Cerca

Piovono scandali

Politici ed escort, da Firenze alla Sicilia: ecco la vera P2 della Casta

Matteo Renzi

Matteo Renzi

Politici e prostitute. Eccola, la vera P2 italiana. In due giorni, esplodono due scandali analoghi in città lontane centinaia di chilomentri. A Firenze, il sexgate che coinvolge un assessore del sindaco Matteo Renzi e una escort da lui assunta (con tanto di alloggio garantito). In Sicilia, a Palermo, l'operazione della Guardia di Finanza che ha portato all'arresto di 17 persone tra ex assessori della Regione e manager che pilotavano appalti pubblici e pagavano con fondi destinati ai giovani disoccupati dell'isola - oltre al danno, la beffa - servizi e beni decisamente "extra" per gli amici politici: viaggi e piacevoli intrattenimenti con escort. Potere e sesso, malattia per la verità vecchiotta della Casta italica. Tra festini e amorazzi vari, ci sono passati in tanti e di ogni colore.

Precedenti piccanti - Negli ultimi mesi, i pm si sono concentrati, per esempio, sulle spese allegre di varie regioni, nel pieno della bufera dei vari Fiorito-gate e Regionopoli. Prima ancora, però, a far rumore fu il caso dell'ex governatore della Regione Lazio, il democratico Piero Marrazzo, costretto a dimettersi nel 2009 perché ricattato da alcuni carabinieri che l'avevano colto nell'appartamento del trans Natalie in via Gradoli, con tanto di video segreto, dove il governatore era solito recarsi con l'auto blu di ordinanza. Dettaglio questo "irrilevante" secondo la Cassazione, secondo cui Marrazzo è stato solo una vittima di ricatto. Prima di lui, nel luglio 2007, il deputato Udc Cosimo Mele fu protagonista di una nottata a base di alcol e droga con due prostitute n una suite dell'Hotel Flora di via Veneto a Roma. Una delle due ragazze fu ricoverata per un malore, l'onorevole si dimise. Niente paura: il 10 giugno scorso è stato eletto sindaco nella sua Carovigno.

Toghe a luci rosse - Nel calderone ci finisce a furor di magistratura anche Silvio Berlusconi, che tra Bari e Arcore deve fronteggiare almeno due grandi inchieste sulle sue frequentazioni (senza contare i procedimenti correlati, come il Ruby Bis a Milano). Piccolo particolare, in questo caso il processo all'eventuale vizio è diventato ben presto anche processo politico. Peggio è andata a Dominique Strauss-Kahn, il possibile candidato socialista all'Eliseo, in Francia, azzoppato da uno scandalo sessuale a New York con tanto di processo-gogna risoltosi in un nulla di fatto. Ma nel frattempo il treno per la presidenza era passato da un pezzo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • encol

    20 Giugno 2013 - 07:07

    Rientra nella norma che soggetti strapagati, nullafacenti si annoino e cerchino svaghi eccitanti per riempire il vuoto che alberga nel loro cervello composto da fichi secchi. Di tutto ciò i fessi o meglio i cogl... siamo noi che accettiamo passivamente di strapagare degli inetti fannulloni.

    Report

    Rispondi

  • Pinkalikoi

    19 Giugno 2013 - 20:08

    Premesso che considero il comportamento di Massimo Mattei incompatibile con cariche pubbliche (risulta essersi già dimesso), spero che la Magistratura agisca con la dovuta severità ad accertare se vi siano responsabilità di ordine penale. Per quanto scrive lei, osservo con dispiacere un tentativo di distorcere la realtà: Berlusconi non è stato imputato né per le "cene eleganti" né per aver ricevuto "escort", ma è stata chiesta la pena di un anno per prostituzione MINORILE, e la pena ben più pesante di anni cinque più interdizione per il reato di concussione nei confronti degli agenti di polizia. Come vede le due situazioni sono diverse e privilegiare l'aspetto sessuale vuol dire cercare di nascondere l'aspetto più grave che è l'accusa di abuso d'ufficio. Un saluto.

    Report

    Rispondi

  • pestifero

    19 Giugno 2013 - 20:08

    Che sia uno schifo sono d'accordo, ma piao a fare accostamenti che al vostro giornale non pare vero di poter fare, ricordo con precisione che scalpore fece quella loggia massonica quando si ruppe il vaso di pandora, questo al confronto è un vetrino scheggiato, ma è anche così che si fa revisionisto storico giusto? Nel pirellone ce m'è una quasi conclamata da anni che state difendendo a spada tratta, due pesi e due misure? Fortuna che ho smesso di credere nell'onestà dei politici di destra e sinistra molto tempo fa...poi quando leggo questi articoli penso di aver fatto bene a chiamarmi fuori, la destra che vorrei io è stata mangiata mediaticamente già 20 anni fa quindi...

    Report

    Rispondi

  • libero

    19 Giugno 2013 - 20:08

    ma non e' la stessa cosa? la differenza e' che i primi danneggiano le altre no,anzi.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog