Cerca

Crisi o finti poveri?

Un gioielliere guadagna 1500 euro
la dichiarazione choc dei redditi
di commercianti e professionisti

Vita dura per chi gestisce una discoteca o un centro sportivo: all'anno dichiara solo 5000 euro. Ha difficoltà ad arrivare a fine mese anche chi ha un centro benessere

Un gioielliere guadagna 1500 euro 
la dichiarazione choc dei redditi
di commercianti e professionisti

I più poveri d'Italia? Sono i gioiellieri. A guardare la loro dichiarazione dei redditi vivono in media con 1500 euro al mese. Il dato emrge dalle dichiarazioni di impresa o di lavoro autonomo degli studi di settore 2012, con riferimento all'anno di imposta 2011 diffusi dal Dipartimento delle Finanze del ministero dell'economia. Ma i gioiellieri non sono soli nella presunta povertà. A fargli compagnia ci sono anche i tassisti, i parrucchieri, i titolari di bar, concessionarie di auto e saloni di bellezza. I redditi di questi esercenti oscillano tra i 7.000 e i 17.800 euro. Il loro reddito è dunque nettamente sotto la media dei lavoratori dipendenti che in media dichiarano un reddito di 20000 euro l'anno. Ma la vita dura non risparmierebbe nemmeno chi gestisce una discoteca, o una sala da ballo o un night club o addirittura un centro benessere e uno stabilimento termale. Guadagni esigui e con difficoltà ad arrivare a fine mese. Chi per sempio gestisce un impianto sportivo guadagna solo 400 euro l'anno. Ma fanno davvero la fame i noleggiatori in auto che guadagnano solo 5300 euro all'anno. Il reddito totale dichiarato dai contribuenti soggetti agli studi di settore è stato nelle ultime dichiarazioni pari a 106,2 miliardi di euro, con un aumento dell'1,3%. Il reddito medio dichiarato è risultato pari a 28.000 euro per le persone fisiche (+2,4% rispetto al 2010), 38.400 euro per le società di persone (+2,2%) e 32.000 euro per le società di capitali ed enti (+1,3%). 

 

Ecco qui di seguito la lista di tutte le dichiarazioni dei commercianti e liberi professionisti, secondo lo studio di settore:

Noleggio di autovetture         5.300
Negozi abbigliamento e scarpe   6.500
Istituiti di bellezza           7.200
Tintorie e lavanderie           9.100
Negozi giocattoli               9.800
Autosaloni                      10.100
Parrucchieri                    13.200
Servizi di ristorazione         15.400
Taxi                            15.600
Macellerie                      16.700
Gioiellieri                     17.300
Bar e gelaterie                 17.800
Alberghi e affittacamere        18.300
Veterinari                      21.000
Imbianchini e muratori          23.600
Architetti                      29.100
Avvocati                        58.700
Studi medici                    69.500
Farmacie                        103.400
Notai                           315.600

(I.S)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • highlander5649

    02 Giugno 2013 - 12:12

    ho letto tutti i post tutti hanno una grandissima fetta di ragione e una grandissima fetta di torto. siamo bravi a sptarci addosso accuse. è vero al 100% il proverbio che dice trai due litiganti il terzo gode! e sapete chi è il terzo? il politico di qualunque colore che tira i fili dei burattini (NOI!)i politici hanno creato queste divisioni è dal 1945 che ci trasciniamo dietro queste cose mentre noi discutiamo loro passano all'incasso e ci mostrano il dito medio e non visti ci fanno il gestaccio dell'ombrello . la soluzione? suvvia , fin troppo facile a parole.. bisogna caMBIARE TUTTO MA PROPRIO TUTTO RIVOLTARE L'ITALIA COME UN CALZINO,comefa la massaia giudiziosa..anzi dovremmo farci governare da gente sceltra tra le categorie produttive, di *soloni ignoranti*a roma ce ne sono già troppi. come dire. i porci sguazzano dentro al liquame da loro prodotto. e ci stanno da RE!! MEDITATE bloggers

    Report

    Rispondi

  • gianko

    02 Giugno 2013 - 09:09

    per i talebani fiscali le ipotesi sono 2, tertium non datur, o sono fancazzisti pubblici et similia (falsi invalidi, lavoratori socialmente INUTILI, ecc.) o sono cretini idelogicizzati di sx adoratori dello stato e magari convinti che l'aliquota fiscale PROGRESSIVA (la più grande troiata, la vera causa di evasione/elusione.. ma è prevista nella costituzione, quindi è un tabu solo parlarne, peccato che la cosituzione dica anche che *ogni cittadino deve contribuire secondo il suo reddito*, quindi si contraddice da sola, perchè quelli che devono pagare il 70% pagano molto di più di quelli che hanno aliquote del 23%.. i pirloni del '47 erano un po' casinisti) comunque ricordo ai lavoratori dipendenti del settore PRIVATO che il dr. Bortolussi della CGIA (SEMPRE INFORMATISSIMO e di sinistra, tra l'altro) dimostrò che PRIMA DELLA CRISI anche i dipendenti facevano ECCOME la loro loro parte nell'evasione con le ore pagate al nero nel II° lavoro (E FACEVANO BENISSIMO)

    Report

    Rispondi

  • BastaStato

    01 Giugno 2013 - 19:07

    Io ho circostanziato il mio appoggio morale a chi evade con argomentazioni. Probabilmente tu sei uno che campa con i lavori socialmente inutili che hanno portato l'Italia ad avere la tassazione più alta al mondo e i servizi più scarsi d'Europa. Io dico basta! Non ti voglio mantenere! Prima il mio futuro e quello dei miei figli! Poi, se avanza qualche centesimo il tuo! Io sono disposto a pagarmi i servizi da solo, scuola, sanità, ecc. privatamente... Ma non voglio regalare denaro ad uno stato che ha il 60% di esubero tra i dipendenti statali e parastatali. Perché devo sgobbare per mantenere i vostri privilegi? Andate a lavorare seriamente e contate sui vostri soldi, non sui miei! Basta stato, basta italia!

    Report

    Rispondi

  • BastaStato

    01 Giugno 2013 - 19:07

    Io ho circostanziato il mio appoggio morale a chi evade con argomentazioni. Probabilmente tu sei uno che campa con i lavori socialmente inutili che hanno portato l'Italia ad avere la tassazione più alta al mondo e i servizi più scarsi d'Europa. Io dico basta! Non ti voglio mantenere! Prima il mio futuro e quello dei miei figli! Poi, se avanza qualche centesimo il tuo! Io sono disposto a pagarmi i servizi da solo, scuola, sanità, ecc. privatamente... Ma non voglio regalare denaro ad uno stato che ha il 60% di esubero tra i dipendenti statali e parastatali. Perché devo sgobbare per mantenere i vostri privilegi? Andate a lavorare seriamente e contate sui vostri soldi, non sui miei! Basta stato, basta italia!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog