corda passata da un parte all’altra della strada, ad altezza parabrezza, in modo molto teso. L’ha vista all’ultimo momento ed è riuscito a frenare. La corda si è spezzata ma per fortuna ha causato solo il danno ai tergicristalli. Nel momento in cui l’automobilista ha rallentato però, senza scendere dall’auto, ha notato dallo specchietto di sinistra due uomini avvicinarsi a lui. Lui ha accelerato ed è scappato via. Ma poteva finire diversamente, con i due balordi che si mettevano alla guida dell’auto e scappavano. L’attenzione delle forze dell’ordine è altissima e si teme che il “metodo” possa diffondersi velocemente.

 

Il bigliettino -  Non solo il furto dell’automobile. L’automobilista può rimanere vittima di altri raggiri. L’ultimo molto diffuso è quello del bigliettino sul parabrezza. E consiste nel mettere un piccolo pezzo di carta che sembra una multa. Inveve è, appunto, un “pizzino” su cui qualcuno scrive a mano che durante la manovra di parcheggio avete urtato l’auto davanti o dietro di voi. Il truffatore vi chiede di trovare un accordo per non fare la constatazione amichevole di incidente. Il consiglio è di non cedere e di avvisare subito le forze dell’ordine mostrando il bigliettino. Polizia, Vigili e Carabinieri sono stati già allertati su questa pratica che si sta diffondendo in tutt’Italia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • francori2012

    18 Febbraio 2016 - 18:06

    La soluzione del problema è quella di importare un po di delinquenti,nuovi,che hanno più sprint e si devono arricchire in fretta,alle nostre spalle. La nostra Magistratura e quegli inetti dei nostri politici daranno un valido aiuto affinchè,vivere in Italia,sia un schifo sempre peggiore.Francori2012

    Report

    Rispondi

    • al59ma63

      21 Febbraio 2016 - 11:11

      In italia abbiamo sempre avuto la M°°°A fin sotto il naso e ce ne siamo sempre accorti, questa dittatura comunista che ci sta spappolando NON ELETTA DAI CITTADINI ha portato il livello sopra i capelli fin che abbiamo ossigeno si sopravvive poi si soccombe, meglio CAMBIARE ARIA come fanno i nostri giovani cervelli che emigrano dove il MERITO e' la base di tutto, qui e' mafia!

      Report

      Rispondi

  • scostumato

    18 Febbraio 2016 - 18:06

    Vire a cumbinazione,propri ' à Napule è succiess..

    Report

    Rispondi

  • scepen

    18 Febbraio 2016 - 17:05

    Maria Giordano, sicura di non aver megio da fare che scrivere minchiate, per favore

    Report

    Rispondi

  • rendagio

    18 Febbraio 2016 - 15:03

    maria giordano , quando porti gli assegni ai profughi (fasulli ) quanto percepisci di percentuale, non si fa nulla per nulla e nella ideologia comunista ehehhehe

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog