Cerca

L'ultima chance

Mario Balotelli, furioso a fine partita: sale sul pullman da solo

13
Mario Balotelli

L'ultima grande occasione è sfumata? Il credito è esaurito, per sempre? Possibile. Il protagonista della grigia parabola è Mario Balotelli, il più chiacchierato e discusso degli azzurri. Dopo il gol nell'esordio con l'Inghilterra, il suo mondiale è stato un clamoroso calando. Impalpabile con la Costa Rica, sostituito alla fine del primo tempo nel match con l'Uruguay che ci ha condannato all'eliminazione nel girone, proprio come nel 2010. Contro i sudamericani, nella partita decisiva, Mario non ne azzecca una. Provocato, si mostra nervosissimo e guadagna un giallo (che gli vale una squalifica, se e quando mai giocherà ancora in azzurro). Cesare Prandelli decide così di non rimandarlo in campo nel secondo tempo: al suo posto dentro Marco Parolo. Un cambio discusso e discutibile, ma non tanto per la scelta di lasciare fuori il (teorico) Super Mario. Tutti d'accordo: il milanista, stasera, meglio averlo in panca che in campo. Il problema è che l'Italia è rimasta senza attaccanti, ma questo è un altro discorso. "Non riesci mai a capire quando è calmo e quando è nervoso. Lo consideravo un giocatore importante e l'ho sostituito perché avevamo paura di rimanere in dieci", ha spiegato Prandelli a fine partita, nella conferenza stampa in cui si è dimesso. Ma calmo, contro l'Uruguay, Balotelli non lo era affatto. Lo si è visto anche dopo il cambio, quel muso lungo in panchina, tutto solo, defilato con gli occhi lucidi. Ma lo si è visto soprattutto a fine partita. L'Italia, sconfitta e distrutta, si raccoglieva negli spogliatoi dello stadio di Natal, attorno al suo allenatore, a meditare sui perché della debacle. Tutti chiusi dentro. A parte uno. La porta si apre, ed esce Balotelli. Cuffione sulle orecchie, e via dritto verso il pullman, dove sale da solo e per primo. Forse, anzi probabilmente, in polemica con Prandelli, "reo" di averlo sostituito. In polemica con quell'allenatore che gli aveva concesso un'altra occasione, forse l'ultima di una carriera fino ad oggi sprecata.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • biemme

    25 Giugno 2014 - 19:07

    Lui furioso? Che faccia tosta! Con i miliardi che gli danno per ciondolare sul campo e rubare il posto ad uno meritevole è una indecenza. Eroe per aver segnato contro l'inghilterra? Con il pallone meraviglioso che gli hanno messo sulla testa a porta vuota poteva anche sbagliare? Ma finiamola con queste buffonate. Il calcio è una cosa e l'integrazione è un'altra. Se Prandelli potesse parlare......

    Report

    Rispondi

  • gian.ambrosini

    25 Giugno 2014 - 13:01

    Ha ragione Moggi, in Italia giocano troppi stranieri che non permettono ai nostri giovani di maturare. Occorre porre un limita al numero di stranieri almeno a quelli non coimunitari. Giankamillo

    Report

    Rispondi

  • magatofi

    25 Giugno 2014 - 12:12

    Ho un figlio di 19 anni che studia all'Università e gioca in serie D, sicuramente non capisco nulla di calcio, ma ho visto tanti bambini e ragazzi giocare, bravi, seri, impegnati. Perchè non provare a cercare in mezzo ai tanti campi di calcio italiani qualcuno davvero meritevole e serio, capace di metterci la faccia sempre e mandarlo avanti, invece di tanti pupazzi strapagati, osannati e poco seri

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media