Cerca

Incendi in calo ma rimane il bollino rosso per le isole

Sono in aumento le misure di prevenzione. Umbria, Basilicata e Puglia si collocano ai primi posti

Incendi in calo ma rimane il bollino rosso per le isole
Roghi in calo, da un totale di 6.479, del 2008, a 5.422, nel 2009, grazie alle misure adottate di prevenzione e controlli. Ma la situazione rimane sempre allarmante per il Sud Italia e le isole. Nell'ultimo anno, infatti, solo in Sardegna sono bruciati circa 37mila ettari e la superficie totale invasa dalle fiamme è aumentata, passando dai 65.393 ettari, del 2008, agli attuali 73.360. Un comune su tre rimarrebbe leggermente in ritardo sulle operazioni di prevenzione, anche se si registra un netto aumento tra quelli che aggiornano il catasto delle aree bruciate.

E' questo il quadro complessivo tracciato dal "Dossier 2010" di Legambiente e della Protezione Civile che ha monitorato i Comuni italiani sull'applicazione della legge sugli incendi boschivi, assegnando anche la bandiera "Bosco Sicuro" a 20 municipi. E, per il secondo anno, la palma è stata assegnata a Nardò, in provincia di Lecce.

L'emergenza incendi, nel 2009, aveva coinvolto il 16% dei comuni italiani, a fronte di un 19%, registrato nell' anno precedente. Ma la Regione che sembra avere drasticamente diminuito il livello di allerta rimane l'Umbria, seguita dalla Basilicata e dalla Puglia. La situazione peggiore, invece, è stata riscontrata nella provincia di Sassari: nel mese di luglio e agosto 2009, sono bruciati oltre 17mila ettari di territorio.

Sul fronte prevenzione, il 37% dei comuni realizzerebbe campagne informative nelle scuole e per i fruitori dei boschi, il 42% organizzerebbe reti per
l' avvistamento e il presidio delle aree boschive, svolgendo una regolare pulizia dei terreni e attività selvicolturali per arginare l' innesco di piccoli focolai. Il 59% dei comuni avrebbe, inoltre, messo in atto politiche per supportare con accordi e convenzioni il volontariato di protezione civile, specializzato nell' antincendio.

Nel complesso, a una decina di anni dall' emanazione della Legge Quadro, il 70% delle amministrazioni comunali svolge complessivamente un lavoro positivo per ridurre il rischio di incendi boschivi, un buon risultato che, però, non può nascondere quel 30% di comuni che svolgono ancora un lavoro complessivamente negativo, di cui il 6% risulta gravemente inadempiente, zone non a caso particolarmente colpite dal fuoco negli ultimi due anni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog