Cerca

La rivelazione

L'amica di Preiti: "Lui ha votato Grillo,
era convinto che cambiasse tutto"

Teresa Versace conosce da anni l'attentatore: "Parlavamo di politica, mi diceva che aveva votato per i grillini perchè così non ce la faceva più"

Luigi Preiti

 

di Ignazio Stagno

"Ne parlavamo sempre di politica. Lui mi diceva ho votato per i grillini, ho votato per loro perchè qualcosa possa cambiare. Così non si può più andare avanti". Teresa Versace, amica di Luigi Preiti l'attentatore che domenica mattina ha sparato a due carabinieri sul piazzale di palazzo Chigi, svela il dna politico dell'uomo che ha sconvolto il Paese con un gesto ancora privo di spiegazioni. Il fatto che Preiti abbia votato alle ultime elezioni Movimento Cinque Stelle non vuol dire nulla. Beppe Grillo, va ricordato si è subito dissociato dal gesto di Preiti e ha condannato la violenza sotto ogni sua forma.

 


I 5 Stelle con Giangrande -  Ieri i parlamentari del Movimento Cinque Stelle, durante il discorso di Enrico Letta a Montecitorio per il voto di fiducia all'esecutivo, hanno applaudito in piedi per due volte. La prima quando Letta ha annunciato l'abolizione del doppio stipendio per i ministri-parlamentari, e la seconda proprio quando il premier ha ricordato il carabiniere Giangrande che versa in gravi condizioni in ospedale dopo l'attentato di Preiti. Il dato però resta. Preiti avrebbe messo una "x" sul simbolo dei grillini perché era convinto che i Cinque Stelle potessero cambiare le cose. Magari avrà pure visitato il blog di Beppe o avrà ascoltato un suo discorso da qualche palco dello tzunami tour prima di scegliere i grillini sulla scheda elettorale.

Gli amici "spara a un politico" -  Il Movimento con l'attentato c'entra poco. Però fa riflettere il fatto che Preiti pensasse a Grillo come motore di una rivoluzione che l'attentatore attendeva da tempo. Il suo gesto comunque è approvato dalle persone che gli stanno vicine. La sorella di Preiti ha affermato: "La politica le sue colpe le ha se mio fratello ha fatto questo gesto". Un'altra sua amica che gestiva il bar dove Preiti era solito andare ha sbottato: "Doveva alzare il tiro e mirare meglio verso i politici, non ai carabinieri". Frasi che lasciano un alone grigio e rabbioso su quanto accaduto. Intanto in attesa della rivoluzione che Preiti voleva, Giangrande rischia la paralisi. Per lui il cambiamento è arrivato. In modo tragico.

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • fausta73

    01 Maggio 2013 - 17:05

    la moglie lo lasciò per il vizio del gioco! Invece di sparare poteva andare a farsi curare dal vizio: alla asl è pure gratis. E poi era in calabria, per la separazione, ma lavorava in nero.

    Report

    Rispondi

  • giggino1977

    30 Aprile 2013 - 13:01

    Fammi vedere se questo me lo pubblichi giornalaio da 4 sesterzi.

    Report

    Rispondi

  • franziscus

    30 Aprile 2013 - 13:01

    fino ad ora un centinaio di disperati si è suicidato, ma il passo successivo per questi disperati è proprio quanto è successo. Se i politici invece di stare nei loro palazzi dorati fossero più vicini alla realtà della gente che fatica ad arrivare a fine mese forse avrebbero paura a farsi vedere in giro. Prego per il povero carabiniere che è stato vittima innocente.

    Report

    Rispondi

  • perfido

    30 Aprile 2013 - 12:12

    Non è certamente un onore per Grillo sentir dire che ha ricevuto, il M5S, un voto da una persona "squilibrata". Adesso, dovrà pensare Grillo, a tirarlo fuori dalle patrie galere???????????????????

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog