Cerca

Il caso

Roma, il liceo che sul libretto scrive "genitore 1" e "genitore 2"

Cècile Kyenge e Laura Boldrini

Cècile Kyenge e Laura Boldrini

No, non è affatto un liceo come gli altri. Anzi, come gli altri licei romani d’elite, quelli dove “l’intellighenzia de’ sinistra” ha studiato e dove ora manda figli e nipoti, il Mamiani è strutturalmente costretto a dover esser un passo avanti agli altri per non restare indietro.  In tutto e per tutto. 

Sarà per questa ragione che al posto di “padre” e “madre”, sul libretto delle giustificazioni degli studenti dello storico liceo classico della Capitale, ci sarà la dizione “genitore 1” e “genitore 2”, come aveva chiesto il ministro Cecile Kyenge, scatenando un’ondata di polemiche. E così dopo Bologna, che ha battuto tutti sul tempo adottando la soluzione “neutrale” per i moduli d’iscrizione alle scuole del comune, la dizione uno e due sbarca nella Capitale,  seppur su un semplice libretto. L’importante, stando al regolamento scolastico, è che la firma riportata nella giustificazione sia la stessa depositata in segreteria. La novità, essendo stata introdotta da quest’anno, ha costretto i dirigenti del liceo  a ristampare tutti i libretti, dicendo addio a mamma e papà. Volendo essere veramente progressisti, in barba alla Costituzione e alle regole condivise, un po’ di euro spesi così non sono un problema. Anzi,  «è stata una scelta delle famiglie», spiega la preside dello storico liceo Tiziana Sallusti.

 Insomma, per i radical chic essere un passo avanti è una necessità, che va al di là della logica e del dibattito politico.  In fondo il Mamiani è sempre il liceo di “Porci con le ali”,   uno dei simboli del ’68, il liceo della borghesia di Prati, della “Roma bene” progressista e che vanta tra i suoi alunni dal Nobel Emilio Segrè ai fratelli Muccino, da Altiero Spinelli a Nicola Piovani, tanto per fare qualche nome. 

E allora «genitore 1 e genitore 2 non vuole essere un’offesa a nessuno, sia ben chiaro, meno che mai alla famiglia», spiega la preside, «non c’è nulla di più prezioso di una madre e di un padre, ma non si può fare finta di non vedere che oramai più della metà dei nostri studenti vive in famiglie allargate, dove uno dei due non è il genitore naturale, ma si prende cura del ragazzo come se lo fosse».   Certo, i vertici dell’associazione Gay Center giudicano  «positiva» la scelta della preside, che «va nella direzione giusta anche per non discriminare i genitori gay e lesbiche», afferma Fabrizio Marrazzo, portavoce di Gay Center .Ma se la famiglia è un bene, e un padre e una madre sono quanto di più «prezioso» c’è, come sostiene la preside del liceo Mamiani, perché eliminarli, anche solo dal libretto della giustificazioni? Al di là dell’evidente contraddizione con le parole della  preside, c’è qualcosa che non torna. 

E i conti non tornano a tanti. «Ogni ragazzo nasce da un padre e da una madre», afferma Antonio Affinita, direttore generale del Moige, suscita perplessità la scelta di cancellare la parola madre e padre sui libretti di giustificazioni, peraltro senza coinvolgere, in una scelta democratica e condivisa tutti i genitori nella scuola». «Sono temi che toccano le identità delle persone, con questa scelta si discriminano i genitori che ancora si sentono padri o madri e non genitore 1 e genitore 2».  Ancor più duro il commento di Fabio Rampelli, vicecapogruppo di alla Camera di Fratelli d’Italia. «Un’idiozia ideologica che Fdi contrasterà in ogni modo».  A partire proprio dalla scuola.

di Enrico Paoli

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • encol

    11 Luglio 2014 - 14:02

    Genitore 1 e 2 è il metodo adottato dal naturalista, talvolta dall'antropologo nello studio della complessa comunità di scimmie. Evidentemente l'idea viene da li.

    Report

    Rispondi

  • dmjtp

    15 Novembre 2013 - 19:07

    ..e i figli?... non gli cambiamo nome ai figli?...cioè, se per esempio,invece di Genitore 1) e 2) avessero deciso per Gamete 1) e Gamete 2), i figli potevano chiamarsi Zigote a),zigote b),Zigote c), ecc...o no?... un po' più di fantasia, perbacco!...va beh, la prossima volta,...ciao.

    Report

    Rispondi

  • ectosilver

    15 Novembre 2013 - 11:11

    D'ora in poi , tutti gli aspetti della vita sociale dovranno essere omo-logati, omo-genizzati,omo-sessuati. Bisognerà anche riscrivere i testi sacri ed eliminare quella fastidiosa storiella esagerata di Sodoma- 1-Gomorra-2, che tanto fa disperare i gay più credenti.

    Report

    Rispondi

  • Palmiro Fazzari

    15 Novembre 2013 - 10:10

    Questi ministri , evidentemente non hanno mai avuto dei genitori , oppure non hai mai avuto un buon rapporto , o cosa ancora più grave, non hanno mai avuto i valori che una persona fonda e inchioda nel costruirsi una famiglia, dei valori morali che ti danno forza di andare avanti, dei valori che già da piccoli il Padre con la Madre si apprestano scrupolosamente ad insegnarti . Adesso secondo un sistema civile , visto da dei cafoni immorali , ti dicono che tutto questo non corretto , oramai bisogna adeguarsi ai tempi , pertanto via questi valori , ci sono i numeri 1/2/3/4/5/6 etc.... , ma andatevene affanculo , e fare cose serie che necessitano veramente , e cioè andavate ne tutti casa ladri fannulloni senza scrupoli! Viva la famiglia , non facciamoci mettere i piedi sopra la testa da questi cafoni mandiamoli tutti a casa, tutti a casa, nulla escluso!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog