Cerca

Il massacro

Priebke parla delle fosse Ardeatine:
"Dopo due colpi mi sentii sollevato"

L'ex ufficiale nazista racconta l'eccidio: "Eseguivo gli ordini. Dio mi perdonerà"

Erich Priebke

Erich Priebke

"Per noi fu terribile, fui sollevato dopo aver sparato i due colpi, come la gran parte di noi. Non eravamo affatto dei macellai". Erich Priebke, morto a Roma a 100 anni, pochi giorni fa era tornato a parlare e far parlare di sé. In un'intervista alla Sueddeutsche Zeitung l'ex ufficiale nazista, raccontava la sua partecipazione all'eccidio della Forse Ardeatine, quel 24 marzo del 1944, che costò la vita a 335 italiani:"Kappler disse che gli ufficiali dovevano sparare per primi, ma uno non voleva sparare", spiegava. "Allora Kappler gli disse: ascolta bene, se tu non spari, dobbiamo fucilarti, chiaro? Allora a malincuore anche quello sparò e Kappler osservò che era stata ristabilita la disciplina".

"Non ho pensato a nulla" -  "A quel punto abbiamo dovuto sparare di nuovo tutti", rievocava. Lui non si sentiva più un nazista: "Una volta finita, è finita, sono del tutto libero da convinzioni politiche", ma contrario a qualsiasi forma di dittatura "di destra o di sinistra, poiché c'è sempre qualcuno a soffrirne". L'ex ufficiale nazista diceva di non aver rimpianti: "Mah, non avevo scelta. La mia vita è andata così. Sono convinto che il Signore, se c'è, guida ogni persona così come vive. Nessuno è mai tornato dall'aldilà e ce lo ha raccontato. Non sappiamo se Dio esiste, non sappiamo se esistono il Cielo e l'inferno". 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • RaidenB

    13 Ottobre 2013 - 19:07

    Che ti piaccia o no se non ci fosse stato l'attentato terroristico di via Rasella, dove non morirono solo tedeschi ma anche persone innocenti, non ci sarebbero state le fosse ardeatini. Per quanto riguarda le stragi di Marzabotto e Sant'Anna di Stazzena, ho conosciuto persone presenti al momento delle stragi e ti raccontano una storia completamente diversa da quella che vogliono farci credere, anche per quanto riguarda i responsabili dei massacri.

    Report

    Rispondi

  • vsaracc

    11 Ottobre 2013 - 16:04

    c'era la guerra e tutti sparavano i nazisti, i fascisti, i partigiani, i delinquenti comuni che approfittavano della situazione... ormai sono morti tutti, è finita che riposino tutti in pace.

    Report

    Rispondi

  • JamesCook

    11 Ottobre 2013 - 16:04

    Lei è un povero essere imbevuto di retorica nazista! Quanti MILIONI di Ebrei hanno sterminato i nazisti! solo un imbecille becero come lei può dire che la colpa fu dei partigiani che in una azione di guerriglia urbana,in pieno conflitto uccisero i soldati Tedeschi. I fascisti italiani e nazisti tedeschi UCCISERO E TORTURARONO centinaia di Partigiani italiani. Si rilegga le stragi di Marzabotto e S.Anna di Stazzena Ancora oggi esistono degli esseri come lei che fanno un calcolo aritmetico? demenziale sarà lei che se oggi può scrivere queste cose lo deve anche a coloro che hanno dato la vita per il suo e il mio diritto alla democrazia! lei si è un vero demente!

    Report

    Rispondi

  • Chry

    05 Ottobre 2013 - 19:07

    tu ti saresti venduto pure tua madre ai tedeschi

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog