Cerca

Il progetto

Bologna, creata una classe sperimentale con soli studenti stranieri. E' polemica

Il consiglio di istituto protesta: "Non integra ma divide". Il preside si difende: "Non è una classe ghetto"

classe

classe

Una nuova classe "sperimentale", la prima A, dove, seduti sui banchi, non ci sono bambini italiani. Il preside dell'istituto Besta di Bologna precisa "questa non è una classe ghetto". Ma il consiglio di istituto critica la decisione "perché non integra ma divide". La dirigente provinciale ha dato l'autorizzazione senza sapere che in quell'aula non ci sarebbero stati alunni italiani. Così nel capolugo romagnolo scoppia la polemica per la creazione di una nuova classe di prima media composta da soli bambini stranieri che hanno un'età compresa tra gli undici e i quindici anni. 

L'iniziativa - Si tratta del progetto sperimentale avviato dalla scuola secondaria di primo grado Besta (interna all'Istituto Comprensivo 10), dedicato a studenti arrivati in Italia attraverso i ricongiungimenti familiari, e quindi con poca padronanza della lingua italiana. L'iniziativa è nata a fine agosto, quando le famiglie hanno chiesto l'iscrizione per i propri figli, alcuni impossibilitati a frequentare altre scuole per l'esaurimento dei posti disponibili. Così, il preside dell'istituto, ha pensato ad una soluzione transitoria riunendo in una sola classe "liquida" gli alunni stranieri con età diverse tra loro e con la necessità di imparare le basi della lingua italiana. 

La polemica - L'iniziativa ha avuto il via libera dell'ufficio scolastico provinciale e del collegio dei docenti senza tuttavia ottenere il semaforo verde del consiglio di istituto, che non apprezzato il progetto: la decisione, scrivono i membri nella lettera, come riporta Il Corriere, "pone problemi formali, sia politici e pratici. Eppoi contrasta con i principi di inclusione e confronto ai quali la scuola si deve ispirare". Il dirigente dell'Istituto comprensivo, che include la scuola BestaEmilio Porcaro, ha ribadito: "Ma quale classe ghetto. Ho preso questa decisione per dare una classe ai ragazzi appena arrivati in Italia, altrimenti perdevano l'anno". E, da par sua, il dirigente dell'ufficio scolastico territoriale di Bologna, Maria Luisa Martinez, ha precisato: "Il mio via libera era riferito solo all'avvio di una nuova classe, scopro ora che gli alunni sono tutti stranieri. Ho chiesto di leggere i documenti e se è vero quello che mi ha raccontato il preside si tratterebbe di una classe 'ponte' di qualche mese. Una volta imparato l'italiano, i ragazzi possono essere inseriti nelle altre aule". 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • aprisco

    06 Novembre 2013 - 00:12

    non possono farlo: e la cosa puzza di ghetto. I comunisti di bologna, ne vogliono tanti di immigrati, per cui devono essere coerenti fino in fondo, e se ne devono assumere le responsabilità. Gli immigrati sono le loro creature preferite, li hanno voluti, li finanziano, danno loro diritti e precedenze, senza porsi problemi di compatibilità tra questi ultimi e cittadini già residenti, di cui auspicano la giusta estinzione data la loro imbecillita avulsa da quasiasi ribellione.Per tutto ciò: che facciano secondo ideologia e non si preoccupino più di tanto . Ora che il popolo italiano si sveglia, esso sarà gia con l'acqua fino collo, soffocati da tutta questa gentaglia di ogni parte del mondo.

    Report

    Rispondi

  • aprisco

    06 Novembre 2013 - 00:12

    non possono farlo: e la cosa puzza di ghetto. I comunisti di bologna, ne vogliono tanti di immigrati, per cui devono essere coerenti fino in fondo, e se ne devono assumere le responsabilità. Gli immigrati sono le loro creature preferite, li hanno voluti, li finanziano, danno loro diritti e precedenze, senza porsi problemi di compatibilità tra questi ultimi e cittadini già residenti, di cui auspicano la giusta estinzione data la loro imbecillita avulsa da quasiasi ribellione.Per tutto ciò: che facciano secondo ideologia e non si preoccupino più di tanto . Ora che il popolo italiano si sveglia, esso sarà gia con l'acqua fino collo, soffocati da tutta questa gentaglia di ogni parte del mondo.

    Report

    Rispondi

  • eureka.mi

    05 Novembre 2013 - 18:06

    Se continua così nel ghetto ci resteranno solo gli italiani obbligati a convivere con regole che non sono italiane. Perché obbligare i ns ragazzi a rallentare il loro percorso scolastico per stare al pari di ragazzi stranieri che non conoscono la ns lingua? Smettiamola di essere così buonisti con lo straniero, ci stanno mettendo i piedi in testa.

    Report

    Rispondi

  • Gancherro

    05 Novembre 2013 - 15:03

    Ormai non c'è più ritegno all'imbecillità e all'arroganza di questi buonisti rossi di merda! Piantatela di chiamarlo "progressismo", luridi vigliacchi!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog