Cerca

Un altro pm nel mirino di Cosa Nostra

Matteo Messina Denaro: "Il tritolo per vendicare l'arresto di mia sorella"

La soffiata è arrivata da una fonte considerata attendibile dagli investigatori. Le minacce di morte rivolte al procuratore aggiunto Teresa Principato

Matteo Messina Denaro: "Il tritolo per vendicare l'arresto di mia sorella"
Dopo le minacce di Totò Riina a Nino di Matteo, un altro magistrato è finito nel mirino di Cosa Nostra. Matteo Messina Denaro, ultimo grande latitante della vecchia guardia stragista è fuori di sé per l'arresto della sorella Patrizia avvenuto lo scorso 13 dicembre: "Le donne della famiglia non si toccano". Il boss avrebbe intenzione di vendicare l'affronto subito con del tritolo. A rischiare la vita è Teresa Principato, procuratore aggiunto di Palermo e coordinatrice delle indagini per la ricerca del boss. La soffiata è arrivata da una fonte confidenziale che gli investigatori valutano come molto attendibile. Lo stato d'allerta è quindi ai massimi livelli.

Misure di sicurezza -
Francesco Messineo, procuratore di Palermo, è subito intervenuto per assicurare il suo intervento sulla questione: "Abbiamo il dovere di prendere sul serio, così come fatto in altri casi, tutte le notizie di questo genere. Lo facciamo, non trascuriamo nulla e l'allerta resta alta. Abbiamo informato tutti gli organi competenti, dal Comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza alla procura di Caltanissetta, competente quando si profila un potenziale reato nei confronti di un magistrato della Procura di Palermo".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog