Cerca

Il caso

Evade il fisco ma viene assolto,
i giudici: "Non poteva pagare"

Un imprenditore Veneto in difficoltà con la sua azienda ha scelto di evadere l'Iva pur di pagare i suoi dipendenti. Per il tribunale di Chioggia è "innocente perchè non c'è reato"

Evade il fisco ma viene assolto,
i giudici: "Non poteva pagare"
Accusato di evasione fiscale, viene assolto. La strana storia la racconta il Gazzettino di Venezia e arriva dal tribunale di Chioggia.  Protagonista è Roberto Tosello, un imprenditore che gestisce un'azienda tessile di Cavarzese, in provincia di Venezia, la Confezioni Grazia srl. Tosello è finito nel mirino della magistratura per non aver versato al Fisco 220 mila euro di Iva per il 2009 e 158 mila per il 2010. Il suo legale, Umberto Pauro, ha impostato la tesi difensiva sostenendo che Tosello ha evaso per poter pagare gli stipendi ai suoi dipendenti. Insomma l'imprenditore ha dovuto scegliere tra pagare lo Stato o pagare chi lavora con lui. Senza pensarci sù, Tosello ha scelto i suoi dipendenti.

Assolto -  Così il giudice del Tribunale di Chioggia, Enrico Ciampaglia, lo ha assolto "perché il fatto non costituisce reato". "Nessun rimprovero", ha scritto il giudice nelle motivazioni della sentenza, "può muoversi al Tosello, poiché si è venuto a trovare senza colpe e vie alternative nell'impossibilità di pagare gli acconti Iva". La decisione del giudice di Chioggia non è l'unica in questo senso. Altri magistrati si erano già mossi nei mesi scorsi sulla stessa linea. Come nel caso di Maria Grazia Fedon, scagionata dal tribunale di Padova per le stesse accuse di Tosello per "insussistenza del reato".

Fassina l'aveva detto - Stessa sorte per Enrico Stobbia, un autotrasportatore che travolto dalla crisi ha pagato i suoi debiti con tutti tranne che con lo Stato ed è stato assolto. Insomma queste sentenza cominciano a fare giurisprudenza e creano dei precedenti importanti. Sembra quasi che la magistratura abbia dato retta al vice-ministro dell'Economia, Stefano Fassina che qualche settimana fa, tra le polemiche, aveva affermato: "In Italia in tanti evadono le tasse per sopravvivere. Non tutti gli evasori hanno come obiettivo quello di fregare il Fisco. Senza voler strizzare l'occhio a nessuno - aveva detto il "giovane turco" - ci sono ragioni profonde e strutturali che spingono molti soggetti a comportamenti di cui farebbero volentieri a meno. Non è una questione di carattere prevalentemente morale". Ora le parole di Fassina trovano consistenza anche in tribunale. (I.S.)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • highlander5649

    20 Agosto 2013 - 18:06

    che ha assolto l'imprenditore provi a fare l'imprenditore. il primo anno non vi sono soverchie difficoltà in qunto le imposte sono calcolate l'anno successivo. il secondo anno quando vede i conteggi dei versamenti e si rende conto che l'imposta da versare è pari al 98% di quanto ha guadagnato la priima cosa che fa è andare in ferramente ed acquistare un cartello . cedesi attività... facile criticare chi dà lavoro facile comodo e vile.. i soldi degli stipendi devono prima entrare in ditta se vanno finire nelle tasche dei soliti *mangioni di stato* 8politici nazionali e locali e amministraztori dirigenti statali analfabeti è logico che l'impresario si lamenti..la proprorzione esatta del costo lavoro è di 3 a 1 es. se il costo orario globale di un dipendente è di 20 euro 15 vanno al dipendente e 5 allo stato. al contrario di quanto si fa oggi1000 euro in tasca a un muratore e 1600 ai vari enti: giudicate voi.

    Report

    Rispondi

  • monrefuge

    20 Agosto 2013 - 12:12

    la Magistratura è diventata una fogna! Allora c'è ancora qualche Giudice!!!!Purtroppo troppo pochi.

    Report

    Rispondi

  • gianko

    20 Agosto 2013 - 12:12

    che è una macchina di oppressione che impone tasse a non finire x mantenere una caterva di *delinquenti utili solo a loro stessi*; *120.000 norme fiscali* ha l'Italia, la Francia 2.000.. già questo dovrebbe spiegare tutto AGLI IMBECILLI FILOSTATALISTI, ma no loro, imbesuiti dai sinistronzi (e non solo) ripetono il mantra.. "se tutti pagassero le tasse, si pagherebbe MENO" col cazzo: avrebbero più soldi da rubare, 'sti MAIALI e parlo non solo dei politici, ma di tutti quelli che al motto di PANE DEL GOVERNO PANE ETERNO se ne stanno belli tranquili ad angariarci con la loro burocrazia asfissiante FATTA APPOSTA x farci commettere errori nel 740 e così infliggerci sanzioni, ecc.. e poi 'sti parassiti CHE NON PAGANO TASSE (gli ignoranti digitino *impiegati pubblici tasse partita giro* e non rompano + i coglioni) che hanno percentuali di assenteismo e fancazzismo altissime, sono pure arroganti; poi gli imbeciilli tirano i treppiedi metallici e le statuette in faccia al berlusca.. mah?

    Report

    Rispondi

  • saggiori

    19 Agosto 2013 - 20:08

    Ma i nostri politici hanno studiato i loro corsi di Università ? Cercate su Wikipedia : Curva di Laffer Quando prendono meno introiti, non dovrebbero pensare a Laffer e ridure le tasse ? Perche l'unico risultato e introiti inferiori ! Altra cosa che sembra completamente strana... perche volere aumentare le tasse su casa, parlando di altri paesi che lo fanno gia ? IMF non lo dice... Pero non vedere che questi altri paesi (tipo USA tassano pocco sul salario e molto sull'eredità ?). Giustamente non e corretto mostrare dove gli altri pagano di piu di noi (per compensare dove pagano di meno di noi), e non fare la stessa cosa per noi ? Non ho nianche mai visto un vero studio sul Giornale o Libero, dove si potrebbe vedere tutti i paesi e il costo reale del lavoro (con tutte le tasse incluse), come un confronto di quelle differenze di politiche di tassazioni paese doppo paese... forse i nostri politici capirano che la giustizia fiscale passa anche da li ? J.Saggiori

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog