Cerca

La nube e l'allarme

Il mistero dell'aria radioattiva sull'Italia: rilevato Rutenio-106, "forse viene da..."

3
Il mistero dell'aria radioattiva sull'Italia: rilevato Rutenio-106, "forse viene da..."

Cosa ci fa una nube radioattiva sul Nord Italia? Da diversi giorni in Piemonte, in Lombardia, in Veneto e in Friuli Venezia Giulia si registrano concentrazioni di Rutenio-106, un elemento utilizzato in medicina per il trattamento di alcune tipologie di tumori oculari e come fonte di energia per i satelliti. I dati delle rilevazioni effettuate dagli esperti partono dal 29 settembre. La presenza di questo elemento chimico, fa sapere l' Arpa friulana - il centro regionale per la protezione dell' ambiente - «in assenza di altri radionuclidi artificiali tipici di una fissione nucleare porta a escludere incidenti occorsi a un impianto di produzione di energia nucleare e ad esplosioni di ordigni bellici».
E allora perché nell' aria che respirano i cittadini delle regioni settentrionali d' un tratto è stata riscontrata questa radioattività? Qual è la causa?
Al momento una risposta non c' è. Gli esperti dei centri regionali, in collaborazione con l' Istituto Superiore per la Protezione e per la Ricerca Ambientale, hanno intensificato i campionamenti e le analisi del particolato atmosferico. Per i risultati però, fanno sapere, ci vorrà qualche giorno. Allo stato attuale, fortunatamente, il livello di concentrazione di radioattività non comporterebbe rischi per la salute né per l' ambiente. Questo ci fa tirare un sospiro di sollievo ma desta comunque una certa preoccupazione venire a sapere che oltre allo smog dobbiamo respirare altre porcherie, per di più avvolte dal mistero.
Pare inoltre che la radioattività riscontrata negli ultimi giorni non si limiti soltanto alle regioni settentrionali italiane. La portata è ben più ampia. In base alle analisi svolte da diverse autorità ambientali, la presenza di questa miscela di isotopi radioattivi è stata rilevata con valori superiori rispetto all' Italia anche in Germania, Svizzera, Austria e Francia. Secondo il tedesco Federal Office for Radiation Protection, notizia riportata dalla rivista americana Popular Mechanics, le radiazioni avrebbero origine nell' Europa dell' Est, ma non sarebbe ancora stata localizzata con precisione la fonte. L' ufficio federale svizzero di Sanità pubblica ha comunicato che sono state rilevate tracce di Rutenio-106 tra Locarno e Bellinzona. Le autorità locali hanno comunque assicurato che per ora la situazione, seppur anomala, sarebbe sotto controllo. Così come in Austria, dove però la concentrazione di Rutenio è più alta.
La radioattività riscontrata in provincia di Bergamo ha spinto il Codacons a presentare un esposto alla procura per accertarne le cause. Sul caso, nelle ultime ore, sia pure a rilento, ha cominciato a muoversi anche il parlamento. E non poteva essere che un esponente del Movimento 5 Stelle, i cui rappresentanti sono da sempre grandi sostenitori di teorie complottistiche sulle scie chimiche e quant' altro, ad aprire le danze. Il senatore veneziano Gianni Girotto ha presentato un' interrogazione urgente al ministro della Salute Beatrice Lorenzin. «Le istituzioni» dice il grillino «devono prestare maggiore attenzione e intervenire con tutti gli strumenti a disposizione per effettuare controlli e monitoraggi del fenomeno per evitare che la salute umana venga messa in pericolo». Già, la salute umana, non delle anatre. «Nei prossimi giorni» prosegue Girotto «seguiremo da vicino l' evolversi della situazione. Non possiamo rimanere indifferenti a quanto accaduto».

di Alessandro Gonzato

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • fregolo

    08 Ottobre 2017 - 18:06

    Roberto Perin ti sbagli. Il Rutenio non è solo efficace per far guarire la Uveite. Buoni risultati si sono avuti anche per l’eliminazione delle pustole Perin-ali

    Report

    Rispondi

  • claudionebridio

    07 Ottobre 2017 - 21:09

    Non sono un adeptto M5S tuttavia mi indigno sentendo associare le cosiddette scie chimiche a paranoie complottiste. Una normale scia di condensa non parte (o termina) dal nulla con una specie di virgola, chiara dimostrazione di difetto di apertura (o chiusura) dei serbatoi di scarico (come da me visto in Algeria e sopra Ancona) . Nè permangono ore in cielo. Nè producono Alluminio e bario

    Report

    Rispondi

  • primulanonrossa

    07 Ottobre 2017 - 20:08

    ^°@°^ Ah sì c'è una grossa nube di Teroldego Rotaliano?!?!!!??? Arrivo

    Report

    Rispondi

media