Cerca

Il giallo di Gambara

Brasiliana uccisa in ufficio, fermato il datore di lavoro

Marilia era incinta. Accusato di omicidio aggravato Claudio Grigoletto

Marilia Rodrigues Martins

Marilia Rodrigues Martins

Dopo un lungo interrogatorio è stato fermato per l'omicidio di Marilia Rodrigues Martins, la brasiliana di 29 anni uccisa a Gambara nel Bresciano, Claudio Grigoletto, uno dei titolari della Alpi Aviation do Brasil, la ditta che vende ultraleggeri per la quale la vittima lavorava. L'uomo, che aveva raccontato di aver visto la giovane per l'ultima volta giovedì scorso, dovrà ora rispondere di omicidio aggravato.

Sempre stando a quanto si apprende, Grigoletto, ascoltato nel fine settimana e nuovamente nel corso delle ultime ore dai carabinieri del Comando provinciale di Brescia, avrebbe tentato di spiegare agli inquirenti di essere stato lontano da Gambara nelle ore in cui si sarebbe consumato l'omicidio e di essere tornato nel paese solo quando si è saputo della morte della brasiliana. Stando al suo racconto, quel pomeriggio, alle 18, Grigoletto avrebbe mandato un messaggio alla ragazza, incinta di alcuni mesi, per chiedere come andava il lavoro. Lei avrebbe risposto: ''Tutto tranquillo''. 

Secondo il procuratore di Brescia, Fabio Salamone, Claudio Grigoletto sarebbe il padre del bambino che la vittima portava in grembo. Proprio la gravidanza potrebbe essere il movente del delitto: "Aveva la necessità di eliminare il problema rappresentato dal fatto di essere il padre del bambino che la brasiliana aspettava", ha dichiarato il procuratore a proposito del fermo del titolare della Alpi Aviation do Brasil, dove Marilia lavorava, rivelando anche che l'uomo aveva creato un falso account mail attribuire a un'altra persona la relazione con la giovane vittima.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • belbelpietro

    04 Settembre 2013 - 00:12

    Continuiamo a riempire l'Italia di extracomunitari e poi ci lamentiamo se si mettono ad accoppare!

    Report

    Rispondi

blog