Cerca

Pm all'assalto

Berlusconi indagato a Napoli: "Corruzione e finanziamento illecito ai partiti"

L'accusa: l'ex premier avrebbe dato 3 milioni di euro al senatore Sergio De Gregorio per farlo passare al Pdl

Berlusconi indagato a Napoli: "Corruzione e finanziamento illecito ai partiti"

La chiamato giustizia a orolegeria e un motivo ci sarà. Silvio Berlusconi è indagato dalla Procura di Napoli per corruzione e finanziamento illecito ai partiti. A quanto si è appreso, l'indagine riguarda l'erogazione di somme di denaro, quantificate in tre milioni di euro, al senatore Sergio De Gregorio in relazione al suo passaggio al Pdl. Una bomba giudiziaria che esplode nel momento più delicato per la politica italiana, con un Parlamento appena rieletto e già nella palude, senza una maggioranza certa e con i leader, Berlusconi in prima fila, intenti a tessere intese per non far tornare l'Italia subito al voto. E proprio a questo fa riferimento la nota ufficiale del Pdl, che per bocca del segretario Angelino Alfano annuncia una "grande manifestazione di piazza per difendere la democrazia, la sovranità e la volontà popolare", mentre l'ex ministro Annamaria Bernini parla senza mezzi termini di "golpe".




Scoppio ritardato
- La presunta "compravendita" di parlamentari risalirebbe all'ottobre 2006, quando De Gregorio, eletto nelle file dell'Italia dei Valori di Antonio Di Pietro, passò a Forza Italia votando poi la sfiducia al governo Prodi, nel 2008. I pm si sono basati anche sulle dichiarazioni verbalizzate del faccendiere Valter Lavitola, indagato con De Gregorio per i finanziamenti pubblici illecitamente ottenuti da L'Avanti.

"Voto di scambio" per la lettera anti-Imu - Ma la mazzata al Cavaliere non viene solo da Napoli. Berlusconi è indagato anche a Reggio Emilia, in seguito all'esposto di due cittadini riguardo alla lettera inviata dal leader del Pdl in cui prometteva la restituzione dell'Imu in caso di vittoria. Secondo il Resto del Carlino la Procura di Reggio Emilia ha aperto un fascicolo nel registro generale delle notizie di reato (il modello 21) iscrivendo come indagato l'ex premier: reato ipotizzato sarebbe la violazione dell'articolo 96 del testo unico delle leggi elettorali, cioè il voto di scambio.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Renatino1900

    04 Marzo 2013 - 11:11

    non mi meraviglio affatto che Lei non abbia capito il mio neologismo. d'altro canto quando si possiede, Lei, una intelligenza(?) lenta, vecchia e poco elastica, questo è il risultato: un orgoglioso coglione: un orgoglione. esattamente quello che è Lei.

    Report

    Rispondi

  • Renatino1900

    04 Marzo 2013 - 10:10

    che lei non voti pdl non ci credo: o quel partito o qualcosa legato al partito del mostro. difende il nano con le tipiche argomentazioni dei bananas rincitrulliti, anche ora. ma cosa centrano le condanne verso il dirigente, condannato per altro, o l'Aquila col fatto che il suo eroe anticomunista, votato solo perché si dice Anticomunista, è un delinquente plurindagato, corruttore semplice di giudici e oggi anche di Senatori? ma cos'è la magistratura, secondo lei, un corpo unico? c'è un solo magistrato per tutt'Italia? cos'è, dato che in questo paese il nano non è l'unico a commettere reati non bisogna indagare sulle cose, gravissime, che il mostro compie? ma che bella difesa, d'ufficio, retorica e pelosa. voi che parlate di costituzione. ridicolo. penoso.

    Report

    Rispondi

  • arwen

    03 Marzo 2013 - 14:02

    "si certo, tu non voti per il nano, come no." E no bello mio proprio no. Io guardo solo schifato il mondo e rilevo che questo paese va a fondo ogni giorni di più soprattutto grazie ad una magistratura che non riesce a condannare un dirigente che ha "ucciso" 7 operai ma riesce sempre a imbastire nuovi processi al Cav. Non riesce a condannare a pene eque persone che, per denaro, hanno ucciso dei ragazzi a L'Aquila ma procede come un caterpilar contro il mostro, il nemico del popolo. Solo ideologia. Comunque mi domando, quando il signore del male, il dimonio orrido di Arcore non ci sarà più come riempirete le vostre vite? Cosa farà la mgistratura? Gli argini costituzionali ormai sono rotti, l'ANM fa e dice ciò che vuole, i magistrati vanno in politica e poi tornano magistrati. Voi godete nel vedere il Berlusca in gabbia, c..i vostri. Io invece provo disgusto per un paese dove è più importante essere contro qualcosa o qualcuno piuttosto che aprire i propri occhioni e guardare la realtà!

    Report

    Rispondi

  • gioch

    02 Marzo 2013 - 19:07

    ,COOP(leggere il libro di Caprotti-ESSELUNGA). 25-30 anni fa,con vari amici,si faceva la guerra a questo tycoon perchè amico di Craxi.Comunisti e sindacati si scappellavano perchè era l'imprenditore che comprava,su loro insistenze,le tv che fallivano(mentre lui non licenziava)e costituiva (nelle loro speranze)l'alternativa alle tv di Stato nelle mani della DC.Mia moglie si meraviglia che proprio io sia costretto a difenderlo. Quando si esagera in questo modo NON SI PUO' STARE DALLA PARTE DEI PERSECUTORI.Chiunque sia il perseguitato.Quanti avrebbero resistito alle oltre 500 incursioni nelle sue aziende?E il "lodo" Mondadori non la dice già tutta?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog