Cerca

La spaccatura nella Chiesa

Vaticano, Papa Francesco sotto attacco: il nuovo clamoroso documento, i tre cardinali lo accusano

3 Gennaio 2018

22
Vaticano, Papa Francesco sotto attacco: il nuovo clamoroso documento, i tre cardinali lo accusano

I vescovi Tomash Peta, Jan Pawel Lenga, Athanasius Schneider hanno scritto un documento teso a ribadire l'indissolubilità del matrimonio e la contrarietà all'accesso ai sacramenti da parte dei divorziati risposati: "Non è lecito (non licet) giustificare, approvare o legittimare né direttamente, né indirettamente il divorzio e una relazione sessuale stabile non coniugale tramite la disciplina sacramentale dell’ammissione dei cosiddetti "divorziati risposati" alla Santa Comunione, trattandosi in questo caso di una disciplina aliena rispetto a tutta la Tradizione della fede cattolica e apostolica", scrivono i tre, appartenenti alla diocesi di Astana, in Kazakistan.

Il testo, che è intitolato "Professione delle verità immutabili riguardo al matrimonio sacramentale", è una critica all'"Amoris Laetitia" di Papa Francesco, ribadendo alcuni punti fermi della dottrina cattolica. Bergoglio aveva "chiuso" la pratica nello scorso dicembre quando, pubblicando negli atti ufficiali del pontificato una lettera all'episcopato argentino, aveva confermato l'interpretazione "estensiva" della discussa esortazione apostolica. Burke, Brandmueller, Caffarra e Meinser, cioè i cardinali che avevano sollevato i "dubia" sul testo del pontefice, non hanno ricevuto alcuna risposta in merito dalla Santa Sede. La "polemica", insomma, sembrava essersi conclusa definitivamente.

I tre esponenti dell'episcopato kazako, però, hanno rilanciato sul tema e dichiarato: "Come vescovi cattolici, i quali – secondo l’insegnamento del Concilio Vaticano Secondo – devono difendere l’unità della fede e la disciplina comune della Chiesa, e procurare che sorga per tutti gli uomini la luce della piena verità, siamo costretti in coscienza a professare, di fronte all’attuale dilagante confusione, l’immutabile verità e l’altrettanto immutabile disciplina sacramentale riguardo all’indissolubilità del matrimonio secondo l’insegnamento bimillenario ed inalterato del Magistero della Chiesa...". Anche Peta, Legna e Schneider, quindi, si sono schierati dalla parte di coloro che sostengono che Amoris Laetitia generi "confusione".

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Dinofred

    04 Gennaio 2018 - 22:10

    Marchiare i divorziati come dei criminali appestati , significa che per la chiesa essere buone e brave persone non basta.Una chiesa che rifiuta l' uomo è una chiesa senza amore per il prossimo ma tutela solo i suoi interessi.

    Report

    Rispondi

  • Nicocap

    04 Gennaio 2018 - 15:03

    Allora bisogna eliminare il matrimonio dalla lista dei sacramenti. Si può fare?

    Report

    Rispondi

  • giacomolovecch1

    04 Gennaio 2018 - 14:02

    Cecchini.......sempre tu .......a scrivere sciocchezze !!!!!!.... il Centro Sociale ti aspetta per le pulizie !

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media