Cerca

La Torre e Girone rimarranno in patria

Marò, il governo: "Restano in Italia non tornano in India"

La decisione diffusa con una nota. I due fucilieri erano rientrati per le elezioni

Marò, il governo: "Restano in Italia non tornano in India"

Buone notizie per i due fucilieri italiani, Massimiliano Latorre e Salvatore Girone, bloccati nelle carceri indiani da oltre un anno. Con un comunicato, la Farnesina ha reso noto che "L'Italia ha informato il governo indiano che, stante la formale instaurazione di una controversia internazionale tra i due Stati, i fucilieri di Marina Massimiliano Latorre e Salvatore Girone non faranno rientro in India alla scadenza del permesso loro concesso". La decisione è stata comunicata alle autorità indiane dall'ambasciatore italiano in India Daniele Mancini, su impulso del ministro degli esteri Giulio Terzi. Nella nota diffusa dal ministero, si precisa che "L'Italia ha sempre ritenuto che la condotta delle Autorità indiane violasse gli obblighi di diritto internazionale gravanti sull'India", e in particolare "il principio dell'immunità dalla giurisdizione degli organi dello Stato straniero". Nella nota, inoltre, si specifica anche che "L'Italia ha ribadito formalmente al governo indiano, con la nota verbale consegnata oggi dall'Ambasciatore Mancini, la propria disponibilità di giungere ad un accordo per una soluzione della controversia, anche attraverso un arbitrato internazionale o una risoluzione giudiziaria". 

Felici per la notizia - Esprimono soddisfazione Latorre e Girone che sono felici di poter restare a casa: "Abbiamo appreso la notizia dalle agenzie di stampa e dai mille messaggi di calore ricevuti. Non avevamo dubbi, anzi avevamo prove dirette, dell’impegno che lo Stato ha profuso in questi mesi nei nostri confronti. Ovviamente, siamo felici. Soprattutto perchè possiamo così tornare al reparto. Siamo Fucilieri di Marina. Vogliamo tornare a fare il nostro mestiere".

Le reazioni - A commentare la notizia sono anche Giorgia Meloni, Guido Crosetto e Ignazio La Russa, i più impegnati, sin dall'inizio della vicenda, nella battaglia per farli ritornare in patria:  "Meglio tardi che mai", scrivono in una nota diffusa alle agenzie. Più concilianti i toni del Sindaco di Roma Gianni Alemanno, che ha dichiarato: "Finalmente! La notizia data dal ministro Terzi è quella che aspettavamo da tanto tempo. I due Marò, Latorre e Girone, non rientreranno più in India per subire una detenzione ingiusta che rappresenta una grave offesa per tutto il nostro paese. Finalmente il Governo italiano ha avuto il coraggio di chiudere questa insopportabile situazione".  

L'India non ci sta - L'India però non ci sta e, attraverso una fonte diplomatica all'Onu, fa sapere che "I due marò italiani devono essere processati in India secondo le leggi indiane". Il premier indiano Manmohan Singh, ha definito questa situazione "inaccettabile".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • spalella

    12 Marzo 2013 - 14:02

    Un anno per decidere e non hanno ancora deciso nulla i poveracci mentali della magistratura indiana... peggio degli impiegati statali della giustizia italiana, e non lo dico con riferimento ai fatti di berlusconi ma per lo schifo e per la inefficenza tirati addosso da decenni a noi cittadini normali. Io li prenderei a calci i burocrati italiani che hanno fatto della loro Autoreferenza il cancro della gisutizia italiana, Figuriamoci quanto posso sopportare altri ignoranti della stessa specie e pure stranieri.

    Report

    Rispondi

  • asfodelo13

    12 Marzo 2013 - 14:02

    Egregi italiani ma vi siete mai chiesti perche'siamo presi in ostaggio in tutto il mondo???? Conoscono da sempre che chi ci governa e' ITALIANO parola che e' sinonimo di cacasotto ,volta gabbana e leccaculo. Rapiscono gli Italiani perche' sanno bene che verra' pagato il riscatto e non vi saranno mai azioni di forza. Si permettono di tenere i nostri militari in prigione per un anno.Abbiamo pagato fior di euro alle famiglie di quei pseudo pescatori morti. Chiedetevi ora che accordo possa essere stato fatto con l'India..la risposta e' chiara..Gli Elicotteri x i due maro'.Tutto il resto fa parte del gioco comprese le lamentele del governo Indiano. Evviva la Repubblica delle Banane!!!!

    Report

    Rispondi

  • larussa

    12 Marzo 2013 - 14:02

    Nei vari articoli di giornali e anche nei commenti poco o nulla si dice sul fatto che le vere vittime sono 2 padri di famiglia uccisi senza nessuna colpa e le rispettive famiglie precipitate nella disperazione.Capisco l'indignazione degli indiani che somiglia molto a quella che abbiamo provato noi quando degli incoscienti piloti americani hanno tranciato la funivia causando la morte di tanti inoccenti.A parti inverse (marinai indiani che uccidono in acque internazionali 2 nostri pescatori) saremmo stati noi a invocare ritorsioni e condanne.Pertanto bisogna fare in modo che un tribunale terzo giudichi l'accaduto e questa richiesta parta dall'Italia.

    Report

    Rispondi

  • peroperi

    12 Marzo 2013 - 13:01

    Italiani parlano con lingua biforcuta.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog