Cerca

No Tav scatenati

Roma, lanci di sassi e uova
Il corteo in mano ai violenti

Scontri con la polizia davanti al ministro dell'Economia

Militanti aspettano il corteo di Roma

Un corteo diverso dagli altri, quello che è sfilato oggi per il centro blindatissimo di Roma. Certo, c'erano i soliti figli di papà che vanno ai centri sociali, i soliti professionisti del caos. Ma anche tanti disoccupati e anche immigrati di colore. Un corteo che si potrebbe quasi definire 'alla francese', ricordando quelli animati da sans papier a Parigi. Roma è blindata per il corteo dei  movimenti per il diritto all’abitare, con la partecipazione dei  No-Tav. Al manifestazione è partita da piazza di Porta San Giovanni con un'ora di ritardo, intorno alle 15 per procedere poi lungo via Merulana, piazza di Santa Maria  Maggiore, via Liberiana, via Cavour, via Giovanni Amendola, viale  delle Terme di Diocleziano, piazza della Repubblica, via Cernaia, via  XX Settembre, via Goito, piazza dell’Indipendenza, via San Martino della Battaglia, viale Castro Pretorio, piazza della Croce Rossa, viale del Policlinico fino a Porta Pia. Lungo il percorso, negozi e banche con le serrande abbassate per paura di vandalismi e danneggiamenti. 

Guarda le foto
Corteo e tensioni, la manifestazione di Roma


Bombe carta - Arrivati davanti al ministero dell'Economia, in via XX settembre, gli antagonisti del corteo hanno fatto esplodere alcune bombe carta per manifestare il loro dissenso rispetto alle politiche economiche dell'Italia e dell'Europa. L'intento dei manifestanti era quello di spaventare e provocare le forze dell'ordine, ma sembra che per il momento la polizia stia riuscendo a tenere tutto sotto controllo. Poco prima dell'attacco al ministero, nei pressi di piazza della Repubblica, un drappello di comunisti antagonisti si è minacciosamente avvicinato alla sede nazionale di Casa Pound, centro sociale di destra, per cercare lo scontro. Invano: il cordone di polizia ha fatto sì che il peggio fosse evitato. Bombe carta anche contro la sede del ministero delle Infrastrutture, considerato il responsabile dei trivellamenti per la Tav Torino-Lione. Quindici, in tutto, gli antagonisti fermati.

Tentato assalto al centro sociale di destra Casa Pound
Guarda il video su LiberoTv


Attacco hacker - La protesta non si è limitata a bombe carta e uova lanciate tra le strade di Roma. Anche via web è partito l'attacco contro i siti del potere. Il gruppo Anonymus ha fatto saltare il sito internet della Corte dei Conti e del ministero delle Infrastrutture come atto di protesta. Sulle home page dei siti non è stato scritto alcun messaggio, ma non è possibile accedervi da qualche ore. 

 

I controlli preventivi - Venerdì, nella fitta rete dei controlli preventivi predisposti dal questore Fulvio Della Rocca erano caduti cinque francesi, fermati e identificati prima di essere accompagnati alla frontiera: due di loro risultano avere precedenti per terrorismo oltralpe, altri due sono stati già controllati in precedenti manifestazioni no Tav in val di Susa. E questa mattina, a poche ore dalla partenza del corteo, lungo il percorso erano stati rinvenuti dalle forze dell'ordine e sequestrati sanpietrini e altri oggeti contundenti.

La mobilitazione - Tra le parole d’ordine dei movimenti in piazza domani ci sono, ribadite dagli striscioni di apertura, "sollevazione" e "assedio", e se tutte le sedi istituzionali saranno iperprotette i movimenti proveranno comunque a "circondare" il ministero dell’Economia in via XX Settembre e ad "accamparsi" (ben oltre la prevedibile fine del corteo, nel tardo pomeriggio) davanti a quello delle Infrastrutture a Porta Pia. A proposito di Porta Pia: i promotori hanno garantito che la protesta sarà "determinata" ma "non violenta", e lamentato che l’eccesso di attenzione per il profilo della sicurezza finisce sempre con l’oscurare i contenuti dell’iniziativa. 

La soddisfazione di Alfano - Un messaggio di congratulazioni per la gestione dell'ordine pubblico al capo della Polizia, Alessandro Pansa, al questore di Roma, Fulvio Della Rocca, e al prefetto, Giuseppe Pecoraro. Lo ha indirizziato pubblicamente il vicepremier e ministro dell'Interno, Angelino Alfano, per "l'eccellente lavoro svolto da tutte le Forze dell'Ordine impegnate per assicurare lo svolgimento delle manifestazioni tenutesi ieri e oggi nella Capitale".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • discitur

    31 Ottobre 2013 - 18:06

    ho! ma questo Alfano sa solo congratularsi con le forze di polizia che ogni volta gli salvano.il......culo....restituisci piuttosto i 7.....denari.e togliti dai c......ni voltagabbana..anzi portati con te la poltrona.....sentinella delle tasse dei miei stivali............va a trovare Fini e convinciti che sei finito!!!!!!!!

    Report

    Rispondi

  • discitur

    31 Ottobre 2013 - 18:06

    ho! ma questo Alfano sa solo congratularsi con le forze di polizia che ogni volta gli salvano.il......culo....restituisci piuttosto i 7.....denari.e togliti dai c......ni voltagabbana..anzi portati con te la poltrona.....sentinella delle tasse dei miei stivali............va a trovare Fini e convinciti che sei finito!!!!!!!!

    Report

    Rispondi

  • Ninin

    21 Ottobre 2013 - 07:07

    Solo alla Lega Nord, prima di ogni manifestazione hanno chiesto il versamento di cauzioni come anticipo di risarcimento per eventuali danni provocati. E' un bel gestire questa Italia con il far pagare a chi non fa danno e consentire di farla franca a chi non pagherà mai!

    Report

    Rispondi

  • antari

    20 Ottobre 2013 - 13:01

    Te lo dico io perche': perche' al governo ci sono delinquenti condannati, che proteggono i criminali come loro. Nonostante cio', il tuo amico Alfano ha espresso soddisfazione per l'ottimo controllo esercitato dalle forze dell'ordine e per i pochi tumulti, quindi tornatene a cuccia e taci!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog