Cerca

Milano islamica

Pisapia regala due nuove moschee ai milanesi

Pisapia regala due nuove moschee ai milanesi


Che l’amministrazione in carica fosse disposta ad ascoltare i cittadini soltanto quando le danno ragione, lo sapevano dal giorno del suo insediamento. Oggi ne abbiamo, una volta di più, la prova provata. Con evidente forzatura, il consiglio comunale si è trovato costretto ad approvare la delibera sul bando che consente l’apertura di due nuove moschee, con annesso regalo di aree pubbliche. Non importa che in redazione ci siano pervenute a migliaia le firme di milanesi che hanno aderito alla nostra campagna e hanno espresso la propria contrarietà. Non importa che a Lampugnano, dove un minareto dovrebbe svettare sull’area dell’ex Palasharp, sia scoppiato il finimondo in consiglio di zona, nonostante il tentativo di reprimere ogni dissenso, anche di militanti Dem. Non importa che la Regione sia in procinto di approvare una legge sui nuovi di culto, intesa a regolarne l’istituzione, così da evitare brutte sorprese.
Anzi, è di tutta evidenza che la somma di questi fattori abbia indotto la maggioranza a stringere i tempi, per tradurre le proprie intenzioni in fatto compiuto prima d’esser costretta a più miti consigli. La normativa che il Pirellone discuterà in gennaio prevede per esempio l’obbligo della Vas, cioè la valutazione ambientale strategica, grazie alla quale anche singoli cittadini potranno esprimere osservazioni e riserve; inoltre le associazioni che intendono costruire un luogo di culto dovranno rispondere a criteri stringenti, nessuno dei quali appare nella delibera del Comune, mero gesto politico, al pari dell'iscrizione nel registro delle coppie di fatto, dichiarato illegittimo dal ministero dell’Interno (chissà che ne pensano gli islamici).
Quattro sciamannati dicono no alle vie d’acqua previste per Expo e Pisapia s’inchina. I quartieri non vogliono le moschee ma Pisapia tira dritto. Si tratta di una scelta ideologica, di cui i musulmani sono strumenti inconsapevoli. La sinistra insegue l’utopia della società multietnica e multiculturale: imporre moschee è, secondo loro, un modo per realizzarla. Ecco perché gli arancioni vanno per le spicce.
Un tema tanto controverso avrebbe meritato approfondimenti seri e un confronto non formale con le comunità islamiche, alla ricerca di una via condivisa. A Palazzo Marino non ne sono capaci.

RENATO BESANA

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • michele difino

    19 Gennaio 2015 - 16:04

    se Pisapia fa tutto questo per loro i casi sono due: ho ha paura oppure è un terrorista.

    Report

    Rispondi

  • Sublimazione

    19 Gennaio 2015 - 15:03

    che cosa non si fa per raccogliere voti, dai sindaco ti vogliamo vedere con il camicione e le ciabatte

    Report

    Rispondi

  • zanzaratigre

    zanzaratigre

    18 Gennaio 2015 - 14:02

    Questo gran pezzo di m.... m.... m.... masochista (scusate, ma a volte tartaglio anche quando scrivo) non si rende conto di pestarsi le palle da solo. A noi bruciano le Chiese e lui costruisce moschee sul suolo italiano. Non dico altro perché mi viene ancora da tartagliare!

    Report

    Rispondi

  • buonavolonta

    18 Gennaio 2015 - 12:12

    ogni moschea costruita qui abbia come controparte una chiesa costruita la.... è giusto che ci sia equità !!!!! La questione è semplice chiedi e riceverai se non dai non riceverai niente

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog