Cerca

Casalbertone

Nella sezione del Pd
insulti omofobi e accuse:
"Froci", "fascisti", "zozzi"

La faida è tutta interna ai sostenitori di Gianni Cuperlo, una faida tra generazioni diverse, nuovi e vecchi iscritti

Gianni Cuperlo

Gianni Cuperlo

Il congresso del circolo Pd di Casalbertone di domenica scorsa è finito con accuse e insulti omofobi. "Froci", "fascisti", "venduti" sono alcune delle parole che i dem chiamati ad eleggere il segretario della sezione e i delegati al congresso hanno scritto su Facebook riferito agli avversari. Che non sono i militanti della vicina sede di Casa Pound, né i renziani che in quella sezione non si sono neanche presentati: la faida è tutta interna tra i seguaci di Gianni Cuperlo che si dividono tra i sostenitori di Lionello Cosentino (60 anni ex assessore regionale, ex senatore vicino al guru romano Goffredo Bettini) e Tommaso Giuntella (30 anni, bersaniano doc). Alla fine della concitata giornata durante la quale si sono fatti vedere a Casalbertone anche i big Micaela Campana e Michele Meta, vince Carlotta Paoluzzi (sostenuta da Giuntella) con 67 voti contro i 63 di Domenico Perna (sostenuto da Cosentino). Dopo urla, recriminazioni e contestazioni, i militanti vanno a casa. E la discussione prosegue con toni ancora più accesi su Facebook.

Gli insulti "I fascisti del Pd hanno portato le truppe cammellata a votare Carlotta e Giuntella", scrive Tonino Cuozzo, un iscritto storico. Passa mezz'ora, racconta il Corsera, e i Giovani Democratici del Tiburtino replicano: "Diccelo tu, Tony per chi dovemo votà! Quanti soldi j'avete dato a quelli di casapound per venire a votare in sezione? La foto con Berlinguer c'hai! ma vergognati zozzo! Fascista tua madre!". Cuzzo a quel punto non ci vede più: "Voi pure i froci che un c... votano Carlotta miss de sto ... ma non passerete a Casalbertone mantenuti da mister frega la neo eletta in parlamento ed assessore per spirito santo...". Una sequela di insulti con "bersagli precisi": Simone Barbieri, omosessuale, di Pd Rainbow, la Paoluzzi e Maria Muto, un ex assessore del municipio.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • krgferr

    06 Novembre 2013 - 17:05

    Certo che si presentano, ma sopratutto si propongono, con efficacia per la guida del Paese! Se non ci fosse da ridere sarebbe il caso di aver paura. Saluti. Piero

    Report

    Rispondi

  • rozanu

    06 Novembre 2013 - 15:03

    e questi vorrebbero essere eletti per "guidare" la Italia? Dementi! non loro ma chi li voterà.

    Report

    Rispondi

blog