Cerca

Una settimana di sofferenze

Palermo, non ha i soldi per un dentista: un ascesso la uccide a 18 anni

Tragedia a Palermo: perde la vita per un ascesso che non ha potuto curare

Morire di povertà. Gaetana Priola, 18 anni, non aveva i soldi per andare dal dentista. La giovane si è spenta all'ospedale civico di Palermo, dove era ricoverata dai primi giorni di febbraio. A ucciderla, un infezione polmonare causata da un ascesso dentale mai curato. All'inizio del mese, la giovane era svenuta in casa senza più dare segni di vita. I medici le avevano diagnosticato uno choc settico polmonare, condizione che si verifica in seguito a un improviso abbassamento della pressione sanguigna. Inizialmente, Gaetana era stata trasportata al Bucchieri La Ferla e, in seguito, era stata trasferita nel reparto di rianimazione del Civico. Le sue condizioni sono apparse da subito subito come gravi. I medici hanno provato a rianimarla ma, dopo una settimana di cure disperate, ne hanno dovuto registrare il decesso. Disperazione e dolore nel quartiere Zen della città, dove la vittima risiedeva insieme alla famiglia. Al momento, non c' è nessuna denuncia e nessuna inchiesta è stata aperta. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ghorio

    11 Febbraio 2014 - 12:12

    Su questa vicenda ci sono vari lati oscuri, ma quello che sbalza agli occhi è la malasanità. IL primo ospedale avrebbe dovuto curarla, altro che prescrivere l'antibiotico e mandarla da un dentista all'interno di una struttura ospedaliera, se non aveva soldi per andare da un dentista.

    Report

    Rispondi

  • scorpione2

    10 Febbraio 2014 - 19:07

    pero' tutto mi sembra strano,primo perche' anche se vai dal dentista e hai un ascesso non ti tocca nemmeno,al limite ti da' degli antibiotici e poi se ne parla,secondo, se hai un'ascesso dentale si puo' andare pure dal dottore di base e ti prescrive le cure,terzo in casi estremi puoi andare sempre al pronto soccorso per le prime cure, ripeto mi dispiace ancora per la ragazza ma devono approfondire con le indagini.

    Report

    Rispondi

blog