Cerca

Il caso

Treviso, Caldato: "Tagliamo le indennità degli assessori per aiutare i poveri", e il Pd vuole espellere la consigliera

La proposta: "Riduciamo del 30 per cento lo stipendio degli assessori per dare una mano alle famiglie". I dem vanno su tutte le furie: "La paga non si tocca, altrimenti sei fuori"

Treviso, Caldato: "Tagliamo le indennità degli assessori per aiutare i poveri", e il Pd vuole espellere la consigliera

Le epurazioni ora arrivano anche in casa Pd. Il motivo è lo stesso del Movimento Cinque Stelle: i soldi. Ma alla rovescia. Se i grillini espulsi volevano qualche euro in più in busta paga, al Nazareno si fa fuori chi invece vuole guadagnare di meno. La storia arriva da Treviso ed è raccontata da Oggi Treviso. La consigliera del Pd, Maristella Caldato rischia di dover abbandonare i democratici per una proposta che ha fatto andare su tutte le furie i suoi compagni di partito. La Caldato ha proposto un taglio del 30 per cento dell'indennità degli assessori per aiutare. Non l'avesse mai fatto. Apriti cielo.

La facciamo fuori - Ora la consigliera rischia l'espulsione dal Pd. "Non è così che si fa", afferma la dem Antonella Tocchetto. A ruota arriva anche il sindaco, Giovanni Manildo, a dire "no" al taglio delle indennità: "Non toccherò le indennità, il risparmio vero si fa altrove". Al coro si unisce anche il vice sindaco democratico Roberto Grigoletto: "Se non le piace la linea, la Caldato ne tragga le conseguenze". Insomma Grigoletto prepara la procedura di espulsione. Intanto il circolo del Pd di Treviso ha imposto alla Caldato lo stop alla sua mozione. Se dovesse perseverare su questa linea verrà espulsa dal partito. Insomma ai democratici toccategli tutto ma non l'indennità. E il M5S ha già un account pronto per la "povera" Caldato. (I.S.)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • doda57

    26 Luglio 2013 - 17:05

    Questa donna è da tenere a mente per la prossima tornata elettorale comunale: dovesse presentarsi come sindaco verrebbe eletta senza meno. E ciao a Manildo. Ma visto che ci siamo: dove pensa di trovare il denaro Manildo? Aumentando ancora l'ICI??? O le multe???? Gli voglio rammentare una cosa : i trevigiani sono in........se ha capito va bene altrimenti peggio per lui.

    Report

    Rispondi

  • sempre-CDX

    26 Luglio 2013 - 16:04

    lavoro mai, stipendi sacri. Ecco perchè devono sparire dalla politica...... Ma dall'inizio del governo Letta 1 dico 1 cosa buona è stata fatta ? Ma stipendi e privilegi non si toccano.

    Report

    Rispondi

  • sempre-CDX

    26 Luglio 2013 - 16:04

    lavoro mai, stipendi sacri. Ecco perchè devono sparire dalla politica...... Ma dall'inizio del governo Letta 1 dico 1 cosa buona è stata fatta ? Ma stipendi e privilegi non si toccano.

    Report

    Rispondi

  • Garrotato

    26 Luglio 2013 - 15:03

    Cara signora Caldato, non la conosco e non sono neanche elettore della sua parte politica. Ma le esprimo , per quel che vale, la mia solidarietà e il mio apprezzamento: è una dei pochi PD in buona fede e non stupidi. Sa che circolava la battuta "I comunisti sono di due specie: quelli in malafede e quelli stupidi". La sua proposta dimostra che lei è una delle mosche bianche: non è in malafede. perché la sua proposta è ciò di cui veramente la società avrebbe bisogno, e non è stupida perché l'ha capito, a differenza del suo sindaco, affetto dal solito "benaltrismo" ("il risparmio vero si fa altrove" : dove, di grazia?). Cordiali saluti, e pazienza se l'essere onesta le costerà qualche dispiacere. Si potrà guardare allo specchio senza indossare la maschera e senza arrossire.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog