Cerca

Altre intese

Grillo&Cav, il partito anti-euro
è la nuova maggioranza in Italia

Otto italiani su dieci insoddisfatti dalla moneta unica: Berlusconi fu il primo euroscettico, poi il M5S, che ha fatto il botto alle elezioni

Beppe Grillo e Silvio Berlusconi

Beppe Grillo e Silvio Berlusconi

Quasi otto italiani su dieci sono insoddisfatti dell'euro e, al di là degli altolà di quanto sostengono i soloni che ritengono la moneta unica irreversibile, in molti vorrebbero tornare alla lira. Il rapporto Acri-Ipsos 2013 parla chiaro: solo il 3% si ritiene molto soddisfatto dell'euro mentre il 74%, al contrario, vorrebbe non averlo mai avuto nel portafogli. Del resto è grazie alla valuta comunitaria che le cose costano il doppio e le buste paga sono sempre più leggere, ragionano gli italiani consapevoli che per le nazioni deboli, una moneta forte è una iattura. 

Sovranità nazionale - Il 74% di euroscettici è una percentuale alta che potrebbe suggellare, come suggerisce l'ex direttore di Libero, Vittorio Feltri, un nuovo asse tra Forza Italia e Movimento Cinque Stelle. Fu Silvio Berlusconi infatti a sollevare dubbi sull'utilità dell'euro e Grillo ne fece il suo cavallo di battaglia alle politiche di febbraio che lo hanno visto ottenere un risultato impressionante. Berlusconi e Grillo secondo Feltri dovrebbero allearsi accantonando momentaneamente il nodo giustizia con l'obiettivo di fare insieme una battaglia per riconquistare la sovranità nazionale e battere moneta per affrontare e fermare la prepotenza teutonica. "Con i voti di Forza Italia più quelli del M5S la maggioranza è garantita. Coraggio, che ce vo'?", conclude Feltri.

La telefonata - Per qualcuno queste considerazioni sembreranno campate sul nulla visto che mai e poi mai Grillo scenderebbe a patti con l'odiato Berlusconi. Eppure qualcosa potrebbe anche muoversi. Si tratta di una voce da prendere con le pinze, rilanciata dal Corriere della Sera: pare che Berlusconi abbia già avuto un colloquio con il professore Becchi, fedelissimo del leader pentastellato, genovese, anti-euro convinto. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Devogu

    30 Ottobre 2013 - 15:03

    Che si faccia subito un referendum e si faccia finita con i profittatori o i parolai tuttisti che evidentemente sull'euro ci speculano a nostro danno.

    Report

    Rispondi

  • tuttialavorare

    30 Ottobre 2013 - 15:03

    "Berlusconi si e' accorto in ritardo del fenomeno perche' avrebbe dovuto ascoltarli invece." Quindi, confermi che Berlusconi è un ritardato (nonché stitico) e che l'elettore dello stesso è altrettanto ritardato. Ma come, l'ex Cavaliere ha impiegato vent'anni per capire che la moneta unica era una sola, mentre noi, che siamo nati da pochi mesi, lo abbiamo inserito(il referendum per la permanenza o meno)da subito? E chi sarebbero gli incapaci? Faccia una cosa, marcolelli3000, non beva prima di mettersi a scrivere, perchè puntualmente fà delle emerite figure di merda. Capisco la sua amarezza per il fatto che il berlusconismo appartiene ad un infausto passato del nostro martoriato Paese, ma se ne faccia una ragione, e non rompa più il cazzo,grazie.

    Report

    Rispondi

  • tuttialavorare

    30 Ottobre 2013 - 15:03

    "Berlusconi si e' accorto in ritardo del fenomeno perche' avrebbe dovuto ascoltarli invece." Quindi, confermi che Berlusconi è un ritardato (nonché stitico) e che l'elettore dello stesso è altrettanto ritardato. Ma come, l'ex Cavaliere ha impiegato vent'anni per capire che la moneta unica era una sola, mentre noi, che siamo nati da pochi mesi, lo abbiamo inserito(il referendum per la permanenza o meno)da subito? E chi sarebbero gli incapaci? Faccia una cosa, marcolelli3000, non beva prima di mettersi a scrivere, perchè puntualmente fà delle emerite figure di merda. Capisco la sua amarezza per il fatto che il berlusconismo appartiene ad un infausto passato del nostro martoriato Paese, ma se ne faccia una ragione, e non rompa più il cazzo,grazie.

    Report

    Rispondi

  • GIORGIOPEIRE@GMAIL.COM

    GIORGIOPEIRE

    30 Ottobre 2013 - 15:03

    La colpa è tutta sua, ha demolito tutta l'Italia Italsider in testa e regalo Alfa Romeo agli Agnelli Come è stato possibile fidarsi di un simile tipo? Malasorte, ogni tanto esce fuori, speriamo non gli sia affidato nessun incarico

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog